Terapie

Con la pelle di rana la ferita diabetica guarisce

Adv

NTU Singapore e Cuprina trasformano la pelle di rana in collagene di grado clinico per le ferite croniche e la guarigione della pelle

Un nuovo collagene di grado clinico ottenuto dalla pelle di rana toro scartata sta per passare presto dal banco di laboratorio alle cliniche.

Il collagene è sviluppato dagli scienziati dei materiali della Nanyang Technological University, Singapore (NTU Singapore) in collaborazione con la società di tecnologia medica di Singapore Cuprina Wound Care Solutions (Cuprina) , specializzata nello sviluppo di prodotti per il trattamento delle ferite croniche, come quelle subite dai pazienti diabetici.

Attraverso la società di innovazione e impresa di NTU, NTUitive , la tecnologia brevettata per convertire la pelle di rana toro di scarto in prodotti per la cura delle ferite della pelle è stata concessa in licenza esclusiva a Cuprina per la produzione commerciale e su larga scala.

In caso di successo, questo nuovo prodotto integrerà il prodotto di punta di Cuprina MEDIFLY, una medicazione biologica a base di vermi vivi di Cuprina Lucilia di grado medico , che viene utilizzata nella terapia di debridement dei Maggot.

È clinicamente dimostrato che MEDIFLY elimina le infezioni croniche delle ferite e riduce i tassi di amputazione causati dalle ferite, specialmente nei casi associati alle ulcere del piede diabetico, ed è utilizzato da ospedali e cliniche specializzate in tutta Singapore.

Le ferite croniche colpiscono 1 paziente su 20 a Singapore. Insieme al diabete che colpisce 1 paziente su 10 e a una popolazione che invecchia rapidamente, il rischio di sviluppare una ferita cronica è elevato e si prevede che la domanda di cure per ferite croniche a prezzi accessibili aumenterà.

Nell’ambito dello scale-up, Cuprina ha istituito un laboratorio satellite conforme alle buone pratiche di fabbricazione (GMP) presso il Life Science Incubator di Singapore, per replicare l’estrazione del collagene e lo sviluppo del prodotto di medicazione di NTU.

Il fondatore e Chief Technology Officer di Cuprina Holdings, Carl Baptista , ha dichiarato: “Il nostro obiettivo è sempre promuovere e incoraggiare la guarigione naturale delle ferite, intervenendo solo per aiutare il corpo a fare ciò che fa organicamente. Con la tecnologia brevettata di NTU, possiamo sviluppare una linea di prodotti naturali di collagene di origine anfibia che sono altamente compatibili con il corpo umano. È questa compatibilità che porta a migliori risultati di guarigione rispetto a ciò che è attualmente disponibile”.

Il sig. Baptista ha aggiunto che la ricerca esistente documenta gli effetti complementari che la terapia dei vermi e il collagene hanno sui casi di guarigione delle ferite. Questi studi si concentrano sul collagene bovino, ma ciò che ha incuriosito Cuprina del collagene di origine anfibia, è stata la sua potenzialmente maggiore biocompatibilità con l’uomo rispetto alle fonti di collagene tradizionali, e quindi la sua capacità di migliorare la qualità della guarigione delle ferite.

Un modo sostenibile per trasformare i rifiuti in un tesoro

Attualmente, 20 milioni di tonnellate [1] di sottoprodotti della pesca, come pinne, squame e pelli, vengono scartati ogni anno e si stima che il consumo annuo combinato di carne di rana e pesce sia di circa 100 milioni di chilogrammi.

L’utilizzo di questi rifiuti di pesce per creare prezioso collagene è un modo sostenibile per riciclare e ridurre gli sprechi per Singapore, poiché il paese sta guidando verso il suo piano generale sui rifiuti zero e incoraggiando una bioeconomia circolare.

Questo sforzo di ricerca e commercializzazione aiuterà Singapore a raggiungere il suo obiettivo di diventare una nazione sostenibile, efficiente sotto il profilo delle risorse e resiliente al clima, afferma il Professor Associato Dalton Tay della School of Materials Science and Engineering della NTU , esperto nella valorizzazione della biomassa animale e vegetale, che ha sviluppato l’innovazione.

“Nell’ambito del Piano Strategico NTU 2025 e del suo Manifesto della Sostenibilità, stiamo sviluppando modi innovativi per trasformare i rifiuti in materiali utili per affrontare alcune delle più grandi sfide dell’umanità. L’esperienza di NTU nella trasformazione della biomassa di scarto in preziose materie prime è ora molto ricercata dall’industria che guarda a fonti sostenibili. Nella nostra partnership con Cuprina, siamo lieti di poter soddisfare sia gli obiettivi di bioeconomia circolare che le esigenze sanitarie di Singapore con un’unica innovazione”, spiega Assoc Prof Tay.

Usando questo sottoprodotto marino ricco di collagene come materia prima, il team spera di ridurre gli sprechi e il costo del prodotto del collagene puro su larga scala, in modo da portare al pubblico una soluzione conveniente ma efficace per la cura delle ferite.

All’inizio di quest’anno, la proposta congiunta di Cuprina con NTU per sviluppare e accelerare la commercializzazione di questo prodotto unico al collagene è stata annunciata come una delle voci vincitrici della Sustainability Open Innovation Challenge organizzata da Enterprise Singapore .

Come il nuovo cerotto al collagene aiuta la guarigione

Le ferite in genere attraversano tre fasi di guarigione – infiammatoria, proliferativa e di maturazione – il processo è altamente complesso e richiede interventi specifici in ogni fase. Cuprina progetta e confeziona prodotti per ogni fase per ottimizzare la guarigione.

Durante la fase infiammatoria, il corpo produce enzimi che impediscono alle infezioni di entrare nel flusso sanguigno. Tuttavia, gli enzimi impediscono anche che la materia indesiderata venga espulsa dal corpo, rendendo così difficile la guarigione della ferita. MEDIFLY lavora con questi enzimi per pulire e disinfettare la ferita e preparare il sito per la fase successiva. Questa attività è fondamentale per garantire che gli effetti del nuovo cerotto al collagene possano essere massimizzati per produrre risultati di guarigione ottimali.

Per la seconda fase, il cerotto al collagene mira a fornire un’impalcatura per la coagulazione dei globuli bianchi e degli agenti curativi e formare uno strato protettivo per l’inizio della guarigione. Incoraggerà anche un recupero più rapido mantenendo umida la ferita in via di guarigione.

Nella fase finale, il cerotto al collagene continuerà a incoraggiare un recupero più rapido mantenendo umida la ferita in via di guarigione e fornendo collagene come materiale “mattone” per la maturazione della pelle.

David Quek, CEO di Cuprina Holdings , ha affermato che la partnership con NTU è l’esempio perfetto di come è possibile sviluppare prodotti medici all’avanguardia rimuovendo contemporaneamente i rifiuti dall’ambiente.

“Lo scopo che guida la nostra attività è sfruttare il potere della natura per alimentare lo sviluppo sostenibile. Sostenibilità e sviluppo non si escludono a vicenda, per noi sono altamente compatibili. La nostra partnership con Assoc Prof Dalton Tay e il suo team presso NTU offre un’opportunità unica per combinare pratiche sostenibili sotto forma di valorizzazione dei rifiuti con lo sviluppo di nuovi prodotti per la cura delle ferite. Come Cuprina, spingere i confini della scienza è nel DNA di NTU: non potremmo chiedere un partner migliore”, ha aggiunto Quek.

La partnership biennale di ricerca e ampliamento comprende piani per la conduzione di studi clinici negli ospedali locali per convalidarne la sicurezza e l’efficacia.


[1] 1 I rifiuti della pesca come un tesoro ancora da scoprire dal mare: fonti di biomolecole, metodi di estrazione e valorizzazione pubblicato in Marine Drugs, 2020, 18(12), 622.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: