Reni

Colpo di reni e scopri le differenze

Adv

L’analisi rivela differenze di sesso nel riconoscimento, nel monitoraggio e nel trattamento della malattia renale cronica

  • Tra gli adulti a Stoccolma, in Svezia, con una bassa funzionalità renale indicativa di malattia renale cronica nel 2009-2017, le donne avevano meno probabilità rispetto agli uomini di ricevere un codice diagnostico correlato a una malattia renale, essere indirizzate a un nefrologo, monitorare la loro funzionalità renale e ricevere farmaci consigliati dalle linee guida.

Una nuova ricerca pubblicata su JASN rivela profonde differenze di sesso nell’individuazione, nel monitoraggio e nella gestione della malattia renale cronica (CKD) in Svezia.

Gli sforzi per garantire un’assistenza equa tra i sessi potrebbero avere importanti implicazioni nel ridurre il carico di insufficienza renale cronica nel paese e altrove.

Scopri le differenze

In tutto il mondo, ci sono differenze di sesso nelle cause, nei tassi di prevalenza, nella progressione e negli esiti delle persone con insufficienza renale cronica che potrebbero essere spiegate da differenze biologiche tra uomini e donne, ma anche da differenze nella qualità dell’assistenza fornita loro.

È importante sottolineare che le linee guida hanno raccomandazioni ben definite su come schermare, diagnosticare, monitorare e prendersi cura di individui a rischio di insufficienza renale cronica o con insufficienza renale cronica e queste raccomandazioni non sono basate sul sesso.

Un team guidato da Juan Jesus Carrero, Pharm, PhD e Oskar Swartling, uno studente MD, PhD (Karolinska Institutet, Svezia) ha studiato una varietà di indicatori di cura dell’insufficienza renale cronica tra 227.847 persone con un primo basso livello di funzionalità renale rilevato che denota probabile CKD nel sistema sanitario di Stoccolma dal 2009 al 2017.

Il GAP di genere

I ricercatori hanno scoperto che rispetto agli uomini con caratteristiche simili, le donne avevano meno probabilità di ricevere un codice diagnostico correlato all’insufficienza renale cronica, di essere indirizzate a un nefrologo e di monitorare la loro funzione renale. Inoltre, le donne avevano meno probabilità di ricevere i farmaci raccomandati dalle linee guida.

“Ci aspettavamo di trovare piccole o nessuna disparità nel modo in cui uomini e donne venivano gestiti, perché le linee guida non fanno distinzioni in base al sesso.

Invece, abbiamo osservato profonde differenze nel lavoro di rilevamento e gestione della malattia renale cronica suggerendo un’assistenza non ottimale tra le donne.

Sorprendentemente, queste differenze sono state osservate tra i gruppi e le indicazioni ad alto rischio, come le donne con diabete, macroalbuminuria o malattia renale cronica avanzata”, ha affermato il dottor Carrero.

“Questo studio identifica le lacune sanitarie che possono spiegare le differenze di sesso precedentemente riportate nella prevalenza, nei tassi di progressione e nei risultati delle persone con malattia renale cronica”.

L’analisi dell’andamento temporale dell’ultimo decennio ha mostrato che molti indicatori stanno migliorando nel tempo, ad esempio c’è stato un aumento del tasso di alcuni test di funzionalità renale nel corso degli anni, ma il tasso di test tra le donne con insufficienza renale cronica è stato persistentemente inferiore a quella degli uomini.

Occorre approfondire la ricerca per individuare le cause

“Non siamo in grado di identificare le ragioni di questa potenziale sottogestione e di ipotizzare possibili cause, come le difficoltà nell’interpretazione della creatinina sierica, un marker della funzione renale e un prodotto di scarto della normale usura dei muscoli del corpo. nelle donne che in media sono più piccole e hanno una massa muscolare inferiore rispetto agli uomini”, ha affermato Swartling. “È anche possibile che i pregiudizi subconsci operino tra gli operatori sanitari, ritenendo che l’insufficienza renale cronica sia meno problematica nelle donne, o che le donne stesse neghino più probabilmente la loro malattia.

In ogni caso, il nostro studio richiama l’attenzione sulle lacune sanitarie suscettibili di correzione”.

Sebbene non sia chiaro se i risultati siano generalizzabili ad altri sistemi sanitari, osservazioni isolate in altri rapporti supportano l’esistenza di tali divari tra i sessi nel Regno Unito, in Canada e negli Stati Uniti.

Altri coautori includono Yuanhang Yang, MD, Catherine M. Clase, MB MSc, Edouard L. Fu, MD, PhD, Manfred Hecking, MD, PhD, Sebastian Hödlmoser, Biostat, YlvaTrolle Lagerros, MD, PhD e Marie Evans, MD, PhD.


L’articolo, intitolato “Differenze sessuali nel riconoscimento, monitoraggio e gestione delle malattie renali croniche nell’assistenza sanitaria”, apparirà online all’indirizzo http://jasn.asnjournals.org/ il 29 luglio 2022; doi: 10.1681/ASN. 2022030373.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: