Batticuore

Le donne con endometriosi possono avere un rischio maggiore di ictus

Adv

Punti salienti della ricerca:

  • Uno studio su più di 110.000 donne ha scoperto che quelle con endometriosi (crescita anormale di tessuto simile all’endometrio al di fuori dell’utero) avevano un rischio di ictus maggiore del 34% rispetto a quelle senza endometriosi.
  • I trattamenti comuni per l’endometriosi, tra cui l’isterectomia (rimozione dell’utero), l’ovariectomia (rimozione delle ovaie) e la terapia ormonale postmenopausale, possono in parte spiegare questo rischio più elevato di ictus nelle donne con endometriosi.

DALLAS, 21 luglio 2022 — Un ampio studio prospettico ha rilevato che le donne con endometriosi possono avere un rischio maggiore di ictus rispetto alle donne senza la condizione infiammatoria cronica, secondo una nuova ricerca pubblicata oggi su Stroke , la rivista di punta della rivista scientifica peer-reviewed. American Stroke Association, una divisione dell’American Heart Association.

Secondo gli autori dello studio, l’endometriosi (crescita anormale del tessuto simile all’endometrio al di fuori dell’utero) colpisce circa il 10% delle donne in età riproduttiva negli Stati Uniti. Precedenti ricerche hanno scoperto che le donne con endometriosi sono maggiormente a rischio di malattie cardiovascolari come infarto , ipertensione e colesterolo alto .

“Questi risultati suggeriscono che le donne con una storia di endometriosi possono essere maggiormente a rischio di ictus”, ha affermato Stacey A. Missmer, Sc.D., autore senior dello studio e professore di ostetricia, ginecologia e biologia riproduttiva presso il Michigan State University College of Human Medicina a Grand Rapids, Michigan. “I medici dovrebbero considerare la salute dell’intera donna, inclusi pressione sanguigna elevata, colesterolo alto e altri nuovi fattori di rischio di ictus, non solo i sintomi specificamente associati all’endometriosi, come il dolore pelvico o l’infertilità”.

In questo studio, i ricercatori guidati dal primo autore, Leslie V. Farland, Sc.D., assistente professore di epidemiologia e biostatistica presso l’Università dell’Arizona, a Tucson, hanno esaminato l’associazione tra endometriosi e lo sviluppo di ictus ischemico (causato da coaguli di sangue blocco del flusso sanguigno) o ictus emorragico(causata da sanguinamento nel cervello) tra le donne arruolate nel Nurses’ Health Study II. L’analisi ha coinvolto 112.056 donne che erano infermiere di età compresa tra 25 e 42 anni provenienti da 14 stati degli Stati Uniti all’inizio dello studio nel 1989. L’attuale studio si è concluso nel 2017. Una laparoscopia (procedura chirurgica in cui uno strumento a fibra ottica è inserito attraverso la parete addominale per visualizzare gli organi dell’addome o per consentire un intervento chirurgico) è stato utilizzato per fare la diagnosi di endometriosi. L’endometriosi è stata segnalata in 5.244 donne e la maggior parte dei partecipanti (93%), comprese quelle con diagnosi di endometriosi, erano donne bianche.

I ricercatori hanno analizzato i dati raccolti ogni due anni per molti possibili fattori confondenti o fattori di rischio, tra cui l’assunzione di alcol, l’attuale indice di massa corporea, il ciclo mestruale nell’adolescenza, l’attuale contraccettivo orale e l’esposizione agli ormoni postmenopausali, fumo, dieta, attività fisica, uso di aspirina, razza /etnia e reddito. Inoltre, i ricercatori hanno studiato se il legame tra endometriosi e rischio di ictus potesse essere spiegato da altri fattori di mediazione come ipertensione, colesterolo alto, isterectomia (rimozione dell’utero), ovariectomia (rimozione delle ovaie) e terapia ormonale postmenopausale. Durante i 28 anni di follow-up, comprese le conferme delle cartelle cliniche, i ricercatori hanno documentato 893 ictus.

L’analisi ha rilevato:

  • Le donne con endometriosi (5.244) avevano un rischio maggiore di ictus del 34% rispetto a quelle senza la condizione (106.812).
  • La maggior parte del rischio di ictus associato all’endometriosi era legata all’isterectomia e/o all’ovariectomia (39%) e alla terapia ormonale postmenopausale (16%).
  • Non sono state osservate differenze significative nella relazione tra endometriosi e ictus tra molteplici fattori, come l’età, la storia di infertilità, l’indice di massa corporea o lo stato della menopausa.

“Ci sono circostanze in cui un’isterectomia e/o un’ovariectomia è la scelta migliore per una donna, tuttavia, dobbiamo anche assicurarci che i pazienti siano consapevoli dei potenziali rischi per la salute associati a queste procedure”, ha affermato Missmer. “Altre ricerche suggeriscono anche che l’isterectomia è associata a un elevato rischio di ictus anche se non c’è una storia di endometriosi”.

“Questi risultati non indicano che le donne che hanno l’endometriosi avranno un ictus. Invece, questi risultati indicano solo un’associazione di rischio relativo moderato. Il rischio assoluto di ictus nelle donne è basso”, ha detto Missmer. “Le donne con endometriosi dovrebbero prestare attenzione a tutto il loro corpo e discutere i rischi aggiuntivi e le opzioni preventive con il loro team sanitario”.

“Sebbene sappiamo che gli esiti avversi della gravidanza sono associati a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari premature, questo studio fa luce sull’associazione di problemi ginecologici come l’endometriosi con l’ictus, che potrebbe avere un impatto sia sui pazienti che sui medici”, ha affermato l’American Heart Association Go Red per Donne volontarie Garima Sharma, MBBS, che è direttrice di cardio-ostetricia e vicedirettrice di medicina presso la Johns Hopkins Cardiology di Baltimora. “Soprattutto, questo studio sottolinea l’importanza di comprendere la storia riproduttiva e ginecologica”.

Lo studio aveva diversi limiti. I dati che descrivono in dettaglio i sottotipi di ictus non erano disponibili. Di conseguenza, non è stato possibile valutare la relazione tra sottotipi di ictus ed endometriosi. Un’altra limitazione dello studio è che i ricercatori non sono stati in grado di determinare l’impatto del tempo dall’inizio dei sintomi associati all’endometriosi e l’età alla diagnosi dell’endometriosi.

Altri coautori sono William J. Degnan III, Dr.PH; Melanie L. Bell, Ph.D.; Scott E. Kasner, MD; Ava L. Liberman, MD; Divya K. Shah, MD, MME; e Kathryn M. Rexrode, MD Le rivelazioni degli autori sono elencate nel manoscritto.

Lo studio è stato finanziato dal National Institutes of Health.

Gli studi pubblicati sulle riviste scientifiche dell’American Heart Association sono sottoposti a revisione paritaria. Le dichiarazioni e le conclusioni in ogni manoscritto sono esclusivamente quelle degli autori dello studio e non riflettono necessariamente la politica o la posizione dell’Associazione. L’Associazione non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza o affidabilità. L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati; anche fondazioni e società (comprese farmaceutiche, produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per impedire che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. Sono disponibili i ricavi di aziende farmaceutiche e biotecnologiche, produttori di dispositivi e fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie complessive dell’Associazione qui .

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: