Mangiare e bere

In Gran Bretagna il cibo spazzatura viene combattuto seriamente

Adv

Le restrizioni sulla pubblicità del cibo spazzatura prevengono quasi 100.000 casi di obesità e si prevede che faranno risparmiare al SSN 200 milioni di sterline

  • Una restrizione alla pubblicità di cibo spazzatura attraverso la rete Transport for London (TfL) nel 2019 ha comportato 94.867 casi in meno di obesità, 2.857 casi di diabete prevenuti o ritardati e 1.915 casi in meno di malattie cardiovascolari
  • La nuova ricerca dell’Università di Sheffield e della London School of Hygiene & Tropical Medicine (LSHTM) ha rilevato che la politica dovrebbe far risparmiare al SSN 218 milioni di sterline nel corso della vita della popolazione attuale
  • Le riduzioni di obesità, diabete e malattie cardiovascolari potrebbero essere superiori a quanto riportato, poiché lo studio non tiene conto di eventuali diminuzioni dell’obesità infantile che dovrebbero essersi verificate
  • Attualmente, un quarto dei bambini nel Regno Unito è obeso quando lascia la scuola primaria
  • I ricercatori stanno ora studiando l’impatto dell’implementazione della politica a livello nazionale

Secondo una nuova ricerca, le restrizioni alla pubblicità di cibo spazzatura sulle reti Transport for London (TfL) hanno impedito quasi 100.000 casi di obesità e si prevede che faranno risparmiare al SSN oltre 200 milioni di sterline.

Il nuovo studio, dell’Università di Sheffield e della London School of Hygiene & Tropical Medicine (LSHTM), ha rivelato che la politica pubblicitaria di TfL che limita la pubblicità di cibi ricchi di calorie da zucchero e grassi o ricchi di sale, ha portato i consumatori a ridurre su prodotti meno salutari.

I ricercatori stimano che la politica, in vigore dal 2019, abbia portato direttamente a 94.867 casi di obesità in meno del previsto (una diminuzione del 4,8%), 2.857 casi in meno di diabete e 1.915 casi in meno di malattie cardiovascolari.

Oltre ai benefici per la salute per gli individui, l’analisi ha rilevato che l’attuale politica pubblicitaria farebbe risparmiare al SSN 218 milioni di sterline nel corso della vita della popolazione attuale.

Lo studio è pubblicato sulla rivista International Journal of Behavioral Nutrition and Physical Activity e condotto dall’Università di Sheffield in collaborazione con i ricercatori della London School of Hygiene & Tropical Medicine (LSHTM), che in precedenza hanno scoperto che la politica pubblicitaria ha contribuito a un 1.000 calorie in meno di energia da acquisti malsani negli acquisti settimanali dei consumatori .

Vedendo ciò che i consumatori acquistano nei loro negozi alimentari settimanali tramite sondaggi e confrontando le tendenze a Londra con un gruppo di controllo di famiglie al di fuori di Londra dove non c’erano restrizioni sulla pubblicità in atto, gli accademici sono stati in grado di valutare l’effetto che la politica sta avendo su la salute delle persone e il servizio sanitario.

La dottoressa Chloe Thomas, prima autrice dello studio della School of Health and Related Research (ScHARR) dell’Università di Sheffield, ha dichiarato: “Sappiamo tutti quanto la pubblicità persuasiva e potente può influenzare ciò che acquistiamo, in particolare il cibo che mangiamo. Il nostro studio ha mostrato quale strumento importante possono essere le restrizioni pubblicitarie per aiutare le persone a condurre una vita più sana senza costare loro più soldi.

“Ci auguriamo che la dimostrazione dei vantaggi significativi della politica nella prevenzione dell’obesità e delle malattie esacerbate dall’obesità, porti al suo lancio su scala nazionale, qualcosa che potrebbe salvare vite e denaro del SSN”.

I risultati rivelano che la politica ha avuto i maggiori impatti sulla salute delle persone provenienti da aree svantaggiate in termini di prevenzione delle condizioni di salute, riducendo così il livello di disuguaglianza sanitaria a Londra. Nonostante le persone a reddito medio taglino più calorie, la politica ha avuto un impatto maggiore sulle aree più svantaggiate poiché le persone di quelle aree tendono a essere complessivamente meno sane.

Il professor Steve Cummins, di LSHTM, ha dichiarato: “Questo lavoro mostra i potenziali impatti sulla salute e il risparmio sui costi della ‘Restrizione sugli annunci di cibo spazzatura’ del sindaco di Londra sulla base della nostra valutazione all’inizio di quest’anno, pubblicata su PLoS Medicine, che ha rilevato che la politica ha ridotto acquisti medi di energia da parte delle famiglie di 1000 calorie a settimana.

“Con oltre 80 autorità locali in tutto il Regno Unito che stanno ora valutando l’attuazione di politiche simili, questo studio fornisce ulteriori prove dell’efficacia delle restrizioni pubblicitarie per aiutare a supportare i responsabili delle decisioni. Alla luce dell’attuale ritardo del governo nell’attuazione delle politiche di prevenzione dell’obesità delineate nel recente Health & Care Act del 2022, questa è una politica che le autorità locali possono attuare ora senza la necessità di una regolamentazione nazionale nel tentativo di affrontare l’obesità su scala nazionale”.

I risultati arrivano in un momento in cui cibo e dieta sono saldamente nella mente di molte famiglie in Gran Bretagna: il governo ha recentemente annunciato la sua strategia alimentare, che è stata sottoposta a un attento esame per non essere andata abbastanza lontano da affrontare le preoccupazioni sulla sicurezza alimentare nel Regno Unito.

Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha dichiarato: “La pubblicità gioca indubbiamente un ruolo significativo nel promuovere e incoraggiare il consumo di cibi meno salutari. Con l’obesità infantile che mette a rischio la vita dei giovani londinesi, semplicemente non è giusto che i bambini e le famiglie in tutta la capitale siano regolarmente inondati di pubblicità per alimenti che non supportano la loro salute – ecco perché ero chiaro che era necessaria un’azione dura.

“Questo studio, che si basa sulla ricerca dell’inizio di quest’anno, dimostra ancora una volta che le restrizioni rivoluzionarie che abbiamo introdotto potrebbero non solo influenzare il comportamento e alla fine salvare vite umane, ma potrebbero salvare direttamente il nostro SSN centinaia di milioni di sterline.

“Sono determinato a continuare questo lavoro per migliorare la salute dei londinesi, alleviando parte del carico sul nostro servizio sanitario sovraccaricato e costruendo una Londra migliore per tutti”.

La dott.ssa Penny Breeze, ricercatrice capo dello studio presso la School of Health and Related Research (ScHARR) dell’Università di Sheffield, ha aggiunto: “Ci sono stati pochissimi studi che hanno esaminato l’impatto sulla salute e sull’economia delle restrizioni alla pubblicità fuori casa. Siamo lieti di mostrare che ci sono molti vantaggi nella politica e speriamo che la politica continui ad essere implementata fuori Londra”.

Il documento può essere visualizzato integralmente qui .

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: