Equilibrio Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Gli adulti con diabete di tipo 1 soffrono di diabete “moderato” anche con l’uso del CGM

Secondo i risultati presentati alla Conferenza annuale dell’Association of Diabetes Care & Educational Specialists , gli adulti con diabete di tipo 1 soffrono di diabete anche con l’uso del monitoraggio continuo della glicemia.

“Uno dei vantaggi della CGM è che aiuta a semplificare la gestione del diabete, il che può aiutare a semplificare la gestione quotidiana del diabete”, Katherine S. Chapman, BA , responsabile della ricerca presso T1D Exchange, e Caitlin S. Kelly, PhD , una ricercatrice scienziata del T1D Exchange, ha detto. “Abbiamo alcune prove molto preliminari in cui vediamo che i punteggi di stress del regime sono inferiori al carico emotivo. Ma la ricerca passata è mista sul fatto che l’uso di CGM significhi come le persone sperimentano meno problemi di diabete. Per noi ha senso che la difficoltà di convivere con il diabete – il carico emotivo di avere una malattia cronica che invade ogni parte della tua vita quotidiana – sarebbe comunque difficile anche se alcuni aspetti della gestione fossero facilitati attraverso il CGM”.

I ricercatori hanno reclutato 244 adulti con diabete di tipo 1 che hanno utilizzato un CGM Dexcom dal T1D Exchange Registry per completare un breve sondaggio online (età media, 40,8 anni; 78,3% donne; 94,7% bianchi). I partecipanti hanno completato la scala di distress del diabete a due voci, che chiede ai partecipanti se si sentono sopraffatti dalle esigenze di convivere con il diabete e si sentono come se stessero spesso fallendo con il loro regime di diabete. I ricercatori hanno confrontato i risultati del sondaggio a due voci con le sottoscale del carico emotivo e del disagio del regime della scala di 17 volte Diabetes Distress Scale. I punteggi variavano da 1 a 6, con un punteggio più alto che indicava più sofferenza del diabete.

Della coorte di studio, l’88,5% ha utilizzato un CGM per almeno 1 anno e il 32,4% ha utilizzato un CGM per 5 o più anni. I punteggi medi erano 2,1 nella sottoscala del distress del regime, 2,7 nella scala del Diabetes Distress a 2 voci e 2,8 nella sottoscala del disagio emotivo, indicando un disagio moderato nella coorte. La scala di distress del diabete a due voci era fortemente correlata con la sottoscala del carico emotivo ( r = 0,88) e la sottoscala di stress del regime ( r = 0,85) dell’indagine a 17 voci.

“Un aspetto della nostra ricerca di cui eravamo molto entusiasti è che questa breve misura del disagio del diabete condivide molte sovrapposizioni con le sottoscale più lunghe e può essere incredibilmente utile per ottenere una rapida misura del disagio del diabete in una varietà di studi”, Chapman e Kelly ha detto. “Per molti ricercatori, inclusi noi stessi, spesso dobbiamo prendere decisioni difficili sull’inclusione o meno di domande semplicemente a causa della quantità di tempo che i partecipanti impiegherebbero a rispondere. Vedere che questa misura a due voci del disagio del diabete era così strettamente correlata alla scala più lunga nel nostro campione mostra che più ricercatori dovrebbero essere in grado di utilizzare il disturbo del diabete nei loro studi”.

I partecipanti più giovani ( r = –0,36; P <.001) avevano maggiori probabilità di avere un punteggio più alto sulla scala a due voci rispetto ai partecipanti più anziani e quelli con una HbA1c più alta ( r = 0.23; P <.001) erano più probabili avere più sofferenza rispetto ai partecipanti con una HbA1c inferiore.

“Le implicazioni cliniche dei nostri risultati evidenziano l’importanza per gli educatori del diabete e altri operatori sanitari di monitorare le persone con diabete di tipo 1 che usano la CGM per i segni di sofferenza del diabete”, hanno affermato Chapman e Kelly. “Il disagio moderato del diabete può avere un impatto reale e negativo sulla qualità della vita, anche negli utilizzatori di CGM che hanno un basso livello di HbA1c e sembrano ‘gestire bene'”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: