Batticuore

Il rapporto delinea i sintomi più comuni di 6 malattie cardiovascolari

Adv

La nuova dichiarazione scientifica dell’American Heart Association indica che i sintomi spesso si sovrappongono tra le condizioni e possono variare in base al sesso

Punti salienti della dichiarazione:

  • Una revisione dello “stato della scienza” descrive in dettaglio i sintomi più segnalati di 6 malattie cardiovascolari (CVD): infarto, insufficienza cardiaca, malattia delle valvole, ictus, disturbi del ritmo cardiaco e malattia delle arterie e delle vene periferiche (PAD e PVD).
  • Ci sono differenze importanti nei sintomi tra donne e uomini.
  • La depressione, comune a molte malattie cardiovascolari, può influenzare la capacità di una persona di rilevare i cambiamenti nei sintomi.
  • Metodi efficaci di monitoraggio e misurazione dei sintomi nel tempo sono fondamentali per gestire bene le malattie cardiovascolari e prevenirne o ritardarne la progressione.

DALLAS, 18 agosto 2022 — Una revisione dell’ultima ricerca mette in evidenza i sintomi più segnalati di varie malattie cardiovascolari (CVD), osservando che uomini e donne spesso manifestano sintomi diversi, secondo una nuova dichiarazione scientifica dell’American Heart Association pubblicata oggi nel La rivista di punta dell’associazione sottoposta a revisione paritaria, Circulation .

Adv

The statement also highlights how symptoms are experienced over time, which may be months or years apart depending on the condition, and on a spectrum of severity or intensity, noting the long-term nature of cardiovascular disease development. The scientific statement writing committee reviewed current research on the symptoms of different cardiovascular diseases. They found that symptoms vary over time and by sex.

Cardiovascular disease is the leading cause of death in the U.S. and around the world. It comprises several conditions, including 6 reviewed in this scientific statement: heart attack, heart failure, valve disease, stroke, heart rhythm disorders, and peripheral artery and vein disease.

“I sintomi di queste malattie cardiovascolari possono influenzare profondamente la qualità della vita e una loro chiara comprensione è fondamentale per una diagnosi efficace e decisioni terapeutiche. La dichiarazione scientifica è un compendio sullo “stato della scienza” che descrive in dettaglio i sintomi associati alle malattie cardiovascolari, le somiglianze o le differenze nei sintomi tra le condizioni e le differenze di sesso nella presentazione e nella segnalazione dei sintomi”, ha affermato Corrine Y. Jurgens, presidente del comitato di scrittura della dichiarazione scientifica , Ph.D., RN, ANP, FAHA, professore associato presso la Connell School of Nursing del Boston College.

Misurare i sintomi: cosa è importante?

A causa della loro soggettività, misurare i sintomi è difficile. I sintomi possono non essere riconosciuti o non segnalati se le persone non pensano che siano importanti o correlati a una condizione di salute esistente. Inoltre, i sintomi possono manifestarsi senza cambiamenti nella progressione della malattia e anche lo stato della malattia può progredire senza sintomi.

“Alcune persone potrebbero non considerare sintomi come affaticamento, disturbi del sonno, aumento di peso e depressione come importanti o correlati a malattie cardiovascolari”, ha affermato Jurgens. “Tuttavia, la ricerca indica che sintomi sottili come questi possono prevedere eventi acuti e la necessità di ospedalizzazione. È giustificata una definizione più ampia di ciò che costituisce un sintomo “importante”.

Alcuni sintomi sono comuni e ben riconosciuti in molti tipi di malattie cardiovascolari, mentre altri sintomi sono rari. Ad esempio, il dolore toracico è il sintomo più comune e riconoscibile di un infarto. I sintomi meno familiari, tuttavia, includono mancanza di respiro, affaticamento, sudorazione, nausea e stordimento.

“Stabilire un profilo dei sintomi di base per un individuo e tenere traccia dei sintomi nel tempo può essere utile per rilevare i cambiamenti e qualsiasi progressione dei sintomi”, ha affermato Jurgens.

Infarto

L’infarto è una delle numerose condizioni che rientrano nell’ampia categoria della sindrome coronarica acuta (SCA), un termine che si riferisce a qualsiasi condizione cardiaca causata da un’improvvisa perdita di flusso sanguigno al cuore. Il sintomo più frequentemente riportato di SCA, in particolare l’infarto, è il dolore toracico, spesso descritto come pressione o fastidio, e può irradiarsi alla mascella, alla spalla, al braccio o alla parte superiore della schiena. I sintomi concomitanti più comuni sono mancanza di respiro, sudorazione o sudorazione fredda, stanchezza insolita, nausea e stordimento. Questi sintomi aggiuntivi sono stati spesso definiti “atipici”, tuttavia, un recente avviso presidenziale dell’American Heart Associationspiega che questa etichetta potrebbe essere stata dovuta alla mancanza di donne incluse negli studi clinici da cui sono state derivate le liste dei sintomi. Le donne hanno maggiori probabilità rispetto agli uomini di riportare più sintomi oltre al dolore toracico.

Arresto cardiaco

La mancanza di respiro è un classico sintomo di insufficienza cardiaca e un motivo comune per cui gli adulti con insufficienza cardiaca cercano assistenza medica. Tuttavia, i sintomi precoci e più sottili dovrebbero essere riconosciuti come segnali da consultare con un operatore sanitario. Questi sintomi possono includere sintomi gastrointestinali come mal di stomaco, nausea, vomito e perdita di appetito; fatica; intolleranza all’esercizio (correlata a stanchezza e mancanza di respiro); insonnia; dolore (petto e altro); disturbi dell’umore (principalmente depressione e ansia); e disfunzioni cognitive (nebbia cerebrale, problemi di memoria).

Le donne con insufficienza cardiaca riferiscono una più ampia varietà di sintomi, hanno maggiori probabilità di avere depressione e ansia e riferiscono una qualità della vita inferiore rispetto agli uomini con insufficienza cardiaca. Proprio come con l’infarto, le donne hanno maggiori probabilità rispetto agli uomini di riportare sintomi diversi. Nell’insufficienza cardiaca, le donne riferiscono nausea, palpitazioni e alterazioni della digestione, nonché livelli di dolore di intensità più elevata (in altre aree del corpo, non solo dolore al petto), gonfiore e sudorazione.

“Il monitoraggio dei sintomi su uno spettro, rispetto a quelli presenti o meno, con misure affidabili e valide può migliorare l’assistenza clinica identificando più rapidamente coloro che potrebbero essere a rischio di scarsi risultati, come una qualità di vita inferiore, il ricovero o la morte”, ha affermato Jurgens . “In definitiva, abbiamo del lavoro da fare in termini di determinazione di chi ha bisogno di un monitoraggio o di un intervento più frequenti per evitare esiti di insufficienza cardiaca scadenti”.

Malattia della valvola

La malattia della valvola cardiaca è una causa comune di insufficienza cardiaca e condivide il sintomo della mancanza di respiro. I problemi con le valvole cardiache – le strutture simili a lembi che controllano il flusso sanguigno tra le camere del cuore – includono valvole ristrette o irrigidite (stenosi), valvole che si chiudono in modo improprio (prolasso), consentendo al sangue di fluire all’indietro (rigurgito) o valvole di forma non corretta (atresia ). Nei casi lievi di malattia valvolare le persone possono non avere sintomi per anni, quindi sviluppare progressivamente più sintomi simili a quelli associati allo scompenso cardiaco. La malattia della valvola può anche causare ipertensione polmonare o ipertensione polmonare. Una delle forme più gravi e comuni di malattia della valvola è la stenosi aortica, che si verifica quando la valvola aortica si restringe e limita il flusso sanguigno dal cuore.

Le donne con stenosi aortica riferiscono più frequentemente respiro corto, intolleranza all’esercizio e fragilità fisica rispetto agli uomini e hanno maggiori probabilità di avere punteggi più bassi su un sistema di classificazione standard per l’insufficienza cardiaca, noto come Classificazione funzionale della New York Heart Association. Gli uomini con malattia della valvola hanno maggiori probabilità di riportare dolore toracico rispetto alle donne con malattia della valvola.

Ictus

Un ictus si verifica quando un vaso sanguigno al cervello è bloccato o scoppia e in genere provoca sintomi riconoscibili che richiedono un aiuto di emergenza. Per riconoscere  i sintomi dell’ictus che  richiedono cure mediche immediate, l’American Stroke Association raccomanda a tutti di ricordare l’acronimo  FAST  for  Face drooping, Arm debolezza, S peech  issues  Time to  call 9-1-1. Altri sintomi di ictus sono confusione, vertigini, perdita di coordinazione o equilibrio e alterazioni visive. Riconoscere i sintomi dell’ictus è fondamentale poiché un trattamento immediato può aiutare a prevenire o ridurre la possibilità di invalidità o morte a lungo termine.

Le donne che subiscono un ictus hanno maggiori probabilità rispetto agli uomini di avere altri sintomi meno familiari oltre a quelli comuni. Questi sintomi includono mal di testa, stato mentale alterato, coma o stupore. Un ictus può anche compromettere il pensiero, che a sua volta può influire sulla capacità dell’individuo di riconoscere sintomi nuovi o in peggioramento.

Dopo un ictus, alcuni sintomi possono persistere e richiedere cure continue se questi sintomi richiedono riabilitazione o diventano disabilità. Lo screening post-ictus dovrebbe includere la valutazione di ansia, depressione, affaticamento e dolore. Il dolore post-ictus può richiedere mesi per svilupparsi, con la maggior parte dei rapporti che si verificano a 4-6 mesi dopo un ictus.

Disturbi del ritmo

I disturbi del ritmo, chiamati aritmie, sono spesso descritti come la sensazione di battito cardiaco anormale o palpitazioni che possono essere irregolari, veloci, svolazzanti o incerte. Altri sintomi includono affaticamento, mancanza di respiro e vertigini, che sono tutti condivisi con altre malattie cardiovascolari. Meno comunemente, in alcune persone con disturbi del ritmo cardiaco possono verificarsi dolore toracico, vertigini, svenimento o quasi svenimento e ansia.

Le donne e gli adulti più giovani con disturbi del ritmo hanno maggiori probabilità di manifestare palpitazioni, mentre gli uomini hanno maggiori probabilità di non manifestare sintomi. Gli anziani hanno maggiori probabilità di manifestare sintomi non comuni o nessun sintomo. Sono state riscontrate differenze nei sintomi anche tra persone di diversi gruppi razziali ed etnici. I dati indicano che gli adulti neri riferiscono di avvertire più palpitazioni, mancanza di respiro, intolleranza all’esercizio, vertigini e fastidio al torace rispetto alle persone ispaniche o bianche.

Malattia delle vene e delle arterie

La malattia delle arterie periferiche , o PAD, colpisce le arterie degli arti inferiori portando a un ridotto afflusso di sangue alle gambe. Le persone con PAD possono non avere sintomi o possono sviluppare il classico sintomo di claudicatio, che è il dolore in uno o entrambi i muscoli del polpaccio che si verifica mentre si cammina e si attenua con il riposo. Tuttavia, il dolore in altre parti delle gambe e nei piedi e nelle dita dei piedi sono i sintomi più comuni della PAD piuttosto che il dolore al polpaccio. La PAD con sintomi è associata a un aumentato rischio di infarto e ictus, con gli uomini a rischio più elevato rispetto alle donne.

“La misurazione dei sintomi vascolari include la valutazione della qualità della vita e dei limiti di attività, nonché l’impatto psicologico della malattia”, ha affermato Jurgens. “Tuttavia, le misure esistenti si basano spesso sulla valutazione del medico piuttosto che sui sintomi auto-riferiti e sulla gravità dei sintomi dell’individuo”.

La depressione si verifica frequentemente tra le persone con PAD, in particolare donne e persone anziane o di diversi gruppi razziali ed etnici. La depressione è anche più probabile che si verifichi tra le persone con PAD più grave.

La malattia delle vene periferiche (PVD), come la PAD, può non causare sintomi o può causare dolore alle gambe. I sintomi tipici legati alle gambe includono dolore e indolenzimento alle gambe, pesantezza o costrizione alle gambe, affaticamento, crampi, sindrome delle gambe senza riposo e irritazione della pelle. In uno studio, gli adulti di età inferiore ai 65 anni avevano maggiori probabilità rispetto agli anziani di segnalare dolore, pesantezza, dolore e affaticamento. I sintomi della malattia delle vene a volte si verificano anche quando non ci sono segni visibili della condizione.

Le differenze di sesso nella malattia delle vene e delle arterie si osservano principalmente tra quelli con PAD. Le donne hanno maggiori probabilità di segnalare dolore in altri punti rispetto al muscolo del polpaccio o nessun sintomo. I sintomi delle donne sono spesso complicati dall’errata convinzione che la PAD sia più comune tra gli uomini o che i sintomi siano confusi con quelli di altre condizioni comuni come l’artrosi. È anche più probabile che la PAD progredisca rapidamente nelle donne e influisca sulla qualità della vita.

Altri fattori che influenzano i sintomi

I dati dell’indagine nazionale mostrano che le persone con malattie cardiache hanno circa il doppio del tasso di depressione rispetto alle persone senza alcuna condizione medica (10% contro 5%). Una dichiarazione scientifica dell’American Heart Association del 2014 ha suggerito che la depressione dovrebbe essere considerata un fattore di rischio per esiti peggiori dopo un evento o una diagnosi di sindrome coronarica acuta.

L’attuale dichiarazione evidenzia che le persone con dolore toracico persistente, le persone con insufficienza cardiaca, così come i sopravvissuti a un ictus e le persone con malattia delle arterie periferiche hanno comunemente depressione e/o ansia. Inoltre, i cambiamenti cognitivi dopo un ictus possono influenzare come e se i sintomi vengono sperimentati o notati. Il gruppo di scrittura consiglia valutazioni regolari della funzione cognitiva e dei livelli di depressione durante il decorso di qualsiasi malattia cardiovascolare perché hanno una forte influenza sulla capacità di una persona di rilevare i sintomi e qualsiasi cambiamento nella sua condizione.

“Il sollievo dai sintomi è una parte importante della gestione delle malattie cardiovascolari”, ha affermato Jurgens. “È importante riconoscere che molti sintomi variano in termini di occorrenza o gravità nel tempo, che donne e uomini spesso manifestano sintomi in modo diverso e fattori come la depressione e la funzione cognitiva possono influenzare il rilevamento e la segnalazione dei sintomi. Il monitoraggio e la misurazione dei sintomi con strumenti che tengano adeguatamente conto della depressione e della funzione cognitiva possono aiutare a migliorare l’assistenza ai pazienti identificando più rapidamente le persone che potrebbero essere più a rischio”.

Questa dichiarazione scientifica è stata preparata dal gruppo di scrittori volontari per conto del Council on Cardiovascular and Stroke Nursing dell’American Heart Association; il Consiglio sull’ipertensione; e lo Stroke Council. Le dichiarazioni scientifiche dell’American Heart Association promuovono una maggiore consapevolezza sulle malattie cardiovascolari e sui problemi di ictus e aiutano a facilitare decisioni informate sull’assistenza sanitaria. Le dichiarazioni scientifiche delineano ciò che è attualmente noto su un argomento e quali aree necessitano di ulteriori ricerche. Sebbene le affermazioni scientifiche informino lo sviluppo di linee guida, non forniscono raccomandazioni terapeutiche. Le linee guida dell’American Heart Association forniscono le raccomandazioni ufficiali sulla pratica clinica dell’Associazione.

Coautori e membri del comitato di scrittura sono il vicepresidente Christopher S. Lee, Ph.D., RN, FAHA; Dawn M. Aycock, Ph.D., RN, ANP-BC, FAHA; Ruth Masterson Creber, Ph.D., M.Sc., RN, FAHA; Quin E. Denfeld, Ph.D., RN, FAHA; Holli A. DeVon, Ph.D., RN, FAHA; Linda R. Evers, JD; Miyeon Jung, Ph.D., RN, FAHA; Gianluca Pucciarelli, Ph.D., RN, FAHA; Megan M. Streur, Ph.D., RN, FNP; e Marvin A. Konstam, MD, FAHA. Le rivelazioni degli autori sono elencate nel manoscritto.

L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati. Anche le fondazioni e le società (comprese farmaceutiche, produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per impedire che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. I ricavi delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche, dei produttori di dispositivi e dei fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie generali dell’Associazione sono disponibili qui .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: