Batticuore

E’ questione di camera

Adv

Il rischio di demenza può essere maggiore se una camera cardiaca superiore è anormale

Il rischio di demenza è aumentato anche quando la fibrillazione atriale e l’ictus, due noti fattori di rischio per la demenza, non si sono verificati secondo un nuovo studio sul Journal of American Heart Association.

Punti salienti della ricerca:

  • Uno studio ampio e diversificato su oltre 5.000 anziani negli Stati Uniti ha scoperto che le dimensioni o il funzionamento anormali dell’atrio sinistro (una delle due camere cardiache superiori), anche prima che i sintomi siano presenti, possono svolgere un ruolo nello sviluppo della demenza.
  • Le anomalie, chiamate cardiopatia atriale, sembravano aumentare del 35% il rischio dei partecipanti di sviluppare demenza.

DALLAS, 10 agosto 2022 — Secondo una nuova ricerca pubblicata oggi sul Journal of the American Heart , le anomalie strutturali o funzionali all’interno dell’atrio sinistro del cuore, con o senza sintomi, possono aumentare del 35% il rischio di sviluppare demenza in età avanzata. Association , una rivista ad accesso aperto e peer-reviewed dell’American Heart Association. Il rischio di demenza è aumentato anche tra coloro che non hanno avuto fibrillazione atriale o ictus, due condizioni note per essere associate alla demenza.

L’atrio sinistro è una delle quattro camere del cuore ed è responsabile della ricezione del sangue dai polmoni e del pompaggio nel ventricolo sinistro, che poi pompa il sangue al resto del corpo. Un’anomalia nella struttura o nel funzionamento dell’atrio sinistro, nota come cardiopatia atriale, può spesso fungere da biomarcatore, o predittore, del rischio cardiaco di una persona. La cardiopatia atriale è associata ad un aumentato rischio di ictus e fibrillazione atriale, entrambi legati a un aumentato rischio di demenza. In uno studio condotto da Michelle C. Johansen, MD, Ph.D., assistente professore di neurologia presso la Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, il team di ricerca mirava a determinare la relazione tra cardiopatia atriale e demenza, e in tal caso , se è indipendente da fibrillazione atriale e ictus.  

I risultati dello studio evidenziano la necessità di ottenere una migliore comprensione della relazione e dei meccanismi tra uno stato di disfunzione atriale, che può essere subclinica (che non presenta sintomi) e l’associazione recentemente scoperta con la demenza, hanno osservato i ricercatori.

I partecipanti alla presente analisi facevano parte di un gruppo di studio più ampio di oltre 15.000 persone originariamente reclutate per lo studio ARIC (Atherosclerosis Risk in Communities), iniziato nel 1987 per ricercare la salute del cuore nelle persone che vivevano in quattro diverse comunità negli Stati Uniti ARIC i partecipanti allo studio avevano un’età compresa tra 45 e 65 anni all’inizio dello studio e provenivano dalle aree rurali degli Stati Uniti (Forsyth County, North Carolina e Washington County, Maryland) e dalle aree urbane: Minneapolis e Jackson, Mississippi. Tutti i partecipanti all’ARIC hanno partecipato a visite cliniche ogni tre anni e la ricerca e i dati risultanti – tra cui l’estrazione di cartelle cliniche, i tracciati ECG e i questionari di medici e coroner, nonché i dati sui certificati di morte – hanno portato a scoperte e linee guida sull’aterosclerosi, le malattie cardiache, malattie renali, diabete, ictus e declino cognitivo. Questa analisi utilizza i dati e le valutazioni raccolti durante la quinta visita clinica ARIC dei partecipanti, tra il 2011 e il 2013 come riferimento, e segue i partecipanti durante la loro sesta visita, tra il 2016 e il 2017, e la loro settima visita, tra il 2018 e il 2019.

L’analisi corrente includeva 5.078 dei 5.952 partecipanti che sono tornati per la quinta visita clinica; Il 59% erano femmine e il 41% maschi. Il gruppo di 5.078 aveva un’età media di 75 anni e il 21% si identificava come adulto nero. Durante la quinta, sesta e settima visita clinica, i partecipanti all’ARIC sono stati valutati per il declino cognitivo che indicava demenza.  

I ricercatori hanno valutato il declino cognitivo in tutti i partecipanti con una batteria di test neuropsicologici completa dell’Uniform Data Set del programma Alzheimer’s Disease Centers del National Institute on Aging, nonché un’intervista con un informatore in un sottogruppo di partecipanti. Le interviste con gli informatori sono un test di screening di domande, come l’intervista con gli informatori di otto elementi per differenziare tra invecchiamento e demenza, somministrata a un coniuge, figlio adulto o amico intimo dell’adulto oggetto di valutazione per il declino cognitivo. La batteria del test neuropsicologico consiste in brevi misure di velocità di elaborazione, memoria episodica, linguaggio, attenzione e funzione esecutiva.

I codici di dimissione ospedaliera – ottenuti nell’ambito dello studio ARIC o direttamente dagli indici delle dimissioni ospedaliere o da un servizio di indicizzazione o da un servizio di indicizzazione – e i dati del certificato di morte, ottenuti nell’ambito dello studio ARIC dal sistema di classificazione automatizzata degli enti medici, sono stati incluso anche per valutare lo stato cognitivo dei partecipanti. Inoltre, è stata condotta una valutazione cardiaca, inclusa ecocardiografia , elettrocardiografia (ECG/ECG) e analisi del sangue per valutare le dimensioni e la funzione dell’atrio sinistro del cuore per verificare la presenza di segni di cardiopatia atriale.

L’analisi dei dati sanitari collettivi ha rilevato che durante gli oltre 30 anni di follow-up, 763 persone hanno sviluppato demenza e 1.709 avevano cardiopatia atriale. I partecipanti con cardiopatia atriale sembravano avere il 35% in più di probabilità di sviluppare demenza. Quando i ricercatori si sono adattati per i partecipanti che hanno avuto fibrillazione atriale e ictus, anche dopo aver tenuto conto di altri rischi vascolari, hanno comunque osservato un aumento rispettivamente del 31% e del 28% del rischio di demenza nei pazienti con cardiopatia atriale. I ricercatori hanno suggerito che uno stato di cardiopatia atriale che porta alla demenza non è il risultato della sola fibrillazione atriale o ictus.

Sebbene i ricercatori notino che i risultati non implicano una causalità, sottolineano l’importanza di ridurre i rischi di malattie vascolari e cardiache. Tra i limiti dello studio c’era la possibilità che la fibrillazione atriale asintomatica o gli ictus silenziosi potessero essere sfuggiti in alcuni partecipanti allo studio. Inoltre, la demenza si sviluppa lentamente, pertanto alcuni partecipanti con sintomi più lievi potrebbero essere stati persi e alcuni pazienti nello studio potrebbero essere morti prima che la demenza fosse osservata e documentata. Lo studio potrebbe anche non essere generalizzabile tra popolazioni con dati demografici diversi rispetto alle quattro comunità nella contea di Forsyth, nella Carolina del Nord; Contea di Washington, Maryland; Minneapolis; e Jackson, Mississippi che comprendono ARIC.  

I coautori sono Wendy Wang, MPH; Michael Zhang, MD, Ph.D.; David S. Knopman, MD; Chiadi Ndumele, MD, Ph.D.; Thomas H. Mosley Ph.D.; Elizabeth Selvin, MPH, Ph.D.; Amil M. Shah, MD, MPH; Scott D. Solomon MD; Rebecca F. Gottesman, MD, Ph.D.; e Lin Yee Chen, MD, le rivelazioni degli autori della SM sono elencate nel manoscritto.

Lo studio è stato finanziato dal National Heart, Lung e Blood Institute del National Institutes of Health.

Gli studi pubblicati sulle riviste scientifiche dell’American Heart Association sono sottoposti a revisione paritaria. Le dichiarazioni e le conclusioni in ogni manoscritto sono esclusivamente quelle degli autori dello studio e non riflettono necessariamente la politica o la posizione dell’Associazione. L’Associazione non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza o affidabilità. L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati; anche fondazioni e società (comprese farmaceutiche, produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per impedire che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. Sono disponibili i ricavi di aziende farmaceutiche e biotecnologiche, produttori di dispositivi e fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie complessive dell’Associazione qui . 

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: