Benessere

Cambiamenti intensi dello stile di vita associati alla remissione del diabete tipo 2 entro 3 mesi

Gli adulti con prediabete o diabete di tipo 2 che partecipavano a un programma con dieta personalizzata e programmi di esercizio avevano migliorato le misure di sensibilità all’insulina di 3 mesi, con alcuni partecipanti che hanno ottenuto la remissione del diabete .

Il diabete di tipo 2 e il prediabete sono considerati “malattie dello stile di vita” associate ad alti tassi di morbilità, mortalità e spesa sanitaria, ha affermato Josep Iglesies-Grau, MD , ricercatore in cardiologia preventiva presso il Montreal Heart Institute, durante una presentazione all’American Society for Congresso di cardiologia preventiva sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari. Diversi interventi sullo stile di vita possono controllare e persino invertire alcune malattie cardiometaboliche; tuttavia, tali strategie sono raramente implementate in modo efficace come scelte di prima linea, ha affermato.

Adult Asian man smiling while pointing to his bicep muscle

“Per affrontare questo problema, abbiamo avviato una clinica gratuita che ha proposto ai pazienti affetti da prediabete e diabete di tipo 2 un programma multidisciplinare di 6 o 12 mesi per aiutarli ad apprendere e attuare abitudini sane in modo progressivo”, ha affermato Iglesies-Grau durante la presentazione. “Durante il follow-up, i pazienti hanno avuto l’opportunità di sessioni di counseling nutrizionale individualizzato, in cui è stata proposta una dieta mediterranea a base vegetale con carboidrati moderati e digiuno intermittente. Hanno anche avuto l’opportunità di una prescrizione personalizzata di esercizi fisici e di visite educative con infermieri, che hanno anche affrontato i determinanti sociali della salute”.

In uno studio prospettico, non randomizzato, Iglesies-Grau e colleghi hanno analizzato i dati di 265 adulti con prediabete (n = 81) e diabete di tipo 2 (n = 184), reclutati dal 2019 al 2020. L’età media dei partecipanti era di 68 anni; Il 67% erano uomini; Il 48% aveva una malattia coronarica e al 54% erano state prescritte terapie ipoglicemizzanti. I partecipanti hanno completato sei visite di consulenza nutrizionale e tre visite di esercizio fisico personalizzate in 6 mesi. I partecipanti hanno fornito campioni di sangue e dati antropometrici al basale, 3, 6 e 12 mesi; le terapie ipoglicemizzanti non sono state modificate se non necessario. I ricercatori hanno definito la remissione parziale del diabete di tipo 2 come HbA1c inferiore al 6,5% per almeno 3 mesi; la remissione completa del prediabete e del diabete di tipo 2 è stata definita come HbA1c inferiore al 5,7% per almeno 3 mesi.

I ricercatori hanno scoperto che tutte le misure di salute metabolica, tra cui circonferenza vita, peso, BMI, glucosio, insulina e HbA1c, sono migliorate durante l’intervento, in particolare per i partecipanti con diabete di tipo 2.

“I guadagni sono stati raggiunti a 3 mesi e sono stati mantenuti per il resto del programma senza cambiamenti significativi”, ha affermato Iglesies-Grau.

All’interno delle coorti, il 41,3% dei partecipanti ha ottenuto una remissione parziale del diabete di tipo 2 e il 5,4% ha raggiunto la remissione completa, mentre il 24% dei partecipanti con prediabete ha raggiunto la remissione completa. In modelli aggiustati per età, sesso, trattamento, HbA1c e perdita di peso a 3 mesi, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti con un HbA1c basale basso ( P = .01) e quelli che avevano perso almeno 3,5 kg entro 3 mesi (OR = 4,1; 95 % CI, 1,5-11,1; P = .005) avevano maggiori probabilità di raggiungere il prediabete o la remissione del diabete.

“È stato dimostrato che dare priorità ai cambiamenti dello stile di vita migliora le misure antropometriche e di sensibilità all’insulina fino al punto di ottenere la remissione tra i soggetti con prediabete o diabete di tipo 2”, ha affermato Iglesies-Grau.

Iglesies-Grau ha affermato che sono necessarie ulteriori ricerche per capire meglio quali interventi non farmacologici funzionano meglio tra gli adulti con profili metabolici e farmacoterapia variabili, quanto a lungo dovrebbero durare gli interventi e in che modo la normalizzazione parziale o completa della glicemia influisce sui risultati a lungo termine.

Fonte:

Iglesies-Grau J.  Presentato a: Congresso della Società Americana per la Cardiologia Preventiva sulla Prevenzione delle CVD; 29-31 luglio 2022; Louisville, Kentucky.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: