medicina narrativa

Recensione/2 ‘Purple Hearts’: come gli sceneggiatori hanno affrontato la rappresentazione del diabete nel film

Adv

“Purple Hearts”, un nuovo film su Netflix, racconta la storia di una giovane donna di nome Cassie che lavora come cameriera mentre cerca di farcela nell’industria musicale. Diagnosi di diabete di tipo 1 solo sei mesi fa, si ritrova a lottare per permettersi i costi della gestione del diabete, adottando misure estreme per cercare di accedere agli strumenti e ai farmaci giusti per mantenersi in vita.

Per costruire questo personaggio e garantire una rappresentazione realistica e normalizzata del diabete di tipo 1, Sofia Carson , attrice protagonista e produttrice esecutiva del film, e la regista Liz Rosenbaum hanno seguito la guida di Laura Pavlakovich dell’organizzazione no profit per il diabete You’re Just My Type dopo aver guardato “ We O Buy Insulin or We Die ” del NY Times .

“Abbiamo guardato quel documentario del NY Times e ci siamo sentiti molto commossi”, ha detto Rosenbaum. “Sofia ci ha chiesto se potevamo contattare una delle donne intervistate nel pezzo perché ci ricordava Cassie. Era una fotografa, una persona nel campo dell’arte, con tutti questi fantastici tatuaggi e ci ha ricordato l’essenza [di Cassie]. È stata davvero d’aiuto per Sofia.

Attingendo da esperienze di vita reale per plasmare Cassie

“Laura è stata determinante per me”, ha spiegato Carson a Beyond Type 1. “Le ho posto tutte le domande a cui potevo pensare: come ti sei sentito alla tua diagnosi iniziale ? Che aspetto ha il giorno per giorno? …il suo passaggio al microinfusore per insulina dalle iniezioni : tutti quei dettagli.

Il consiglio di Pavlakovich ha aiutato Carson a capire come comportarsi quando Cassie ha sperimentato livelli di zucchero nel sangue alti e bassi.

“Penso che siamo rimasti tutti davvero sbalorditi da quanto sia onnicomprensivo avere il diabete di tipo 1 e quanto sia ingiusto che ci siano così tanti giovani come Cassie che semplicemente non possono permettersi l’insulina di cui hanno bisogno per sopravvivere”, ha detto Carson.

Rosenbaum attribuisce a Carson il merito di aver guidato l’accusa nel garantire che l’esperienza del diabete di tipo 1 di Cassie fosse costruita con crudezza e realtà. E se stai prestando molta attenzione mentre guardi “Purple Hearts”, vedrai un adesivo sul paraurti “Just My Type” sul retro dell’auto malconcia di Cassie.

Comprendere il lato emotivo del diabete di tipo 1

Pavlakovich non era l’unica influenza del diabete di tipo 1 nel film. L’attrice Breana Raquel , che interpreta Riley, la ragazza di Frankie, vive con il diabete di tipo 1 nella vita reale. Quando ha fatto il provino, non era consapevole del fatto che il diabete di tipo 1 fosse una parte centrale della narrativa di “Purple Hearts”, avendo letto solo una piccola parte della sceneggiatura per guadagnarsi il ruolo.

Anche il resto del cast e della troupe non sapeva che aveva il diabete di tipo 1 fino a quando non sono stati tutti sul set e ha presentato se stessa e la sua tecnologia per la pompa dell’insulina .

Raquel ha stretto uno stretto legame con Carson durante il processo di ripresa, fornendo dettagli sul lato emotivo della convivenza con il diabete di tipo 1 . Il lato tecnico della malattia spettava al team medico del film da guidare.

Garantire l’accuratezza tecnica del diabete di tipo 1

Nonostante un budget limitato, il cast e la troupe hanno reclutato il dottor Michael Metzner, un medico che ha servito come consulente in programmi televisivi come “Grey’s Anatomy”.

“Era lì sul set con noi ogni giorno mentre giravamo materiale relativo al diabete”, ha assicurato Rosenbaum. “È stato davvero d’aiuto e comprende anche i film in cui devi assicurarti che si traducano nel momento”.

Anche Medtronic, un produttore di microinfusori per insulina, ha svolto un ruolo importante nel processo di produzione. Heather Lackey, SM, RD/LD, CDCES, BC-ADM, specialista clinico principale senior per il diabete Medtronic che vive anche con il diabete di tipo 1, è stata messa in scena con Carson in cui le ha mostrato improvvisamente come usare un microinfusore per insulina: guadagnare Crediti cinematografici Lackey come marine medico in un ospedale navale.

“L’abbiamo filmato mentre accompagnava Sofia nel processo”, ha spiegato Rosenbaum. “[Sofia] lo stava letteralmente facendo per la prima volta. Era una tecnologia così straordinaria e così interessante che puoi essere regolato molto più attentamente. Quando Sofia ha abbracciato [Heather] alla fine, era tutto legittimo. Era tutto in diretta. Non c’era nessun copione lì”.

Il percorso per normalizzare il diabete di tipo 1 nel cinema

Questa non era la prima volta che Rosenbaum incontrava il diabete di tipo 1 nell’industria cinematografica. Prima di “Purple Hearts”, ha visto come Nick Jonas , intrattenitore multi-talento e co-fondatore di Beyond Type 1, ha gestito il suo diabete di tipo 1 dietro le quinte.

“Ho fatto un film con Nick Jonas molti anni fa, e c’erano alcune scene di sesso che avremmo dovuto pianificare in anticipo…” ha detto Rosenbaum. “Aveva dei lividi sul lato in cui lo indossava, quindi avremmo dovuto pianificare in modo che potesse far guarire quei lividi… Ho pensato che fosse così interessante perché ci sono cose dietro le quinte di cui non ti rendi conto finché non si provano.”

Rosenbaum ha tentato di catturare un’esperienza simile in Cassie, ma il film ha dovuto essere tagliato per tempo.

“Abbiamo girato una scena in cui, dopo il sesso, Cassie rimette in funzione la sua pompa per insulina”, ha detto Rosenbaum. “Heather era davvero entusiasta di questi dettagli che normalmente non si vedono e che fanno così parte della nostra vita che volevamo catturare e normalizzare in modo che le persone potessero capirlo… eravamo tristi di averlo dovuto tagliare”.

“Purple Hearts” cattura molti momenti relativi al diabete di tipo 1.

Alcuni di questi momenti includono:

  • Quando Cassie è in farmacia a spiegare al farmacista i pericoli di non poter ricaricare le sue insuline
  • Quando prende il gel di glucosio dal tavolo della cucina
  • Quando l’assicurazione di Cassie le nega una ricarica delle sue prescrizioni
  • Quando si ritira in macchina per controllare i suoi livelli di zucchero nel sangue con un misuratore

La trama principale del film – sposarsi illegalmente per la sopravvivenza dei benefici sanitari – è inevitabilmente una posizione che molte persone con diabete hanno considerato per la propria sopravvivenza.

“Purple Hearts” mira a lasciare gli spettatori informati + costretti ad agire

“Sofia ed io eravamo entrambi davvero entusiasti di esplorare e portare in primo piano la crisi sanitaria in generale”, ha detto Rosenbaum. “Ogni persona, specialmente in una nazione come la nostra… merita un’assistenza sanitaria adeguata”.

“Sento che noi artisti e registi abbiamo una certa responsabilità nell’usare le nostre voci e piattaforme per l’arte per fare del bene e fare un cambiamento”, ha detto Carson. “Essere parte di questa conversazione, in questo giorno, e fare luce sulla crisi sanitaria in questo paese e sull’importanza di un accesso equo all’assistenza sanitaria , è stato estremamente importante per noi”.

“Cassie deve ricorrere a tali estremi e infrangere la legge per sopravvivere”, ha spiegato Rosenbaum. “Adoro il fatto che non fosse una predicazione, ma che lo portasse in primo piano. Per me, questo è il punto della storia più fondamentale e basilare che spero che le persone portino via”.

Raquel lo attesta, dicendo che era “così emotiva” quando ha scoperto che il diabete di tipo 1 era una parte centrale della narrazione.

“Cassie passa attraverso misure così estreme”, ha detto Raquel. “La sua storia è un messaggio così importante per le persone con diabete di tipo 1 e di tipo 2 da vedere e ascoltare. Per il diabete essere in un film come questo, è così grande per la comunità del diabete. E per il grande pubblico, mostra che una malattia mostruosa sia”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: