Terapie

L’infusione di ormoni migliora la produzione di insulina pancreatica nei pazienti con fibrosi cistica o a rischio di diabete

Adv

La fibrosi cistica è nota per attaccare i polmoni attraverso spessi blocchi di muco, ma quelli con questa condizione spesso sviluppano anche il diabete a causa del modo in cui la fibrosi cistica può influenzare il pancreas. Poiché il diabete è stato collegato a una funzione polmonare peggiore, questo crea un circolo vizioso, con il diabete che agisce come un moltiplicatore sui polmoni già danneggiati del paziente. Tuttavia, una nuova ricerca mostra che l’infusione di un ormone chiamato peptide-1 simile al glucagone (GLP-1) in pazienti con fibrosi cistica che hanno il diabete o sono a rischio per esso può migliorare la funzione delle cellule insulari danneggiate nel pancreas, che aiutano a mantenere il sangue zucchero sotto controllo. Questa ricerca è stata pubblicata su Diabetes .

“Questa scoperta supporta la probabilità che i farmaci agonisti del GLP-1 possano avere benefici terapeutici nel trattamento e nella possibile prevenzione del diabete correlato alla fibrosi cistica”, ha affermato il co-autore senior dello studio, Michael Rickels, MD, Willard e Rhoda Ware Professor in Diabete e malattie metaboliche presso la Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania. “Un migliore trattamento del diabete correlato alla fibrosi cistica è fondamentale per preservare la funzione polmonare e ora stiamo testando gli effetti a lungo termine di un agonista del GLP-1 sul metabolismo in uno studio clinico separato”.

Quasi nove persone su 10 con fibrosi cistica soffrono anche di insufficienza pancreatica , una condizione in cui il pancreas non è in grado di produrre abbastanza enzimi necessari per una corretta digestione. Si stima che una persona su cinque con fibrosi cistica abbia attualmente il diabete . Un fattore di complicazione significativo è che questi pazienti spesso non rispondono alle iniezioni di insulina allo stesso modo delle persone che hanno il diabete ma non la fibrosi cistica.

Il GLP-1 è un bersaglio intrigante perché è un ormone coinvolto nella digestione. Nel pancreas, aiuta a controllare la produzione di insulina, contribuendo al naturale equilibrio di zucchero nel sangue del corpo. In quanto tale, questo ormone è fortemente legato al funzionamento delle cellule delle isole pancreatiche.

Alla ricerca di un trattamento più efficace per i pazienti affetti da fibrosi cistica che sono pancreatici insufficienti, Rickels e l’autore co-senior Andrea Kelly, MD, professore di pediatria al Children’s Hospital di Philadelphia (CHOP), hanno testato due diversi tipi di infusioni di ormoni. Questi ormoni sono noti per migliorare la funzione delle cellule insulari nel pancreas. Mentre i soggetti dello studio hanno ricevuto infusioni continue di 90 minuti di un ormone o dell’altro, il pensiero è che i farmaci chiamati agonisti che sono versioni ad azione prolungata di questi ormoni nel corpo potrebbero essere iniettati rapidamente solo una volta alla settimana, in contrasto con i multipli giornalieri iniezioni di insulina.

Lo studio è stato condotto su 36 pazienti. Hanno ricevuto l’ormone GLP-1 o un’infusione dell’ormone polipeptidico insulinotropico glucosio-dipendente (GIP). Quindi, ciascuno di loro ha anche ricevuto un’infusione di placebo in un’altra occasione per fungere da confronto con l’infusione di ormoni.

La produzione naturale di insulina nei pazienti che hanno ricevuto l’ormone GLP-1 è aumentata in modo significativo rispetto a quando hanno ricevuto l’infusione di placebo. Altrettanto importante, i ricercatori non hanno visto alcun cambiamento nella produzione di insulina del corpo tra coloro che sono stati infusi con GIP. Ciò probabilmente significa che la perdita di funzione legata all’ormone GIP è più complessa di quanto scoperto sul GLP-1.

“L’identificazione dei meccanismi alla base del diabete nella fibrosi cistica offre la possibilità di sviluppare interventi per prevenire o ritardare lo sviluppo del diabete e alleviare il carico terapeutico per le persone con diabete correlato alla fibrosi cistica”, ha affermato Kelly. “Questo lavoro può anche fornire ulteriori informazioni sulla funzione delle isole che potrebbero essere rilevanti per altre forme di diabete”.

Rickels e Kelly stanno conducendo un nuovo studio clinico di un agonista del GLP-1 attualmente disponibile come prova del valore terapeutico per questa popolazione di pazienti per vedere se le somministrazioni settimanali dell’agonista per sei settimane hanno lo stesso effetto del continuo infusi che il team ha già studiato.

Se le dosi settimanali di agonista si rivelassero efficaci, potrebbe essere un’alternativa alle iniezioni giornaliere di insulina, che possono risultare scomode e incoerenti.

“La nostra speranza è di ritardare o ridurre significativamente la necessità di una gestione complessa dell’insulina preservando la funzione delle isole e la secrezione di insulina negli individui con fibrosi cistica, potenzialmente tramite una terapia iniettiva con agonista del GLP-1 una volta alla settimana”, ha affermato Rickels.

Questo studio è stato sostenuto dal National Institutes of Health (R01 DK97830, K23 DK107937, UL1 TR001878, P30 DK19525, T32 DK007314) e dalla Cystic Fibrosis Foundation (RICKEL19A0-I).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: