Batticuore

I diabetici di tipo 1 possono ottenere il “doppio diabete” dall’insulino-resistenza

Secondo i risultati di uno studio pubblicati dalla University of Pittsburgh Graduate School of Public Health, l’insulino-resistenza, una condizione comunemente associata allo sviluppo del diabete di tipo 2, è probabilmente una delle principali cause di malattie cardiache nelle persone con diabete di tipo 1. GSPH) in Diabetes Care, una rivista dell’American Diabetes Association.

“Le malattie cardiache sono una delle principali complicanze per le persone con diabete, comprese quelle con diabete di tipo 1, e fino ad ora non c’è stata una spiegazione chiara per la sua causa”, ha affermato il ricercatore principale Trevor Orchard, MD, professore e presidente ad interim, dipartimento di epidemiologia, GSPH. “Ora sospettiamo che la resistenza all’insulina si manifesti in quelli con diabete di tipo 1 allo stesso modo di quelli con tipo 2, essenzialmente dando a questi individui un doppio diabete e aumentando notevolmente il rischio di malattie cardiache”.

L’insulino-resistenza, da tempo associata al diabete di tipo 2 e noto fattore di rischio per le malattie cardiache, si verifica quando il corpo non utilizza correttamente l’insulina per metabolizzare il glucosio nel sangue, o zucchero. La condizione si verifica quando l’insulina non consente alle cellule di ammettere il glucosio, necessario per la produzione di energia delle cellule. Il glucosio si accumula quindi nel sangue ed è necessaria un’ulteriore insulina. Il nuovo studio suggerisce che questa condizione può verificarsi anche nelle persone che hanno il diabete di tipo 1.

“La buona notizia è che non tutte le persone con diabete di tipo 1 sono resistenti all’insulina e per loro il rischio di malattie cardiache potrebbe non essere così alto”, ha affermato il dottor Orchard. “Chiaramente, ridurre o prevenire la resistenza all’insulina attraverso l’esercizio, la perdita di peso e possibilmente i farmaci può aiutare le persone con diabete di tipo 1 a evitare le malattie cardiache”.

Lo studio ha analizzato i dati del Pittsburgh Epidemiology of Diabetes Complication Study (PEDCS), un’indagine prospettica di 10 anni basata su una coorte di adulti con diabete di tipo 1 o ad esordio infantile. Dei 658 soggetti in PEDCS, 603 non avevano malattie cardiache al basale e sono stati seguiti per il presente studio.

Nel periodo di 10 anni si sono verificati 108 eventi cardiovascolari come angina, infarto o morte tra i partecipanti. I fattori di rischio erano più bassi tra coloro che non hanno avuto eventi cardiovascolari, moderati tra quelli con angina e più alti tra coloro che sono morti.

La resistenza all’insulina era un fattore di rischio che prediceva tutti gli eventi avversi ed era il più grave tra i partecipanti che hanno sperimentato gli eventi più gravi.

Per misurare la resistenza all’insulina, i ricercatori hanno utilizzato il tasso di smaltimento del glucosio stimato (eGDR), un nuovo calcolo basato sul rapporto vita-fianchi, sullo stato di ipertensione e sui livelli di zucchero nel sangue a lungo termine. I partecipanti allo studio senza eventi cardiovascolari avevano un eGDR normale; coloro che hanno sofferto di angina, considerata un evento moderato, hanno avuto un eGDR inferiore; e quelli con gli eventi più gravi avevano l’eGDR più basso.

L’alto livello di zucchero nel sangue stesso era l’unico potenziale fattore di rischio che non sembrava predire gli eventi cardiovascolari.

“Le nostre analisi sono coerenti con l’ipotesi che gli individui con glicemia alta sviluppino placche nelle loro arterie coronarie che sono più fibrose del normale. Quella qualità potrebbe avere un effetto stabilizzante che rende meno probabile la rottura della placca e provoca un coagulo di sangue che ne risulterebbe in un attacco di cuore”, ha spiegato il dottor Orchard. “Tuttavia, qualsiasi effetto protettivo dalla natura fibrosa della loro placca arteriosa è contrastato dalla probabilità che il glucosio causi più placche di questo tipo e che non influisca sul rischio di problemi legati all’aterosclerosi in altre parti del corpo, dove l’esistenza stessa della placca può portare alla malattia arteriosa degli arti inferiori, che a volte provoca l’amputazione”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: