Ricerca

La sostanza che favorisce lo sviluppo del fegato grasso

Adv

Il triclosan è utilizzato in tutto, dai detergenti ai pesticidi ai giocattoli; i ricercatori affermano che l’esposizione precoce nella vita può gettare le basi per lo sviluppo futuro della malattia del fegato grasso

Negli studi sui topi, i ricercatori della San Diego School of Medicine dell’Università della California riferiscono che le madri che allattano espongono i loro cuccioli al triclosan, un antimicrobico comunemente usato nei prodotti di consumo, con conseguenti segni precoci di danno epatico che possono portare a danni e malattie più gravi , come la steatosi epatica non alcolica (NAFLD) e la steatoepatite non alcolica (NASH).

I risultati pubblicati nel numero online del 27 luglio 2022 di Nature Communications .

La NAFLD è la condizione epatica cronica più comune negli Stati Uniti, che colpisce circa 100 milioni di adulti. Si verifica quando il grasso si accumula nelle cellule del fegato a causa di cause diverse dall’uso eccessivo di alcol, compromettendo la funzione degli organi. La causa precisa non è nota, ma la dieta e la genetica giocano un ruolo sostanziale. Si ritiene che fino al 50% delle persone obese abbia la NAFLD.

Circa il 20% delle persone con NAFLD passa alla NASH, una forma più avanzata della malattia caratterizzata da un’infiammazione sempre più grave e da danni agli organi che possono provocare cicatrici del fegato, cirrosi e cancro.

Secondo uno studio pubblicato dagli scienziati dell’UC San Diego nel giugno 2022, la NASH è la causa in più rapida crescita di decessi per cancro al fegato a livello globale, specialmente nelle Americhe. È guidato da tassi di obesità in rapido aumento. La prevalenza dell’obesità negli Stati Uniti nel 2017 era del 42,4%, secondo i Centers for Disease Control, rispetto al 30,5% nel 2000.

La prevalenza della NAFLD nei bambini è in aumento, insieme ai tassi di obesità nei giovani. Si stima che il 9,6% dei bambini di età compresa tra 2 e 19 anni soffra di NAFLD. Un recente studio condotto da scienziati della UC San Diego ha scoperto che la NAFLD pediatrica aumenta il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 più avanti nella vita.

Il triclosan è un ingrediente aggiunto a diversi prodotti di consumo per ridurre o prevenire la contaminazione microbica, inclusi saponi, dentifricio, cosmetici, abbigliamento, mobili, stoviglie, pesticidi e giocattoli.

“Il triclosan è un agente antimicrobico ad ampio spettro che viene utilizzato in molti prodotti per la cura della persona e impregnato in numerosi materiali diversi, dall’abbigliamento all’imballaggio alimentare. È stato collegato a molteplici effetti avversi sulla salute”, ha affermato l’autore corrispondente dello studio Robert H. Tukey, PhD, professore presso il Dipartimento di Farmacologia presso la UC San Diego School of Medicine.

Nel 2016, alimentata da prove crescenti e preoccupazioni per la salute pubblica, la Food and Drug Administration statunitense ha vietato l’uso del triclosan in alcuni prodotti e ha richiesto l’approvazione prima della commercializzazione per altri. Rimane un ingrediente in molti prodotti.

Due anni fa, Tukey, il coautore dello studio Michael Karin, PhD, Distinguished Professor of Pharmacology and Pathology presso la UC San Diego School of Medicine, e colleghi hanno pubblicato prove che l’esposizione al triclosan ha peggiorato la steatosi epatica nei topi alimentati con una dieta ricca di grassi. L’ultima ricerca si basa su come ciò accade, dimostrando che il triclosan viene trasmesso dalle madri che allattano ai cuccioli, che sviluppano i primi segni di patogenesi del fegato grasso e forse una maggiore probabilità di malattia del fegato grasso più avanti nella vita.

I ricercatori hanno esposto le femmine gravide al triclosan nella loro dieta e hanno scoperto che veniva trasferito in modo efficiente dall’allattamento ai topi appena nati, causando una significativa steatosi epatica durante il periodo di allattamento e provocando epatosteatosi, accumulo di trigliceridi, stress del reticolo endoplasmatico, segni di infiammazione e fibrosi epatica . Sono stati identificati due regolatori metabolici chiave responsabili della steatosi epatica indotta da triclosan.

“L’esposizione precoce al triclosan sembra innescare patologie che assomigliano alla NAFLD e alla NASH: steatosi epatica associata a sostanze tossiche e steatosi epatica associata a sostanze tossiche, che possono predisporre allo sviluppo di NAFLD e NASH pediatriche”, ha affermato Tukey. “I recenti aumenti della NAFLD pediatrica potrebbero essere una conseguenza della trasmissione da madre a figlio di sostanze tossiche ambientali come il triclosan”.

I coautori includono: Andre A. Weber, Xiaojing Yang, Elvira Mennillo, Jeffrey Ding, Jeramie D. Watous, Mohit Jain e Shujuan Chen, tutti all’UC San Diego.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: