Telemedicina

Un grande sfida in essere per l’assistenza sanitaria alla popolazione diabetica

Adv

Come puoi utilizzare la telemedicina per fornire cure per il diabete incentrate sul paziente?

Molti operatori sanitari e persone con diabete hanno utilizzato la telemedicina durante la pandemia di COVID-19. Che cosa ha rivelato l’esperienza sui vantaggi e le sfide della cura a distanza del diabete?

La pandemia di COVID-19 ha portato a un drammatico aumento dell’uso della telemedicina per fornire assistenza al diabete. Stephanie Crossen, MD, MPH, professoressa associata presso il Dipartimento di Pediatria e Centro per la Salute e la Tecnologia dell’Università della California Davis, discute ciò che gli operatori sanitari hanno appreso sui vantaggi e le sfide della fornitura di cure per il diabete a distanza.

D: Che cos’è la telemedicina o la teleassistenza? La telemedicina può essere utilizzata per fornire assistenza a persone con diversi tipi di diabete?

R: Telemedicina o teleassistenza si riferisce a qualsiasi assistenza sanitaria fornita in remoto tramite la tecnologia delle telecomunicazioni. Ciò può includere l’assistenza fornita da messaggi elettronici, incontri tramite dispositivi compatibili con video come smartphone o incontri telefonici. Mi concentrerò sugli incontri di telemedicina principalmente tramite video, ma anche tramite telefono, nel contesto della pandemia di COVID-19.

Il diabete è una delle condizioni più adatte per la telemedicina e la telemedicina può essere utilizzata per fornire assistenza a qualsiasi tipo di diabete. La gestione del diabete dipende dai dati generati dai pazienti e dalle relazioni di assistenza sanitaria tra i pazienti e i loro operatori sanitari, ed entrambe queste cose possono essere facilmente incorporate in una visita di telemedicina. Negli ultimi dieci anni circa, con una migliore connettività cloud e condivisione dei dati per così tanti dispositivi per il diabete, l’accesso remoto ai dati generati dai pazienti è più facile che mai. Questo ci consente di incontrare le persone dove si trovano e di fornire assistenza in un modo per loro più conveniente.

D: Quali tipi di cure per il diabete possono essere erogate tramite la telemedicina?

R: La telemedicina può essere utilizzata per fornire molti tipi di cure per il diabete, oltre all’interpretazione dei dati e all’adeguamento dei farmaci. Ad esempio, gli operatori sanitari possono utilizzare la telemedicina per fornire

  • cure più frequenti per i pazienti che stanno lottando o hanno bisogno di ulteriore supporto durante i periodi difficili
  • supporto per la salute mentale e terapia comportamentale per i pazienti diabetici e le loro famiglie
  • assistenza scolastica per bambini diabetici
  • supporto tra pari attraverso gruppi di pari virtuali e appuntamenti medici condivisi
  • formazione da fornitore a fornitore e consultazioni a distanza tra sottospecialisti del diabete e fornitori di cure primarie

D: Come è cambiato l’uso della telemedicina per fornire cure per il diabete durante la pandemia di COVID-19?

R: Uno studio che ha esaminato i dati di più cliniche statunitensi NIH link esterno ha rilevato che meno dell’1% delle visite per la cura del diabete sono state condotte tramite telemedicina a gennaio e febbraio 2020. Ad aprile 2020, dopo l’inizio della pandemia, la maggior parte delle visite per il diabete veniva condotta tramite telemedicina.

Un sondaggio tra gli endocrinologi statunitensi NIH link esterno ha rilevato che la maggior parte utilizzava la telemedicina per la maggior parte o tutte le visite dei pazienti entro la primavera del 2020. Tuttavia, solo l’11% di quegli endocrinologi aveva esperienza o formazione in telemedicina prima della pandemia. Un sondaggio dell’autunno 2020 sulle persone con diabete NIH link esterno che ho condotto ha rilevato che il 65% degli intervistati aveva ricevuto cure per il diabete tramite telemedicina, ma solo circa il 5% di coloro che utilizzavano la telemedicina aveva esperienza con esso prima della pandemia. Quindi, è stato un cambiamento improvviso per tutti.

L’uso della telemedicina è salito alle stelle per molte ragioni, tra cui

  • la necessità di distanziamento sociale e il rischio più elevato di morbilità e mortalità correlate al COVID per le persone con diabete
  • difficoltà del paziente che cercano assistenza di persona a causa di difficoltà economiche
  • modifiche temporanee alle politiche federali e statali che hanno rimosso gli ostacoli alla telemedicina consentendo agli operatori sanitari di utilizzare qualsiasi piattaforma di videoconferenza, ricevere un uguale rimborso per la telemedicina e le visite di persona e fornire assistenza in telemedicina attraverso i confini statali

D: Durante la pandemia, alcuni gruppi di pazienti hanno avuto più probabilità di altri di utilizzare la telemedicina? Quali fattori hanno influenzato l’uso della telemedicina?

R: Molti studi che hanno coinvolto persone con diabete o altre condizioni hanno mostrato che gli anziani, le persone con assicurazione pubblica e le persone appartenenti a gruppi di minoranze razziali e etniche utilizzavano meno la telemedicina. Erano più propensi a utilizzare l’assistenza di persona rispetto all’assistenza a distanza e più propensi a utilizzare l’assistenza telefonica rispetto all’assistenza video. Queste differenze possono essere correlate all’accesso a Internet, all’accesso a dispositivi compatibili con video o all’alfabetizzazione sanitaria digitale: comodità nell’utilizzo della tecnologia.

All’inizio della pandemia, abbiamo visto grandi disparità nell’uso della telemedicina per i non madrelingua inglesi. Queste disparità sono migliorate poiché i centri sanitari hanno incorporato i servizi di interpretazione nella telemedicina. Tuttavia, i centri sono stati più lenti nel passare alle applicazioni di telemedicina disponibili in più lingue.

D: Che cosa hanno appreso gli operatori sanitari sui vantaggi dell’utilizzo della telemedicina per fornire cure per il diabete?

R: Per i pazienti che sono disposti a farti vedere e conoscere il loro ambiente domestico, le visite di telemedicina possono aiutarti a comprendere le loro sfide. Ho avuto pazienti che mi hanno mostrato difficoltà, come non avere un frigorifero per conservare l’insulina o non avere accesso a cibi sani, di cui non hanno discusso durante le visite in clinica.

In qualità di professionista sanitario pediatrico, la telemedicina è stata un modo straordinario per coinvolgere i caregiver di un bambino. Spesso una persona porta un bambino a tutte le visite in clinica. Attraverso la telemedicina, sono stato in grado di entrare in contatto con altri membri della famiglia che forniscono cure per il diabete. Telehealth consente inoltre ai professionisti della salute pediatrica di continuare la cura del diabete quando i pazienti si trasferiscono per andare al college. Sono sicuro che la continuità delle cure sia un vantaggio anche per i pazienti adulti.

L’evidenza suggerisce che la telemedicina può portare a un maggiore coinvolgimento e autoefficacia per molte persone con diabete. I pazienti possono trovare il potere di connettersi con gli operatori sanitari dalle loro case, dove sono responsabili. Svolgere attività pre-visita, come svolgere il lavoro di laboratorio e prepararsi a condividere i dati, può anche aiutare i pazienti ad assumere la responsabilità della gestione del diabete. Questo senso di appartenenza può contribuire all’elevata soddisfazione dei pazienti per le visite di telemedicina.

D: Quali sono alcune sfide nell’utilizzo della telemedicina per fornire cure per il diabete?

R: I pazienti che non hanno molto spazio privato per le visite di telemedicina possono avere difficoltà ad affrontare argomenti delicati come la salute mentale o le relazioni personali che influenzano la gestione del diabete. Inoltre, alcuni pazienti non si sentono a proprio agio con le visite di telemedicina che consentono agli operatori sanitari di vedere il loro ambiente domestico.

Stabilire un rapporto e una fiducia tramite la telemedicina può essere più difficile, soprattutto se non hai una lunga relazione medico-paziente o lavori con pazienti molto giovani. Anche la mancanza di accesso a Internet e i problemi di condivisione dei dati o di connessione tramite video possono rappresentare delle sfide.

Per gli operatori sanitari, la capacità di esaminare fisicamente i pazienti tramite la telemedicina è piuttosto limitata. Tuttavia, per molti pazienti con diabete, non è necessario eseguire un esame fisico dettagliato a meno che non sorgano preoccupazioni specifiche. Un’altra sfida è fornire assistenza al team tramite la telemedicina, soprattutto se i membri del team di assistenza al diabete – infermieri, assistenti sociali, dietisti, psicologi – non partecipano alle visite di telemedicina in tempo reale.

D: Come è cambiato il ruolo della telemedicina nella cura del diabete dai primi giorni della pandemia? Quale ruolo potrebbe svolgere la telemedicina in futuro?

R: Per la maggior parte dei centri medici negli Stati Uniti, l’uso della telemedicina ha raggiunto il picco nella primavera e nell’estate del 2020, per poi diminuire. All’inizio del 2021, la maggior parte dei centri è tornata a fornire la maggior parte delle cure per il diabete di persona, ma ha continuato a utilizzare la telemedicina a tassi molto più elevati rispetto a prima della pandemia. L’uso della telemedicina varia ed è cambiato nel tempo a causa dei tassi e delle precauzioni locali di infezione da COVID.

Abbiamo visto il potenziale della telemedicina per facilitare la cura del diabete incentrata sul paziente, flessibile e individualizzata. Tuttavia, non abbiamo ancora molte prove su come utilizzare la telemedicina. Alcune modalità o frequenze di telemedicina sono più vantaggiose per popolazioni specifiche di persone con diabete, a seconda del tipo di diabete o dell’età o dell’utilizzo del dispositivo? Molte organizzazioni stanno attualmente sviluppando dichiarazioni di consenso sulla telemedicina per aiutare a guidare gli operatori sanitari, il che è fantastico.

Inoltre, non sappiamo come sarà l’ambiente della pratica di telemedicina in futuro. Le politiche sanitarie possono limitare l’uso della telemedicina una volta scadute le politiche temporanee sulla pandemia. Ci sono stati sforzi per attuare politiche di telemedicina permanenti, ma queste politiche variano. C’è anche uno sforzo nazionale per aumentare l’accesso a Internet a banda larga, ma non è chiaro quanto saranno di vasta portata gli effetti di ciò.

Per fortuna, molti sistemi sanitari stanno lavorando per migliorare l’accesso e l’equità nella telemedicina. Ad esempio, i sistemi sanitari stanno lavorando per offrire servizi di interpretazione della telemedicina, adattare le applicazioni software per più lingue e fornire navigatori per la telemedicina alle persone con un’alfabetizzazione sanitaria digitale limitata.

D: Che consiglio hai per gli operatori sanitari o le organizzazioni che considerano l’avvio o l’ampliamento di un programma di telemedicina per la cura del diabete?

R: Sono stato coautore di un articolo, I 10 migliori consigli per implementare con successo un  programma di telemedicina per il diabete , che è stato pubblicato a marzo 2020, lo stesso mese in cui è iniziato il blocco del COVID-19. Molti dei consigli in quell’articolo sono ancora applicabili.

Invito gli operatori sanitari a farlo

  • investire in prodotti e processi di telemedicina che promuovono l’equità, come i software che richiedono una minore alfabetizzazione sanitaria digitale e utilizzano più lingue
  • consentire sia incontri video che telefonici, poiché alcuni pazienti potrebbero voler ricevere assistenza remota ma hanno problemi a utilizzare le applicazioni video
  • programmare blocchi di visite di telemedicina e coordinare gli sforzi per fornire assistenza al team del diabete tramite la telemedicina
  • determinare come la tua pratica standardizzerà o personalizzerà i piani di cura del diabete per incorporare la telemedicina
  • fornire flessibilità convertendo le visite di persona in visite di telemedicina quando necessario
  • avere membri del personale che fungono da navigatori di telemedicina
  • fornire orientamento e formazione a tutti gli operatori sanitari coinvolti nella telemedicina

D: Quali ricerche vengono condotte sull’uso della telemedicina nella cura del diabete?

A: Per fortuna, ci sono così tante ricerche in questo spazio che non posso riassumerle tutte. Emozionanti aree di ricerca includono

  • utilizzando la telemedicina per appuntamenti medici condivisi e gruppi di pari virtuali, che possono migliorare l’esperienza e i risultati della cura del diabete per adolescenti e giovani adulti con diabete di tipo 1
  • analizzare i dati remoti per capire quali pazienti necessitano di maggiore supporto e quando ne hanno bisogno
  • confrontare i risultati del monitoraggio remoto e delle visite di telemedicina più frequenti
  • fornire salute comportamentale e supporto per la salute mentale ai pazienti con diabete tramite la telemedicina
  • collegare gli specialisti del diabete con i fornitori di cure primarie attraverso programmi, come il progetto ECHO (Extension for Community Healthcare Outcomes) , che facilita le consultazioni a distanza e la formazione da fornitore a fornitore
Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: