Reni

Bere almeno un caffè al dì può ridurre del 23% il rischio di lesioni renali

Adv

Secondo un nuovo studio condotto da scienziati della Johns Hopkins Medicine, bere almeno una tazza di caffè al giorno può ridurre il rischio di insufficienza renale (AKI) rispetto a quelli che non lo fanno.

La ricerca ha collegato il consumo di caffè a un minor rischio di danno renale acuto.

Se avevi bisogno di più giustificazione per iniziare la giornata con una tazza di caffè, un nuovo studio dei ricercatori della Johns Hopkins Medicine ha scoperto che bere almeno una tazza di caffè al giorno può ridurre il rischio di danno renale acuto (AKI) rispetto a chi non lo fa.

I risultati, che sono stati recentemente pubblicati sulla rivista Kidney International Reports , hanno rivelato che il consumo quotidiano di caffè era associato a una riduzione del 15% del rischio di AKI, con le maggiori diminuzioni osservate in coloro che bevevano da due a tre tazze (dal 22% a 23 rischio percentuale inferiore).

“Sappiamo già che bere caffè regolarmente è stato associato alla prevenzione di malattie croniche e degenerative tra cui diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari e malattie del fegato”, afferma l’autore corrispondente dello studio Chirag Parikh, MD, Ph.D., direttore della Divisione di Nefrologia e professore di medicina presso la Johns Hopkins University School of Medicine. “Ora possiamo aggiungere una possibile riduzione del rischio di AKI al crescente elenco di benefici per la salute della caffeina”.

La National Kidney Foundation definisce l’AKI come “un episodio improvviso di insufficienza renale o danno renale che si verifica entro poche ore o pochi giorni”. I reni lottano per mantenere il corretto equilibrio dei liquidi nel corpo a causa dei prodotti di scarto che si accumulano nel sangue.

I segni ei sintomi dell’AKI possono variare a seconda della causa sottostante e possono includere: insufficiente produzione di urina; gonfiore alle gambe, alle caviglie e alla zona degli occhi; stanchezza; fiato corto; disorientamento mentale; nausea; dolore al petto; e, nei casi più gravi, convulsioni o coma. La condizione è più spesso osservata in soggetti ospedalizzati i cui reni sono stati stressati da procedure e complicazioni mediche e chirurgiche.

I ricercatori hanno esaminato 14.207 persone con un’età media di 54 anni che sono state reclutate tra il 1987 e il 1989 nell’Atherosclerosis Risk in Communities Study, un’indagine continua sulle malattie cardiovascolari in quattro comunità negli Stati Uniti. Nel corso di un periodo di 24 anni, i partecipanti sono stati interrogati sette volte su quante tazze di caffè da 8 once hanno bevuto al giorno: 0, 1, 2 a 3 o più di 3. Sono stati segnalati 1.694 casi di danno renale acuto durante tutto il periodo di studio.

Tenendo conto delle caratteristiche demografiche, dello stato socioeconomico, delle influenze dello stile di vita e dei fattori dietetici, c’era un rischio inferiore del 15% di AKI per i partecipanti che consumavano qualsiasi quantità di caffè rispetto a quelli che non lo facevano. Quando si correggono per ulteriori comorbidità – come pressione sanguigna, indice di massa corporea (BMI), stato del diabete, uso di farmaci antipertensivi e funzionalità renale – gli individui che bevevano caffè avevano ancora un rischio inferiore dell’11% di sviluppare AKI rispetto a quelli che non lo facevano .

“Sospettiamo che la ragione dell’impatto del caffè sul rischio di AKI possa essere che i composti biologicamente attivi combinati con la caffeina o solo la caffeina stessa migliorano la perfusione e l’utilizzo dell’ossigeno all’interno dei reni”, afferma Parikh. “La buona funzione renale e la tolleranza all’AKI dipendono da un costante apporto di sangue e ossigeno”.

Sono necessari ulteriori studi, afferma Parikh, per definire i possibili meccanismi protettivi del consumo di caffè per i reni, soprattutto a livello cellulare.

“È stato ipotizzato che la caffeina inibisca la produzione di molecole che causano squilibri chimici e l’uso di troppo ossigeno nei reni”, spiega. “Forse la caffeina aiuta i reni a mantenere un sistema più stabile”.

Parikh e i suoi colleghi osservano che anche gli additivi del caffè come latte, metà e metà, panna, zucchero o dolcificanti potrebbero influenzare i rischi di AKI e giustificare ulteriori indagini. Inoltre, gli autori affermano che il consumo di altri tipi di bevande contenenti caffeina, come tè o bibite gassate, dovrebbe essere considerato un possibile fattore di confusione.

Riferimento: “Il consumo di caffè può mitigare il rischio di lesioni renali acute: risultati dello studio sul rischio di aterosclerosi nelle comunità” di Kalie L. Tommerdahl, Emily A. Hu, Elizabeth Selvin, Lyn M. Steffen, Josef Coresh, Morgan E. Grams, Petter Bjornstad, Casey M. Rebholz e Chirag R. Parikh, 5 maggio 2022, Kidney International Reports.
DOI: 10.1016/j.ekir.2022.04.091

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: