Equilibrio Mangiare e bere

Lo sapevi che anche gli uomini con diabete tipo 1 soffrono di disturbi alimentari?

Adv

La cultura popolare può portarti a credere che gli uomini non sperimentino un’alimentazione disordinata, ma non è così. Sebbene le donne abbiano statisticamente maggiori probabilità di sviluppare disturbi alimentari rispetto agli uomini, questa convinzione pervasiva fa sì che gli uomini con disturbi alimentari vengano trascurati nella ricerca, nel trattamento e nelle terapie.

Anche se almeno un quarto delle persone con anoressia o bulimia sono uomini, sono spesso sottorappresentate negli studi e nelle sperimentazioni che coinvolgono trattamenti e terapie per i disturbi alimentari.

A causa di questa mancanza di rappresentazione e comprensione, persistono gli stigmi che circondano le esperienze degli uomini con i disturbi alimentari.

Le persone con diabete hanno una probabilità 2,5 volte maggiore di sperimentare un disturbo alimentare rispetto alle persone senza diabete. Tra gli uomini con diabete di tipo 1, il 16% ha sperimentato un’alimentazione disordinata, ma pochi studi o trattamenti sono personalizzati per loro.

Questo malinteso rende la discussione sui disturbi alimentari e sulla gestione del diabete ancora più critica.

La necessità di ulteriori ricerche sugli uomini

Le lacune nella ricerca sono un duplice problema. L’incapacità di focalizzare la ricerca sull’impatto dei disturbi alimentari sugli uomini può influenzare la percezione della società. Può indurre in errore le persone a credere che i disturbi alimentari non si verificano affatto negli uomini, ma questa non è la verità.

Il problema è che la maggior parte della ricerca odierna sui disturbi alimentari, nelle persone con diabete e nella popolazione generale, si concentra sulle donne. Ciò distorce i risultati e porta a servizi e risorse su misura per le donne, il che ostacola la disponibilità di un trattamento basato sull’evidenza per gli uomini e altri gruppi.

Di conseguenza, è più probabile che gli uomini vedano i loro sintomi respinti e che un disturbo alimentare non venga diagnosticato , ostacolando la capacità degli operatori sanitari di curarli e alimentando idee sbagliate popolari.

La ricerca mostra che uno dei principali ostacoli alla cura dei disturbi alimentari per gli uomini è avere un fornitore di cure primarie che non ha esperienza nel trattare i loro bisogni e circostanze unici.

Secondo uno studio sui piani di trattamento specifici per gli uomini, per aiutare efficacemente gli uomini con disturbi alimentari, i fornitori di cure primarie devono:

  • Sviluppare la consapevolezza sui disturbi alimentari negli uomini
  • Crea “un ambiente libero da giudizi” per stabilire una relazione di fiducia
  • Enfatizzare “l’affermazione delle forze emotive, delle virtù e delle capacità” per ridurre la difensiva derivante dai pregiudizi di genere e dalla paura dell’evirazione

Gli uomini con diabete affrontano alcuni rischi maggiori

Gli uomini con diabete hanno un rischio maggiore di sviluppare un disturbo alimentare rispetto agli uomini senza diabete. Ciò è probabilmente dovuto a una maggiore attenzione all’assunzione di cibo e alle etichette nutrizionali, che possono guidare comportamenti ossessivi.

Uno studio svedese ha scoperto che i giovani uomini con diabete insulino-dipendente avevano una maggiore “pulsione per la magrezza”, ponendo un rischio maggiore di sviluppare un disturbo alimentare.

I segni premonitori della diabulimia negli uomini

Le persone con diabete possono sviluppare qualsiasi tipo di disturbo alimentare, ma la diabulimia è una condizione specifica per le persone che usano l’insulina per gestire il diabete. La diabulimia è una condizione pericolosa e pericolosa per la vita in cui una persona limita la propria insulina per perdere peso.

La diabulimia può portare a complicazioni come disidratazione, chetoacidosi diabetica , livelli elevati di zucchero nel sangue e persino coma o morte. Può anche contribuire a complicanze a lungo termine del diabete come retinopatia , nefropatia e neuropatia .

Se pensi che un uomo nella tua vita possa avere un disturbo alimentare o sia a rischio di svilupparne uno, questi sono alcuni schemi e comportamenti comuni a cui prestare attenzione:

Come ottenere supporto per un’alimentazione disordinata

Se riconosci uno di questi sintomi o pensi di avere un disturbo alimentare, non sei solo e ci sono molte risorse che possono aiutarti.

  • Innanzitutto, è importante sapere che trattare un disturbo alimentare mentre si convive con il diabete significa che il trattamento potrebbe avere un aspetto diverso . Leggere le etichette degli alimenti e contare i carboidrati potrebbe non essere adatto a te.
  • Costruisci un team per aiutarti: il team di assistenza ideale potrebbe includere un terapeuta, un  endocrinologo , un educatore del diabete, un nutrizionista e uno psichiatra. Trovare specialisti che abbiano esperienza di lavoro con pazienti con diabete e disturbi alimentari può essere importante per te. Anche la famiglia e gli amici saranno giocatori fondamentali nella tua squadra di supporto.
  • Hai delle opzioni. Ottenere aiuto non significa solo sedersi in una stanza con un operatore sanitario o un terapista. Sono disponibili anche terapia online e gruppi di supporto che potrebbero sembrare più accessibili.

Dove trovare più risorse

We Are Diabetes è un’organizzazione dedicata a offrire supporto alle persone che convivono con T1D e un disturbo alimentare. Offrono riferimenti a endocrinologi e fornitori di salute mentale, nonché tutoraggio tra pari gratuito per il recupero dei disturbi alimentari.

La National Eating Disorder Association offre anche una vasta gamma di gruppi di supporto e forum.

Non c’è mai alcuna vergogna nel cercare aiuto. Avere il supporto di colleghi e professionisti può svolgere un ruolo importante nell’aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi. Ricorda: se sei un uomo che soffre di un disturbo alimentare, non sei solo o debole e le tue esperienze sono valide.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: