Mangiare e bere

Alla larga!

Nuove intuizioni su come alcune persone con obesità possono perdere peso e tenerlo lontano

Il rigoroso studio del team guidato dall’Università di Ottawa ha il potenziale per aiutare a rimodellare la scienza dei programmi di perdita di peso in modo che possano essere personalizzati per i singoli pazienti con obesità difficile da trattare

Per decenni, c’è stato un approccio valido per tutti al trattamento dell’obesità: abbracciare una dieta a basso contenuto di calorie. Tuttavia, l’evidenza mostra che questo approccio incentrato sulla dieta semplicemente non funziona per un sottogruppo di adulti con obesità che aderiscono a un programma clinico di gestione del peso.

Ora, una nuova avvincente ricerca pubblicata sulla rivista eBioMedicine sfida l’idea profondamente radicata che la dieta da sola dovrebbe essere adeguata per tutti coloro che cercano di perdere peso.

Le importanti conclusioni potrebbero migliorare significativamente la salute pubblica guidando l’avvento di piani di trattamento personalizzati che aiuteranno le persone con obesità difficile da curare a perdere peso e a tenerlo lontano.

“È un lavoro emozionante e importante. Questi risultati hanno implicazioni cliniche e rivelano meccanismi molecolari che guideranno la ricerca per molti anni a venire”, afferma la dott.ssa Mary-Ellen Harper, professoressa pluripremiata e cattedra di ricerca in bioenergetica mitocondriale presso la Facoltà di Medicina di uOttawa, che era la senior dello studio autore.

Comprendere i distinti fenotipi dell’obesità è la chiave per ottenere informazioni sulle variazioni individuali nella perdita di peso. E per l’obesità “resistente alla dieta” – i pazienti nel 20% inferiore per tasso di perdita di peso dopo una dieta ipocalorica – l’allenamento fisico dovrebbe essere prioritario, poiché diminuisce la massa grassa e aumenta il metabolismo del muscolo scheletrico.

Il team di ricerca ha estratto dati clinici da oltre 5.000 record. Alla fine, sono stati esaminati 228 file e un sottogruppo di 20 donne con obesità è stato identificato per sottoporsi a un programma di esercizi strettamente supervisionato composto da 18 sessioni progressive utilizzando tapis roulant e pesi eseguiti tre volte a settimana per sei settimane.

Utilizzando approcci di bioinformatica e apprendimento automatico per analizzare il muscolo scheletrico, i risultati indicano che l’esercizio migliora preferenzialmente il metabolismo del muscolo scheletrico e migliora la capacità di perdita di peso per le persone con obesità che sono ritenute resistenti alla dieta.

Questo è il tipo di pazienti con obesità difficile da curare che sono stati spesso accusati di non aderenza quando non hanno perso peso con restrizioni dietetiche.

“Per quelle persone che hanno l’obesità e che hanno avuto enormi difficoltà a perdere peso, il messaggio per loro è: fai parte di un gruppo di persone per le quali l’esercizio è particolarmente importante. E questo ti aiuterà davvero a perdere peso”, afferma la dott.ssa Ruth McPherson, leader nella genetica cardiovascolare, professoressa presso la Facoltà di Medicina di uOttawa e direttrice del Ruddy Canadian Cardiovascular Genetics Center, del Laboratorio di Atherogenomics e della Clinica dei lipidi presso il Istituto del cuore di Ottawa.

La posta in gioco è alta: il numero di persone in sovrappeso o obese è cresciuto a proporzioni epidemiche a livello globale e l’obesità è un fattore di rischio in una serie di malattie croniche. In Canada, due adulti su tre sono in sovrappeso o obesi, secondo Statistics Canada.

Il dottor Robert Dent, fondatore della clinica per la gestione del peso dell’ospedale di Ottawa ed endocrinologo presso uOttawa , ha descritto i risultati come il “glorioso coronamento” del lavoro di ricerca svolto insieme ai dottori. Harper e McPherson da oltre due decenni. I tre partner hanno collaborato a numerosi progetti nel corso degli anni, aiutando a svelare i misteri dell’energia mitocondriale e dei predittori genetici della perdita di peso.

“Se guardi un grande gruppo di persone che sono in sovrappeso e cercano di perdere peso, non rispondono molto all’esercizio. Ma ora abbiamo scoperto che le persone con questo fenotipo di obesità [resistente alla dieta] lo fanno davvero”, afferma il dottor Dent. “Quello che i risultati ci dicono è che quando vediamo individui con obesità che non rispondono alle restrizioni dietetiche, dovrebbero essere spostati verso l’attività fisica”.

Lo studio ha il potenziale per aiutare a rimodellare la scienza dei programmi di perdita di peso in modo che possano essere personalizzati per i singoli pazienti. E poiché lo studio apre varie interessanti possibilità di ricerca a livello molecolare, il team sta già reclutando per uno studio con una dimensione del campione più ampia.

” L’allenamento fisico migliora il metabolismo mitocondriale muscolare nell’obesità resistente alla dieta “ è pubblicato in eBioMedicine, l’11 agosto 2022, da un team di 17 autori, tra cui il primo autore Dr. Chantal Pileggi, ricercatrice post-dottorato presso la Facoltà di Medicina di uOttawa. DOI : 10.1016/j.ebiom.2022.104192

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: