Terapie

Le migliori pratiche per diagnosticare e gestire la steatosi epatica non alcolica negli individui magri

Adv

La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) è ben riconosciuta come una delle principali cause di malattia epatica cronica, che colpisce oltre il 25% della popolazione statunitense e mondiale. Un individuo su quattro con NAFLD ha una steatoepatite non alcolica, un tipo di malattia del fegato in cui il grasso si accumula nel fegato di persone che bevono poco o niente alcol, che è associato a morbilità e mortalità significative dovute a complicanze della cirrosi epatica, scompenso epatico. deterioramento della funzionalità epatica) e cancro al fegato.

Sebbene la NAFLD sia osservata prevalentemente nelle persone con obesità e/o diabete mellito di tipo 2 (T2DM), si stima che dal 7 al 20% degli individui con NAFLD abbia una corporatura magra. Sfortunatamente, fino ad ora, i medici hanno avuto a disposizione una guida limitata sulla valutazione clinica appropriata negli individui magri con NAFLD.

I ricercatori hanno compilato un aggiornamento sulla pratica clinica in cui forniscono consigli sulle migliori pratiche su come diagnosticare e gestire la steatosi epatica non alcolica tra le persone magre

“Questa revisione di esperti è stata commissionata e approvata dall’American Gastroenterological Association (AGA) Institute Clinical Practice Updates Committee e dal consiglio di amministrazione dell’AGA per fornire una guida tempestiva su un argomento di elevata importanza clinica per i membri dell’AGA ed è stata sottoposta a revisione paritaria interna da parte della Clinical Practice Comitato per gli aggiornamenti e revisione tra pari esterna”, ha affermato l’autrice corrispondente Michelle T. Long MD, MSc, professore associato di gastroenterologia presso la Boston University School of Medicine.

Tra le 15 dichiarazioni di consigli sulle migliori pratiche ci sono:

  • La NAFLD magra dovrebbe essere diagnosticata in soggetti con NAFLD e un indice di massa corporea (BMI) < 25 kg/m2 (razza non asiatica) o un BMI <23 kg/m2 (razza asiatica).
  • Gli individui magri con NAFLD dovrebbero essere valutati per condizioni di comorbilità, come T2DM, dislipidemia (colesterolo elevato) e ipertensione.
  • Gli individui magri con NAFLD dovrebbero essere classificati in base al rischio di fibrosi epatica (tessuto connettivo eccessivo nel fegato) per identificare quelli con fibrosi o cirrosi avanzata.
  • Gli individui magri nella popolazione generale non dovrebbero sottoporsi a screening di routine per NAFLD; tuttavia, lo screening dovrebbe essere preso in considerazione per le persone di età superiore ai 40 anni con T2DM.

Secondo i ricercatori, è difficile identificare quelli con NAFLD che sono a più alto rischio di progressione della malattia. “Circa il 10% di quelli con NAFLD sono magri e tradizionalmente questo gruppo è stato ancora più difficile da diagnosticare poiché la condizione spesso non viene riconosciuta”, spiega Long, che è anche un gastroenterologo al Boston Medical Center.

Questi risultati appaiono online sulla rivista Gastroenterology .

Il Dr. Long è supportato in parte dal National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases K23 DK113252, dalla Doris Duke Charitable Foundation Grant n. 2019085, dal Gilead Sciences Research Scholars Award, dalla Boston University School of Medicine Department of Medicine Career Investment Award e il Boston University Clinical Translational Science Institute UL1 TR001430.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: