Assistenza sociosanitaria Compliance Educazione Telemedicina testimonianze

Potere al paziente: assistenza incentrata sulla persona e come puoi prendere in mano la tua salute

L’assistenza centrata sulla persona (nota anche come assistenza centrata sul paziente) è la filosofia di restituire potere ai pazienti e metterli “al centro” dell’assistenza.

Può portare a una riduzione della spesa sanitaria e a migliori risultati per la salute dei pazienti . Ecco perché l’assistenza centrata sulla persona è diventata una priorità assoluta in Canada.

In qualità di ricercatore sui servizi sanitari che lavora con un gruppo internazionale di ricercatori , il mio obiettivo è saperne di più su come funziona l’assistenza centrata sulla persona e su come possiamo usare la voce delle persone e le informazioni sulla salute per realizzarla.

Sono anche una persona che utilizza il sistema sanitario, motivo per cui so che è importante che tutti sappiano cos’è l’assistenza centrata sulla persona, da dove viene e come ognuno di noi gioca un ruolo nella costruzione di una salute migliore. sistema di cura.

Cos’è l’assistenza centrata sulla persona?

“Mettere i pazienti al centro” è un obiettivo davvero vago. Ecco perché il tuo medico di famiglia, farmacista, fisioterapista e tutti quelli che si trovano in mezzo probabilmente hanno idee diverse su come essere centrati sulla persona. Ecco tre segnali che indicano che l’assistenza che stai ricevendo è centrata sulla persona :

  1. Ti vedono come una persona intera : sei unico e complesso. Hai desideri, bisogni, amici e famiglie. Ecco perché il tuo medico vuole sentire quello che hai da dire e rispetta il tuo diritto di fare delle scelte sul tuo corpo.
  2. Ti trattano come un partner : invece di dirti cosa fare, il tuo medico ti ascolta, insegna e collabora con te per costruire un piano di assistenza in linea con i tuoi obiettivi. Come ogni partnership, la fiducia è fondamentale. Ti fidi di loro e loro si fidano di te.
  3. Ti aiutano a navigare nel tuo viaggio verso una salute migliore : ascoltano le tue preoccupazioni e convalidano i tuoi sentimenti. Danno anche consigli utili usando parole che capisci e ti indirizzano ad altre risorse quando ne hai bisogno.

Da dove è venuta questa idea?

Una donna in camice da ospedale e una donna in camice e uno stetoscopio che guardano insieme la tavoletta

Cento anni fa nel sistema medico occidentale ci si aspettava che i pazienti fossero passivi. L’operatore sanitario era il custode delle conoscenze per il tuo corpo, quindi hai fatto quello che hanno detto senza fare domande. Ecco perché è stato rivoluzionario quando, negli anni ’50, gli psicologi hanno iniziato a dire che le persone possono curare i propri problemi quando ottengono il giusto supporto .

Nei decenni successivi, altri esperti (tra cui diversi influenti canadesi ) portarono ancora più idee, come come i pazienti dovrebbero essere visti come esseri umani unici . ( I popoli indigeni lo capirono molto prima dei colonizzatori.)

Tre modi per promuovere un’assistenza centrata sulla persona

L’assistenza centrata sulla persona è diventata essenziale . Soprattutto quando si tratta di malattie croniche , è necessario auto-monitorarsi, prendersi cura di sé e difendere se stessi. Quindi cosa puoi fare per prendere in mano la tua salute?

Stetoscopio medico con cuore di carta rosso su superficie bianca
  1. Fai la tua ricerca : L’informazione è potere. Impara il più possibile sulle tue condizioni di salute per acquisire sicurezza, fissare appuntamenti più efficienti e persino migliorare il tuo rapporto con il tuo medico . Non sai da dove cominciare? Chiedi al tuo bibliotecario locale se ha suggerimenti per la ricerca o suggerimenti per libri. Unisciti a una comunità virtuale e cerca opportunità di apprendimento (come workshop o webinar presso l’Alzheimer’s Society , Diabetes Canada o altre grandi organizzazioni). Se hai un operatore sanitario, cercalo su Google per scoprire cosa fanno, se parlano la tua lingua madre e qual è il loro background di formazione. In caso contrario, gli elenchi dei servizi possono aiutarti a trovare un operatore sanitario che soddisfi le tue esigenze. Ad esempio, Rainbow Health Ontario ha un elenco di fornitori di assistenza LGBT2SQ.
  2. Siate preparati : non abbiate paura di portare un elenco di domande e preoccupazioni e prendere appunti per aiutarvi a ricordare ciò che ha detto l’operatore sanitario (ad esempio, gergo che vorrete consultare più tardi). Puoi anche coinvolgere una persona di supporto, come un amico o un familiare, per il supporto emotivo, per sostenerti, per aiutare con il processo decisionale o per prendere appunti . Mostra al tuo medico che vuoi saperne di più sulla tua salute e non aver paura di parlare se ti senti licenziato .
  3. Dai un feedback : la sfida con l’assistenza centrata sulla persona è che i problemi nel sistema sanitario , come la carenza di personale, possono renderlo più difficile da fare. Ma puoi aiutare a cambiare il sistema. Sii gentile con i tuoi operatori sanitari. Condividi le tue opinioni (sul bene e sul male) compilando i sondaggi sui pazienti quando le ricevi. Puoi anche entrare a far parte di un consiglio consultivo, comitato o rete di pazienti e famiglie. Si tratta di gruppi di persone con esperienza vissuta che aiutano a migliorare il sistema sanitario. In qualità di membro di un comitato consultivo per pazienti e famiglie, ho fornito feedback sulle decisioni di assunzione, sulla pianificazione della sicurezza, sull’istruzione e altro ancora. Cerca online per trovare un gruppo locale, provinciale o nazionale (come il Patient Advisors Network ).

Anche se potresti non essere in grado di cambiare il sistema da solo, ricorda sempre che la tua voce è importante


Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una Creative Commons license. Leggi l’articolo originale.

 

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: