Donne e diabete Mangiare e bere

La dieta dei fast food prima della gravidanza può avere un impatto sul latte materno e sulla salute del bambino, affermano gli scienziati

Adv

Un nuovo studio ha scoperto che una dieta ricca di zuccheri e grassi come hamburger, patatine fritte e bibite gassate può influire negativamente sul latte materno e sulla salute del bambino anche prima del concepimento.

Una dieta ricca di zuccheri e grassi come hamburger, patatine fritte e bibite gassate può influire negativamente sul latte materno di una neomamma e sulla salute del bambino anche prima del concepimento.

Il nuovo studio che utilizza topi di laboratorio ha scoperto che anche il consumo relativamente a breve termine di una dieta da fast food ha un impatto sulla salute delle donne, riducendo la loro capacità di produrre latte materno nutritivo dopo il parto. Ciò può influire sul benessere del neonato, oltre ad aumentare il rischio che sia la madre che il bambino sviluppino condizioni potenzialmente fatali come malattie cardiache, ictus e diabete in età avanzata.

Anche le madri che sembrano avere un peso sano possono soffrire di problemi nascosti come il fegato grasso – che può essere visto in persone in sovrappeso o obese – da una dieta ricca di alimenti trasformati, che tendono ad essere ricchi di grassi e zucchero. Questo può portare a cicatrici avanzate (cirrosi) e insufficienza epatica.

Le nuove scoperte hanno coinvolto scienziati dello Sferruzzi-Perri Lab presso il Center for Trophoblast Research, University of Cambridge, e The Department for the Woman and Newborn Health Promotion dell’Università del Cile a Santiago, e sono pubblicate dalla rivista Acta Physiologica .

La co-autrice principale, la professoressa Amanda Sferruzzi-Perri, professoressa di fisiologia fetale e placentare e membro del St John’s College di Cambridge, ha dichiarato: “Le donne che seguono diete che tendono ad avere un alto contenuto di zuccheri e grassi potrebbero non rendersi conto dell’impatto che potrebbe essere avere sulla loro salute, soprattutto se non c’è un cambiamento evidente nel loro peso corporeo. 

“Potrebbero avere una maggiore adiposità – livelli più elevati di massa grassa – che sappiamo essere un predittore di molti problemi di salute. Ciò potrebbe non influire apertamente sulla loro capacità di rimanere incinta, ma potrebbe avere conseguenze sulla crescita del bambino prima della nascita e sulla salute e il benessere del bambino dopo la nascita”.

È già noto che una dieta “stile occidentale” ricca di grassi e zuccheri sta contribuendo a una pandemia di aumento dell’indice di massa corporea (BMI) e obesità non solo nei paesi sviluppati ma anche nei paesi in via di sviluppo in fase di urbanizzazione, incluso il Cile. Di conseguenza, poco più della metà delle donne (52,7%) in molte popolazioni in tutto il mondo sono in sovrappeso o obese quando concepiscono, causando problemi sia nel raggiungimento che nel mantenimento di una gravidanza sana.

L’obesità è stata ricreata nei topi in precedenza, ma la maggior parte degli studi si concentra sugli effetti delle diete croniche, a lungo termine, ricche di grassi e ricche di zuccheri. In questo nuovo studio, un gruppo di topi è stato nutrito con una dieta a base di pellet ad alto contenuto di grassi trasformato con latte condensato zuccherato per sole tre settimane prima della gravidanza, durante le tre settimane di gravidanza stessa e dopo il parto. Questa dieta è stata progettata per imitare il contenuto nutrizionale di un hamburger da fast food, patatine fritte e bibite zuccherate. L’obiettivo era determinare l’impatto sulla fertilità, sulla crescita del feto e sugli esiti neonatali. 

I ricercatori hanno scoperto che anche una dieta ricca di grassi e zuccheri a breve termine ha avuto un impatto sulla sopravvivenza dei cuccioli di topo nel primo periodo dopo la nascita, con una maggiore perdita durante il periodo in cui la madre allattava la sua prole. Le proteine ??del latte sono estremamente importanti per lo sviluppo del neonato, ma è stato riscontrato che la qualità è scarsa nelle madri di topo che seguono una dieta ricca di grassi e zuccheri.

“Volevamo sapere cosa stava succedendo, perché le madri sembravano a posto, non erano grandi in termini di dimensioni. Ma quello che abbiamo scoperto è che, sebbene i topi sembrassero avere un buon tasso di rimanere incinta, avevano una maggiore quantità di adiposo – tessuto adiposo – nel loro corpo durante e all’inizio della gravidanza”, ha affermato il professor Sferruzzi-Perri.

“Hanno finito con il fegato grasso, che è davvero pericoloso per la mamma, e c’era un’alterata formazione della placenta. Il peso del feto stesso non è stato influenzato. Sembravano più leggeri, ma non era significativo. Ma ciò che era anche evidente era che la nutrizione del feto era cambiata durante la gravidanza. Poi, quando abbiamo esaminato come la mamma potrebbe sostenere il bambino dopo la gravidanza, abbiamo scoperto che lo sviluppo della sua ghiandola mammaria e la sua composizione proteica del latte erano alterati, e questa potrebbe essere stata la spiegazione dei maggiori problemi di salute dei cuccioli appena nati”.

Quando una donna di taglia più grande è incinta, i medici sono spesso più preoccupati per il rischio di diabete e crescita anormale del bambino. Ma nelle future mamme che sembrano sane, indipendentemente dall’assunzione di cibo, i cambiamenti sottili, ma potenzialmente pericolosi durante la gravidanza possono sfuggire al radar.

“La parte sorprendente è che una breve esposizione a una dieta appena prima della gravidanza che potrebbe non modificare in modo evidente le dimensioni corporee o il peso corporeo di una donna può ancora avere implicazioni per la salute della madre, il nascituro e la sua capacità di sostenere il neonato in seguito ”, ha affermato il professor Sferruzzi-Perri.

“Stiamo ottenendo sempre più informazioni sull’importanza della dieta di una madre. Quello che mangi per molti anni prima o subito prima della gravidanza può avere un notevole impatto sullo sviluppo del bambino”.

Il professor Sferruzzi-Perri ha affermato che è importante che le donne siano educate a un’alimentazione sana ed equilibrata prima di provare a rimanere incinta, così come durante la gravidanza e dopo. Vorrebbe anche vedere più sostegno alla gravidanza su misura per le singole madri, anche se esteriormente sembrano sane. “Si tratta di avere una dieta di buona qualità affinché la mamma abbia un latte di buona qualità in modo che il bambino possa prosperare”.

Con cibi veloci e trasformati spesso più economici da acquistare, il professor Sferruzzi-Perri teme che la povertà e la disuguaglianza possano essere ostacoli all’adozione di uno stile di vita sano e attivo. Ha detto: “Costa un sacco di soldi comprare cibo sano, comprare frutta e verdura fresca, comprare carne magra. Spesso, l’opzione più semplice ed economica è quella di avere gli alimenti trasformati, che tendono ad essere ricchi di zuccheri e grassi. Con l’aumento del costo della vita, è più probabile che le famiglie che sono già indigenti mangino cibi di basso valore nutrizionale, perché hanno meno soldi in tasca. 

“Ciò può avere implicazioni non solo sulla loro salute e benessere, ma anche sulla salute e il benessere del loro bambino. Sappiamo anche che questo non è solo nell’immediato periodo dopo la nascita, poiché le diete malsane possono portare a un rischio per tutta la vita di diabete e malattie cardiache per il bambino a lungo termine. Quindi queste diete possono davvero creare un continuum di impatti negativi sulla salute, con implicazioni per le generazioni successive”.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: