Benessere

La sostanza chimica che controlla la vita e la morte nei follicoli piliferi

Adv

La scoperta potrebbe aiutare a porre fine alla calvizie, accelerare la guarigione

Una singola sostanza chimica è la chiave per controllare quando le cellule del follicolo pilifero si dividono e quando muoiono. Questa scoperta potrebbe non solo curare la calvizie, ma in definitiva accelerare la guarigione delle ferite perché i follicoli sono una fonte di cellule staminali.

La maggior parte delle cellule del corpo umano ha una forma e una funzione specifiche determinate durante lo sviluppo embrionale che non cambiano. Ad esempio, una cellula del sangue non può trasformarsi in una cellula nervosa o viceversa. Le cellule staminali, tuttavia, sono come le tessere bianche in un gioco di Scarabeo; possono trasformarsi in altri tipi di cellule. 

La loro adattabilità li rende utili per riparare tessuti o organi danneggiati. 

“Nella fantascienza, quando i personaggi guariscono rapidamente dalle ferite, l’idea è che le cellule staminali lo consentissero”, ha detto il biologo matematico della UC Riverside e coautore dello studio Qixuan Wang.

“Nella vita reale, la nostra nuova ricerca ci avvicina alla comprensione del comportamento delle cellule staminali, in modo da poterlo controllare e promuovere la guarigione delle ferite”, ha affermato Wang. Questa ricerca è dettagliata in un recente articolo su Biophysical Journal .

Il fegato e lo stomaco si rigenerano in risposta alle ferite. Tuttavia, il team di Wang ha studiato i follicoli piliferi perché sono l’unico organo nell’uomo che si rigenera automaticamente e periodicamente, anche senza lesioni.

I ricercatori hanno determinato in che modo un tipo di proteina, il TGF-beta, controlla il processo mediante il quale le cellule dei follicoli piliferi, comprese le cellule staminali, si dividono e formano nuove cellule, o orchestrano la propria morte, portando infine alla morte dell’intero follicolo pilifero. 

“TGF-beta ha due ruoli opposti. Aiuta ad attivare alcune cellule del follicolo pilifero per produrre nuova vita e, in seguito, aiuta a orchestrare l’apoptosi, il processo di morte cellulare”, ha detto Wang. 

Come per molte sostanze chimiche, è la quantità che fa la differenza. Se la cellula produce una certa quantità di TGF-beta, attiva la divisione cellulare. Troppo provoca l’apoptosi. 

Nessuno è del tutto sicuro del motivo per cui i follicoli si uccidono. Alcune ipotesi suggeriscono che sia un tratto ereditato dagli animali che perdono pelo per sopravvivere alle calde temperature estive o cercano di mimetizzarsi. 

“Anche quando un follicolo pilifero si uccide, non uccide mai il suo serbatoio di cellule staminali. Quando le cellule staminali sopravvissute ricevono il segnale di rigenerarsi, si dividono, creano nuove cellule e si sviluppano in un nuovo follicolo”, ha detto Wang. 

Se gli scienziati riuscissero a determinare con maggiore precisione il modo in cui il TGF-beta attiva la divisione cellulare e come la sostanza chimica comunica con altri geni importanti, potrebbe essere possibile attivare le cellule staminali del follicolo e stimolare la crescita dei capelli. 

Poiché molti animali, compresi gli esseri umani, possiedono la pelle ricoperta di peli, una perfetta guarigione delle ferite richiederebbe la rigenerazione dei follicoli piliferi. Essere in grado di controllare più precisamente i livelli di TGF-beta potrebbe anche curare un giorno la calvizie, che infastidisce milioni di persone in tutto il mondo.  

“Potenzialmente il nostro lavoro potrebbe offrire qualcosa per aiutare le persone che soffrono di una varietà di problemi”, ha detto Wang.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: