Terapie

Serve a niente

Adv

L’integrazione di vitamina D non riduce il rischio di fratture negli anziani e in mezza età

L’integrazione di vitamina D3 non è associata a un rischio ridotto di fratture tra gli adulti sani di mezza età e gli anziani, secondo i risultati dello studio pubblicati sul New England Journal of Medicine .

“I nostri risultati non supportano l’uso di integratori di vitamina D per prevenire le fratture negli uomini e nelle donne statunitensi generalmente sani”, Meryl Susan LeBoff , MD , capo della sezione calcio e ossa nella divisione di endocrinologia, diabete e ipertensione al Brigham and Women’s Hospital , e professore di medicina alla Harvard Medical School, ha detto a Healio. “Questi risultati non si applicano agli anziani nelle comunità residenziali o a quelli con grave carenza di vitamina D, massa ossea ridotta o osteoporosi”.

LeBoff e colleghi hanno condotto uno studio accessorio dello studio VITAL, uno studio randomizzato controllato che analizza se la vitamina D3 supplementare potrebbe ridurre i rischi di cancro e malattie cardiovascolari per gli uomini di età pari o superiore a 50 anni e per le donne di età pari o superiore a 55 anni. Lo studio accessorio ha seguito 25.871 partecipanti VITAL (età media, 67,1 anni; 50,6% donne; 20,2% neri) per una mediana di 5,3 anni per determinare se la vitamina D supplementare riducesse il rischio di fratture rispetto al placebo.

Le fratture sono state inizialmente auto-riportate in questionari annuali. Dopo che è stata segnalata una frattura, ai partecipanti è stato inviato un modulo di autorizzazione per ottenere le cartelle cliniche e un questionario sulla frattura per ottenere la data, l’ubicazione, l’eventuale associazione con il cancro o la protesi e le circostanze della frattura. Le richieste di cartelle cliniche sono state inviate agli operatori sanitari per ottenere referti radiologici e immagini, note ortopediche e registri operativi o di procedura. Tutte le fratture incidenti sono state giudicate dagli investigatori e dal personale dello studio. Tutte le fratture sono state incluse nello studio, indipendentemente dal trauma.

Di coloro che hanno riportato una frattura, l’87% ha acconsentito a una revisione della cartella clinica e la documentazione è stata ottenuta per il 91,3% di coloro che hanno acconsentito. Ci sono state 1.991 fratture confermate in 1.551 partecipanti.

I ricercatori non hanno osservato differenze nei rischi di fratture totali incidenti, fratture non vertebrali o fratture dell’anca tra i gruppi vitamina D e placebo. Età basale, sesso, razza, BMI, uso personale di supplementi di calcio o vitamina D e livelli basali di 25-idrossivitamina D non hanno influenzato le associazioni. Anche la supplementazione di vitamina D non ha influenzato il rischio di fratture tra coloro che hanno usato farmaci per l’osteoporosi o adulti con una storia di fratture da fragilità.

Non sono state osservate associazioni nelle analisi di sensibilità. Nell’analisi secondaria, quando sono state escluse le fratture dell’alluce, delle dita, del cranio, periprotesiche e patologiche, non c’era ancora alcuna differenza nel rischio di frattura tra i gruppi vitamina D e placebo. Nessuna differenza di rischio è stata osservata per le fratture osteoporotiche maggiori, le fratture pelviche o le fratture del polso escluse le fratture periprotesiche e patologiche.

I ricercatori hanno notato che la vitamina D non era associata a un rischio ridotto di fratture, ma c’era un leggero beneficio osservato in VITAL sulla colonna vertebrale e sulla densità minerale totale dell’osso dell’anca tra gli adulti con livelli basali di 25-(OH)D liberi al di sotto della mediana.

“Gli studi in corso si stanno concentrando sul fatto che i livelli di vitamina D libera o la variazione genetica nell’assorbimento, nel metabolismo o nella funzione dei recettori della vitamina D forniranno informazioni sugli individui che potrebbero trarre beneficio dalla vitamina D supplementare sulla salute muscoloscheletrica”, ha affermato LeBoff.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: