Complicanze varie/eventuali

La questione maschile

Adv

Il marker del sangue potrebbe predire il rischio di frattura dell’anca osteoporotica negli uomini?

La salute delle ossa richiede un’attività equilibrata di vari tipi di cellule ossee, inclusi gli osteoblasti che formano l’osso e gli osteoclasti che riassorbono l’osso. L’osteoporosi si verifica quando gli osteoclasti dominano senza un’adeguata formazione ossea per compensare. In una nuova ricerca pubblicata sul  Journal of Bone and Mineral Research , livelli ematici elevati di una certa chemochina, o piccola proteina di segnalazione, che promuove la formazione di osteoclasti sono stati collegati a un rischio più elevato di frattura dell’anca negli uomini.

Lo studio ha incluso 55 uomini e 119 donne che avevano subito una frattura dell’anca in media 6,3 anni dopo la raccolta del sangue. I partecipanti sono stati abbinati individualmente ai controlli che non hanno sviluppato fratture dell’anca.

Adv

Gli investigatori hanno osservato livelli ematici più elevati della chemochina CXCL9 nei campioni di sangue pre-frattura di uomini con successive fratture dell’anca rispetto ai loro controlli senza frattura. Nessuna tale differenza è stata vista donne.

“La differenza inaspettata nei risultati tra uomini e donne nel nostro studio può essere spiegata da come i cambiamenti nei livelli di ormoni sessuali durante l’invecchiamento potrebbero influenzare il livello e gli effetti di CXCL9 in modo diverso negli uomini e nelle donne più anziani”, ha spiegato l’autore corrispondente Woon-Puay Koh, MBBS, PhD, della National University of Singapore (NUS).

“I nostri risultati aprono l’eccitante possibilità che gli interventi precoci mirati alla segnalazione di CXCL9 o CXCL9-CXCR3 potrebbero essere utili nella prevenzione delle fratture dell’anca negli uomini più anziani”, ha aggiunto il co-autore Christoph Winkler, PhD, anche di NUS.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: