Tecno

“iTEARS” potrebbe aiutare a diagnosticare le malattie isolando i biomarcatori nelle lacrime

Adv

Andare dal dottore potrebbe farti venire voglia di piangere e, secondo un nuovo studio, un giorno i medici potrebbero fare buon uso di quelle lacrime. In ACS Nano , i ricercatori riportano un sistema di nanomembrane che raccoglie e purifica minuscoli blob chiamati esosomi dalle lacrime, consentendo ai ricercatori di analizzarli rapidamente per i biomarcatori della malattia. Soprannominata iTEARS, la piattaforma potrebbe consentire diagnosi molecolari più efficienti e meno invasive per molte malattie e condizioni, senza fare affidamento esclusivamente sui sintomi.

La diagnosi delle malattie spesso dipende dalla valutazione dei sintomi di un paziente, che possono essere non osservabili nelle fasi iniziali o segnalati in modo inaffidabile. L’identificazione di indizi molecolari nei campioni di pazienti, come proteine ??specifiche o geni di strutture vescicolari chiamate esosomi, potrebbe migliorare l’accuratezza delle diagnosi. Tuttavia, i metodi attuali per isolare gli esosomi da questi campioni richiedono fasi di elaborazione lunghe e complicate o grandi volumi di campioni. Le lacrime sono adatte per la raccolta del campione perché il fluido può essere raccolto in modo rapido e non invasivo, sebbene sia possibile raccogliere solo piccole quantità alla volta. Quindi, Luke Lee, Fei Liu e colleghi si sono chiesti se un sistema di nanomembrane, originariamente sviluppato per isolare gli esosomi dall’urina e dal plasma, potesse consentire loro di ottenere rapidamente queste vescicole dalle lacrime e quindi analizzarle per i biomarcatori della malattia.

Il team ha modificato il proprio sistema originale per gestire il basso volume di lacrime. Il nuovo sistema, chiamato “Incorporated Tear Exosomes Analysis via Rapid-isolation System” (iTEARS), ha separato gli esosomi in soli 5 minuti filtrando le soluzioni lacrimali su membrane nanoporose con un flusso di pressione oscillante per ridurre l’intasamento. Le proteine ??degli esosomi potrebbero essere contrassegnate con sonde fluorescenti mentre erano ancora sul dispositivo e quindi trasferite ad altri strumenti per ulteriori analisi. Anche gli acidi nucleici sono stati estratti dagli esosomi e analizzati. I ricercatori hanno distinto con successo tra controlli sani e pazienti con vari tipi di malattie dell’occhio secco sulla base di una valutazione proteomica delle proteine ??estratte. Allo stesso modo, iTEARS ha consentito ai ricercatori di osservare le differenze nei microRNA tra i pazienti con retinopatia diabetica e quelli che non avevano la condizione dell’occhio, suggerendo che il sistema potrebbe aiutare a monitorare la progressione della malattia. Il team afferma che questo lavoro potrebbe portare a una diagnosi molecolare più sensibile, più rapida e meno invasiva di varie malattie, utilizzando solo le lacrime.

I ricercatori riconoscono il finanziamento della National Natural Science Foundation of China; il Fondo di ricerca per le scienze mediche della provincia di Zhejiang e del Ministero della salute; il progetto di ricerca scientifica di base della città di Wenzhou; e Wenzhou Institute, Università dell’Accademia cinese delle scienze.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: