Mangiare e bere

Il consumo di verdure verdi, gli integratori sopprimono le malattie infiammatorie intestinali

Adv

L’integratore alimentare di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa, secondo i ricercatori del Center for Diabetes and Metabolism Research dell’Università di Sichuan in Cina e del Cedars Sinai Medical Center di Los Angeles. Inoltre, la clorofillina riduce significativamente la mortalità correlata a IBD, perdita di peso, diarrea e sangue nascosto nelle feci, danno epiteliale intestinale e infiltrazione di cellule infiammatorie. I risultati sono stati pubblicati prima della stampa sull’American Journal of Physiology-Gastrointestinal and Liver Physiology e lo studio è stato scelto come articolo APS select per agosto.

I disturbi gastrointestinali cronici come l’IBD colpiscono decine di milioni di persone che vivono negli Stati Uniti. L’IBD ha creato un onere sanitario globale a causa dell’aumento dei costi di trattamento della condizione. Sebbene la causa esatta dell’IBD non sia completamente compresa, alcuni fattori che contribuiscono includono lo stress e le scelte ambientali, lo stile di vita e la dieta, come l’elevato consumo di carne o pesce. Anche l’infiammazione cronica, l’anomalia nell’autofagia – il processo del corpo di ripulire le cellule danneggiate per fare spazio a cellule più nuove e più sane – e lo stress lisosomiale (un’anomalia in un organello che porta all’infiammazione) sono collegati alla condizione.

Adv

Le attuali terapie per l’IBD includono farmaci che sopprimono il sistema immunitario (immunosoppressori) e la chirurgia. Tuttavia, l’uso a lungo termine di trattamenti immunosoppressori potrebbe causare gravi effetti avversi, comprese infezioni opportunistiche e persino insufficienza d’organo.

In questo studio, i ricercatori hanno scoperto che l’assunzione di un integratore orale di clorofillina , un composto derivato dal pigmento verde presente nelle piante, riduce la colite e le anomalie negli epiteli intestinali dei topi. Inoltre, il consumo di verdure verdi e clorofillina può essere utile per il recupero dell’IBD, in parte attraverso l’alleviamento dell’infiammazione e del flusso autolisosomico (un processo che utilizza il lisosoma per degradare e rimuovere molecole e organelli tossici). Il pigmento verde presente in questi alimenti e integratori può avviare una segnalazione di alimentazione per modulare l’autofagia nelle cellule, che sopprime i sintomi dell’IBD.

I ricercatori ritengono che questi risultati potrebbero essere un percorso verso un trattamento meno intrusivo per l’IBD. “Il consumo di verdure di colore verde o integratori di pigmenti verdi come la clorofillina potrebbe aiutare le persone con malattie infiammatorie intestinali”, ha affermato Xiaofeng Zheng, Ph.D., dell’Università di Sichuan e coautore dello studio.

Ulteriori informazioni: Philip Dalsbecker et al, Dispositivi Liver-on-a-chip: i pro ei contro della complessità, American Journal of Physiology-Gastrointestinal and Liver Physiology (2022). DOI: 10.1152/ajpgi.00346.2021

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: