Terapie

NitroxylpProvare per credere

Nitroxyl può essere un promettente intervento terapeutico per le emergenze cardiovascolari nel diabete di tipo 2

Un nuovo studio condotto dai ricercatori della Monash University ha mostrato, per la prima volta, che il composto chimico “nitroxil” può rappresentare un intervento efficace e rapido per le emergenze cardiovascolari nel diabete mellito di tipo 2 (T2DM).

Il nitroxil è stato recentemente riconosciuto come un potenziale agente farmacologico per il trattamento più ampio dell’insufficienza cardiaca , tuttavia, questa è la prima volta che si è dimostrato un potenziale intervento per le emergenze cardiovascolari nel T2DM.

Lo studio, condotto dal Monash Institute of Pharmaceutical Scientists (MIPS) e pubblicato sul British Journal of Pharmacology , mette in evidenza il potenziale terapeutico del nitroxile nelle emergenze cardiovascolari come l’ischemia acuta o l’insufficienza cardiaca, dove l’afflusso di sangue ai tessuti è ridotto, portando a una riduzione dell’apporto di nutrienti e ossigeno all’area interessata.

Il team di ricercatori si è proposto di determinare se a) il T2DM promuove la resistenza all’ossido nitrico nel cuore e nel sistema vascolare e b) se la risposta dei tessuti al nitroxile è successivamente influenzata.

In modelli animali preclinici, il team ha mostrato e pubblicato il primo rapporto secondo cui il T2DM induce in effetti resistenza all’ossido nitrico nelle arterie coronarie e mesenteriche, che a sua volta viene superata dal donatore di nitrossile, il sale di Angeli.

Ciò è significativo a causa della prevalenza del T2DM, un’epidemia in rapida crescita che colpisce oltre 463 milioni di persone in tutto il mondo, con un numero che dovrebbe aumentare a 700 milioni entro il 2045.

Gli individui con T2DM hanno un rischio più che raddoppiato di sviluppare insufficienza cardiaca sintomatica, una condizione per la quale la prognosi a lungo termine è sfavorevole con un tasso di mortalità a cinque anni di circa il 75%.

MIPS Drug Discovery Biology Ph.D. La candidata e la prima autrice principale dello studio, Anida Velagic, ha affermato che il rischio di eventi cardiovascolari fatali è aumentato nei pazienti con T2DM e che esiste un’urgente necessità di una terapia diversa dall’ossido nitrico che possa aggirare questo problema.

“L’ossido nitrico svolge un ruolo essenziale nel mantenimento della salute cardiovascolare. La resistenza all’ossido nitrico nei pazienti con diabete che presentano sindromi coronariche acute peggiora la prognosi a lungo termine e aumenta il rischio di eventi cardiovascolari avversi come infarto e ictus”, ha affermato Velagic.

“Ciò significa che la necessità di un’altra terapia che aggiri questo problema è fondamentale. In questo studio siamo stati in grado di fornire la prima prova che la resistenza all’ossido nitrico nel sistema vascolare coronarico e mesenterico è superata dal donatore di nitrossile, il sale di Angeli, in T2DM.”

Il leader del Drug Discovery Biology Theme in MIPS e autrice senior dello studio, la professoressa Rebecca Ritchie, ha affermato che i risultati rappresentano uno sviluppo molto interessante per il team nella sua continua ricerca di identificare nuove strategie terapeutiche per prevenire, ritardare o arrestare la progressione delle malattie cardiovascolari .

“La nostra ricerca al MIPS è incentrata sull’identificazione di nuove strategie di trattamento per arrestare la progressione dell’insufficienza cardiaca, in particolare nel contesto del diabete, quindi questo è uno studio molto interessante per il team e per la più ampia comunità di ricerca cardiovascolare”, ha affermato il professor Ritchie .

Lo studio, intitolato “Le azioni cardioprotettive del nitroxyl donor Angeli’s salt sono preservate nel cuore diabetico e nella vascolarizzazione di fronte alla resistenza all’ossido nitrico “, è stato pubblicato sul British Journal of Pharmacology .


Ulteriori informazioni: Anida Velagic et al, Le azioni cardioprotettive del donatore di nitrossile Il sale di Angeli sono preservate nel cuore e nel sistema vascolare diabetico di fronte alla resistenza all’ossido nitrico, British Journal of Pharmacology (2022). DOI: 10.1111/bph.15849

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: