Mangiare e bere

Come sapere cosa è troppo vecchio per mangiare, ce lo spiega il ricercatore sulla sicurezza alimentare

Adv

Le date di scadenza degli alimenti non hanno molta scienza alle spalle: un ricercatore sulla sicurezza alimentare spiega un altro modo per sapere cosa è troppo vecchio per essere mangiato

L’ epidemia di listeria in Florida ha finora portato ad almeno un decesso, 22 ricoveri e un richiamo di gelato da gennaio. Gli esseri umani si ammalano di infezioni da listeria, o listeriosi, mangiando cibo contaminato dal suolo, carne poco cotta o latticini crudi o non pastorizzati. Listeria può causare convulsioni, coma, aborto spontaneo e difetti alla nascita. Ed è la terza causa di morte per intossicazione alimentare negli Stati Uniti.

Evitare i rischi alimentari invisibili è il motivo per cui le persone controllano spesso le date sulle confezioni degli alimenti . E stampato con il mese e l’anno è spesso una di una serie vertiginosa di frasi: “meglio entro”, “usare entro”, “meglio se usato prima”, “meglio se usato entro”, “garantito fresco fino a”, “congelare entro ” e persino un’etichetta “born on” applicata ad alcune birre.

Adv

La gente li considera come date di scadenza, o la data in cui un alimento dovrebbe finire nella spazzatura. Ma le date hanno poco a che fare con quando il cibo scade o diventa meno sicuro da mangiare. Sono un microbiologo e ricercatore di salute pubblica e ho utilizzato l’epidemiologia molecolare per studiare la diffusione dei batteri negli alimenti. Un sistema di datazione dei prodotti più basato sulla scienza potrebbe rendere più facile per le persone differenziare gli alimenti che possono mangiare in sicurezza da quelli che potrebbero essere pericolosi.

Confusione costosa

Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti riferisce che nel 2020 la famiglia americana media ha speso il 12% del proprio reddito in cibo . Ma molto cibo viene semplicemente buttato via, nonostante sia perfettamente sicuro da mangiare. Il Centro di ricerca economica dell’USDA riporta che quasi il 31% di tutto il cibo disponibile non viene mai consumato. I prezzi degli alimenti storicamente elevati fanno sembrare il problema dei rifiuti ancora più allarmante.

L’attuale sistema di etichettatura degli alimenti potrebbe essere la causa di gran parte degli sprechi. La FDA riferisce che la confusione dei consumatori sulle etichette di datazione dei prodotti è probabilmente responsabile di circa il 20% del cibo sprecato in casa, con un costo stimato di 161 miliardi di dollari all’anno.

È logico credere che le etichette dei datteri siano presenti per motivi di sicurezza, dal momento che il governo federale applica le regole per includere informazioni nutrizionali e sugli ingredienti sulle etichette degli alimenti. Approvato nel 1938 e da allora continuamente modificato, il Food, Drug, and Cosmetics Act richiede che le etichette degli alimenti informino i consumatori sulla nutrizione e gli ingredienti negli alimenti confezionati, inclusa la quantità di sale, zucchero e grassi in essi contenuti.

Le date su quei pacchetti alimentari, tuttavia, non sono regolate dalla Food and Drug Administration. Piuttosto, provengono da produttori di cibo. E potrebbero non essere basati sulla scienza della sicurezza alimentare.

Ad esempio, un produttore alimentare può intervistare i consumatori in un focus group per scegliere una data di scadenza che è sei mesi dopo la produzione del prodotto perché il 60% del focus group non ha più apprezzato il gusto. I produttori più piccoli di un alimento simile potrebbero imitare e mettere la stessa data sul loro prodotto.

Altre interpretazioni

Un gruppo industriale, il Food Marketing Institute and Grocery Manufacturers Association, suggerisce che i suoi membri contrassegnino il cibo “meglio se usato entro” per indicare per quanto tempo il cibo è sicuro da mangiare e “usare entro” per indicare quando il cibo diventa pericoloso. Ma l’uso di questi segni più sfumati è volontario. E sebbene la raccomandazione sia motivata dal desiderio di ridurre lo spreco alimentare, non è ancora chiaro se questa modifica raccomandata abbia avuto un impatto.

Uno studio congiunto della Harvard Food Law and Policy Clinic e del National Resources Defense Council raccomanda l’eliminazione delle date rivolte ai consumatori, citando potenziali confusione e sprechi. Invece, la ricerca suggerisce che produttori e distributori utilizzino date di “produzione” o “pack”, insieme a date di “sell-by”, rivolte a supermercati e altri rivenditori. Le date indicherebbero ai rivenditori per quanto tempo un prodotto rimarrà di alta qualità.

La FDA considera alcuni prodotti “alimenti potenzialmente pericolosi” se hanno caratteristiche che consentono ai microbi di prosperare , come l’umidità e l’abbondanza di nutrienti che alimentano i microbi. Questi alimenti includono pollo, latte e pomodori a fette, che sono stati tutti collegati a gravi epidemie di origine alimentare . Ma attualmente non vi è alcuna differenza tra l’etichettatura della data utilizzata su questi alimenti e quella utilizzata su prodotti alimentari più stabili.

Un sacchetto di plastica di pasta ripiena precotta giace con l'etichetta rivolta verso l'alto, con la scritta "Utilizzare entro il 22 novembre" e "Conservare in frigorifero".
Le date di scadenza potrebbero essere più significative se si basassero su studi scientifici sul tasso di perdita di nutrienti o sulla crescita microbica di un alimento. Thomas Faull/iStock tramite Getty Images

Formula scientifica

Il latte artificiale è l’unico prodotto alimentare con una data di scadenza regolamentata dal governo e scientificamente determinata. È regolarmente testato in laboratorio per la contaminazione. Ma il latte artificiale viene anche sottoposto a test nutrizionali per determinare quanto tempo impiegano i nutrienti, in particolare le proteine, a scomporsi. Per prevenire la malnutrizione nei bambini, la data di scadenza sul latte artificiale indica quando non è più nutriente.

I nutrienti negli alimenti sono relativamente facili da misurare. La FDA lo fa già regolarmente . L’agenzia emette avvertimenti ai produttori di alimenti quando i contenuti dei nutrienti elencati sulle loro etichette non corrispondono a ciò che trova il laboratorio della FDA.

Gli studi microbici, come quelli su cui lavoriamo noi ricercatori sulla sicurezza alimentare, sono anche un approccio scientifico all’etichettatura della data significativa sugli alimenti. Nel nostro laboratorio, uno studio microbico potrebbe comportare lasciare un alimento deperibile a deteriorarsi e misurare la quantità di batteri che vi crescono nel tempo. Gli scienziati fanno anche un altro tipo di studio microbico osservando quanto tempo impiega microbi come la listeria a crescere a livelli pericolosi dopo aver aggiunto intenzionalmente i microbi al cibo per osservare cosa fanno, osservando dettagli come la crescita della quantità di batteri nel tempo e [quando ce n’è abbastanza per causare la malattia].

Consumatori da soli

Determinare la durata di conservazione del cibo con dati scientifici sia sulla sua nutrizione che sulla sua sicurezza potrebbe ridurre drasticamente gli sprechi e risparmiare denaro man mano che il cibo diventa più costoso.

Ma in assenza di un sistema di datazione alimentare uniforme, i consumatori potrebbero fare affidamento sui loro occhi e naso , decidendo di scartare il pane sfocato, il formaggio verde o il sacchetto di insalata dall’odore sgradevole. Le persone potrebbero anche prestare molta attenzione ai datteri per cibi più deperibili, come i salumi, in cui i microbi crescono facilmente. Possono anche trovare indicazioni su FoodSafety.gov


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: