Educazione Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Diabeticomics: condivide et kampala

Adv

Ciò che i medici vogliono di più dai pazienti con diabete: i dati sulla glicemia

I tuoi dati sulla glicemia potrebbero anche essere una miniera d’oro per il tuo team sanitario. Questi dati sono le informazioni di cui hanno bisogno per aiutarti a mettere a punto le tue dosi di insulina e altri farmaci per il diabete che potresti assumere. Quei dati possono aiutarli ad aiutarti.

Indipendentemente dal fatto che controlli la glicemia utilizzando un monitor della glicemia (BGM) o un monitor continuo della glicemia (CGM), puoi condividere tali dati in vari modi:

Condividere quei dati può essere spaventoso: è come dare un’occhiata al tuo diario personale! Questi numeri sembrano molto personali, ma fare il passo per condividere quei dati può aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di diabete.

Condividere i dati sulla glicemia può essere spaventoso o imbarazzante

“Ho sicuramente avuto pazienti in passato che non volevano condividere i loro dati CGM, o semplicemente si sentivano come se fossero stati giudicati in passato da altri operatori sanitari in merito alle loro tendenze di zucchero nel sangue”, afferma Maya Perko, RD, CDCES che anche vive con il diabete di tipo 1 e offre assistenza sul diabete virtualmente presso Maya Perko Nutrition .

“Spiego ai miei pazienti che i numeri sono qui esclusivamente per informazioni che ci aiutano a prendere decisioni informate sui rapporti di carboidrati e altre decisioni di dosaggio. Questo non è un test pass-or-fail”.

Perko aggiunge che molte persone con diabete non hanno mai imparato a rivedere i propri dati CGM. Farlo con la guida del tuo team sanitario significa che sarai più in grado di rivederlo da solo, anche tra un appuntamento e l’altro.

“Quando impari a leggere questi grafici e tendenze, ti sentirai più come se fossi al posto di guida”, spiega Perko, lavorando sempre per inquadrare l’intera discussione in una luce positiva.

In che modo i dati sulla glicemia aiutano il tuo team sanitario ad aiutarti

L’analisi dei dati sulla glicemia aiuta il tuo team sanitario ad apportare modifiche critiche. Ad esempio, un semplice aggiustamento della dose di insulina durante i pasti o ad azione prolungata può avere un grande impatto sulla tua capacità di raggiungere i tuoi obiettivi di zucchero nel sangue .

“Guardo i dati per determinare cose come: stai assumendo abbastanza insulina con il tuo rapporto carboidrati/insulina? Le tue dosi correttive per la glicemia alta funzionano? Il livello di zucchero nel sangue scende dopo aver preso quell’insulina?”

“Ma questi dati sono solo un piccolo pezzo del puzzle”, aggiunge Perko. “Non do mai alcun suggerimento senza parlare con il paziente e ottenere una migliore comprensione di ciò che stava effettivamente accadendo durante il giorno”.

Ci sono così tante variabili da considerare quando si esaminano i livelli di zucchero nel sangue: pasti ricchi di grassi, cicli mestruali, cambiamenti nell’attività fisica, una giornata stressante, una giornata trascorsa in aeroporto, ecc. È anche importante discutere quando una fluttuazione di zucchero nel sangue è appena successo come un momento casuale di giocoleria di così tante variabili rispetto a un evento quotidiano ricorrente che richiede una modifica.

“Ma è davvero difficile dare suggerimenti quando non si hanno i dati. È, sai, è fondamentalmente come volare nel buio. È super, super importante avere il download dal tuo glucometro, il registro scritto a mano o i dati CGM per vedere le tendenze.

“Se non parliamo dei dettagli”, ricorda Perko, “non possiamo sapere cosa sta realmente succedendo”.

Condivisione dei dati sulla glicemia anche se non hai bisogno di aiuto

“Sto bene. So cosa sto facendo. L’ho sempre fatto in questo modo”, afferma Perko, descrivendo la mentalità dei pazienti con cui ha lavorato e che sono sicuri di aver capito tutto.

Se stai raggiungendo i tuoi obiettivi di zucchero nel sangue, allora è un buon argomento per tenere i tuoi dati per te. Ma è probabile che le cose siano dovute a un ritocco. Anche se vivi con il diabete da decenni, i progressi nell’insulina e nella tecnologia hanno una curva di apprendimento. Quasi tutti hanno altro da imparare.

In alcuni casi, potresti riscontrare alti o bassi frequenti a cui ti sei appena abituato: ti sei detto che questo è solo una parte del diabete. In realtà, potrebbero esserci piccoli aggiustamenti per aiutare a prevenire tali fluttuazioni.

“In definitiva, chiederei a questo paziente più riluttante se i suoi livelli di zucchero nel sangue sono dove vogliono che siano? E se la risposta è no, per loro non farà male condividere i loro dati con me. E penso che si riduca a ricordare loro che sono qui per aiutarti”.

Il problema più comune rivelato dai dati sulla glicemia

“Ci sono così tante forme diverse di grafici della glicemia che ho visto e così tanti pazienti diversi con ciascuno dei propri problemi”, afferma Perko. “Ma se dovessi scegliere un problema più comune, direi di notare che le persone non stanno cronometrando correttamente la loro insulina. Se semplicemente non stai assumendo la tua insulina in base a ciò che stai mangiando o non la tempi correttamente con quell’attività fisica, può mandare la tua glicemia sulle montagne russe o causare un effetto a catena per il resto della giornata.

Ad esempio: aiutare i suoi pazienti a imparare a regolare le dosi dei pasti per quei pasti ricchi di grassi a digestione lenta può impedire di assumerne troppo quando inizi a mangiare, di abbassarsi e di aumentare alcune ore dopo.

Un altro esempio: fare esercizio con troppa insulina a bordo da un pasto recente o una dose correttiva di insulina può far crollare la glicemia . Imparare a cronometrare il tuo esercizio quando hai meno insulina a bordo o ad aggiustare la tua dose durante i pasti è fondamentale.

Un’altra opportunità comune su cui vede margini di miglioramento è la tempistica dell’insulina ad azione prolungata per coloro che assumono più iniezioni giornaliere.

“A molte persone all’inizio viene detto di prenderlo di notte, e per molte persone funziona davvero bene. Ma per altri, potrebbe essere meglio prenderlo al mattino. Questo è un problema molto comune che posso individuare durante la revisione dei dati sulla glicemia”.

Imparare a guardare i propri dati di zucchero nel sangue

“Prima una persona può imparare a guardare le proprie tendenze glicemiche e come guardare i propri rapporti, prima imparerà come apportare alcune di queste regolazioni da solo, più agevole sarà la sua esperienza. La tua dose di correzione funziona? Il tempo di assunzione dell’insulina per il pasto corrispondeva al modo in cui quel pasto è stato digerito?”

Mentre Perko consiglia di discutere di eventuali cambiamenti nel regime del diabete con il tuo team sanitario, sa anche che aspettare mesi e mesi per vedere il tuo operatore sanitario non è realistico nella gestione del diabete. Se stai riscontrando alti o bassi frequenti e gravi, non dovresti aspettare mesi e mesi per agire.

“In qualità di operatore sanitario, che lavora sul diabete, la cosa migliore che possiamo fare è convincere il paziente ad assumersene la responsabilità invece di apportare modifiche per lui”, sottolinea Perko. “Dovremmo spiegare loro come e perché stiamo apportando un cambiamento e incoraggiarli davvero a guardare i propri rapporti tra un appuntamento e l’altro con il tuo team sanitario”.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: