Reni

Il genere può fare la differenza

Lo studio rivela differenze di sesso nella perdita della funzione renale correlata all’età

Sebbene più donne che uomini soffrano di malattia renale cronica (CKD), più uomini sviluppano insufficienza renale. In uno studio sul Journal of the American Society of Nephrology di una popolazione dell’Europa settentrionale che ha cercato di spiegare questa contraddizione, la funzione renale era inferiore nelle donne di mezza età rispetto agli uomini, ma il successivo tasso di declino della funzione renale durante l’invecchiamento era più ripido tra uomini. Le differenze di sesso legate alle malattie e ai fattori di rischio di malattie renali non spiegavano queste differenze.

La maggior parte delle persone perde parte della funzionalità renale quando invecchia e, poiché la popolazione sta invecchiando in tutto il mondo, sempre più persone sviluppano CKD. Lo studio Global Burden of Disease prevede che l’insufficienza renale cronica sarà la quinta causa più comune di anni di vita persi entro il 2040.

Le differenze biologiche legate ai reni tra donne e uomini e le differenze di genere nei fattori di rischio legati allo stile di vita sono state proposte come potenziali spiegazioni per l’apparente contraddizione secondo cui le donne hanno una funzione renale ridotta rispetto agli uomini ma tassi più bassi di insufficienza renale. Per fornire approfondimenti, Toralf Melsom, MD (University Hospital of North Norway and UiT, Arctic University of Norway) e i suoi colleghi hanno reclutato 1.837 adulti (53% donne, di età compresa tra 50 e 62 anni) nel nord Europa che erano rappresentativi della popolazione generale e non presentava diabete autodichiarato, insufficienza renale cronica o malattie cardiovascolari. La funzionalità renale dei partecipanti è stata misurata nel 2007–2009, 2013–2015 e 2018–2020.

“Poiché il metodo comune per stimare la funzione renale utilizzando i livelli di creatinina nel sangue è impreciso e inaffidabile, abbiamo misurato la funzione renale mediante iniezione endovenosa di un marker di filtrazione renale, il mezzo di contrasto iohexolo. È stato raccolto un campione di sangue 3-4 ore dopo per calcolare la velocità di filtrazione renale”, ha spiegato il dottor Melsom. “Questo metodo è stato considerato troppo complicato da utilizzare negli studi basati sulla popolazione; tuttavia, durante 11 anni di follow-up, abbiamo eseguito più di 4.000 misurazioni della funzionalità renale in 1.837 persone”.

Lo studio ha rivelato che le donne tendevano ad avere una funzione renale inferiore rispetto agli uomini nel 2007-2009. La funzione renale delle donne è poi diminuita nel tempo in modo lineare, ma la funzione renale degli uomini è diminuita più rapidamente in età avanzata. Le persone senza malattie croniche importanti o fattori di rischio per CKD hanno mantenuto una migliore funzione renale, ma lo stato di salute non ha spiegato le differenze di sesso nel declino della funzione renale.

“Questo studio è il primo studio che ripete misurazioni accurate della funzione renale in donne e uomini relativamente sani durante l’invecchiamento. In tal modo, forniamo importanti conoscenze sulla perdita della funzione renale correlata all’età e sulle disparità sessuali nella prevalenza di CKD”, ha affermato Dottor Melsom. “Lo studio potrebbe in parte spiegare perché a più donne viene diagnosticata una malattia renale cronica precoce e più uomini sviluppano una grave insufficienza renale cronica e insufficienza renale durante l’invecchiamento. La perdita accelerata della funzione renale è stata associata a morte prematura in studi precedenti. Il ruolo della perdita correlata all’età di la funzione renale sull’invecchiamento sano e l’aspettativa di vita nelle donne e negli uomini dovrebbe essere affrontata in ulteriori studi”.


Ulteriori informazioni: Toralf Melsom et al, Sex Differences in Age-Related Loss of Kidney Function, Journal of the American Society of Nephrology (2022). DOI: 10.1681/ASN.2022030323

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: