Terapie

Lo studio clinico COVID OUT suggerisce che la metformina sia efficace nel ridurre le probabilità di esiti gravi nei pazienti COVID-19 che cercano un trattamento precoce

Adv

Lo studio ha confrontato l’effetto di ivermectina, fluvoxamina e metformina in un trial randomizzato in doppio cieco controllato con placebo

Pubblicato sul New England Journal of Medicine , i ricercatori, guidati dalla University of Minnesota Medical School and School of Public Health, hanno scoperto che la metformina, un farmaco per il diabete comunemente prescritto, riduce le probabilità di visite al pronto soccorso, ricoveri o decessi dovuti a COVID-19 di oltre il 40%; e oltre il 50 percento se prescritto all’inizio dei sintomi. Lo studio non ha riscontrato alcun effetto positivo dal trattamento con ivermectina o fluvoxamina a basse dosi.

“Siamo lieti di contribuire al corpus di conoscenze sulle terapie COVID-19 in generale, con trattamenti ampiamente disponibili”, ha affermato Carolyn Bramante, MD, ricercatrice principale dello studio e assistente professore di medicina interna e pediatria presso l’U della Scuola di Medicina M. “Il nostro studio suggerisce che la metformina può ridurre la probabilità di dover andare al pronto soccorso o essere ricoverata in ospedale per COVID-19”.

Bramante ha osservato che questo era un esito secondario del processo; l’esito primario includeva se qualcuno avesse un basso livello di ossigeno su un monitor di ossigeno domestico e nessuno dei farmaci nello studio ha impedito l’esito primario.

Lo studio COVID-OUT è stato il primo nella nazione a studiare se la metformina, un farmaco per il diabete di tipo 2; fluvoxamina a basso dosaggio, un antidepressivo; e l’ivermectina, un antiparassitario, o le loro combinazioni potrebbero servire come possibili trattamenti per prevenire le visite al pronto soccorso o il ricovero, così come il Long-COVID.

Il disegno dello studio era semplice: i pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere uno dei tre farmaci individualmente, placebo o una combinazione di metformina e fluvoxamina o metformina e ivermectina. Sebbene lo studio fosse controllato con placebo con pillole placebo corrispondenti, il dottor Bramante afferma che l’83% dei volontari ha ricevuto farmaci supportati dai dati esistenti a causa del design a sei bracci. Ogni partecipante ha ricevuto 2 tipi di pillole per mantenere mascherato l’assegnazione del trattamento, per 3-14 giorni di trattamento. Ogni volontario ha monitorato i propri sintomi e, dopo 14 giorni, ha completato un sondaggio.

I 1323 partecipanti allo studio erano limitati agli adulti con un indice di massa corporea maggiore o uguale a 25 kg/m 2 , che si qualifica come sovrappeso, ad esempio qualcuno che fosse alto almeno cinque piedi e sei pollici e pesasse più di 155 libbre. Per qualificarsi per lo studio, i volontari si sono arruolati entro tre giorni dopo aver ricevuto un test positivo per COVID-19. È stato tra i primi studi clinici randomizzati per COVID-19 a includere donne in gravidanza.

Lo studio ha incluso coloro che sono stati vaccinati e coloro che non lo erano. Questo è il primo studio pubblicato in cui la maggior parte dei partecipanti è stata vaccinata.

“Sebbene sappiamo che i vaccini COVID-19 sono altamente efficaci, sappiamo che alcuni nuovi ceppi del virus potrebbero eludere l’immunità e che i vaccini potrebbero non essere disponibili in tutto il mondo. Quindi abbiamo ritenuto di dover studiare al più presto opzioni di trattamento ambulatoriale sicure, disponibili ed economiche”, ha affermato Bramante. “Capire se i trattamenti ambulatoriali potrebbero garantire che più persone sopravvivano alla malattia se la contraggono e hanno meno sintomi a lungo termine è un pezzo importante della risposta alla pandemia”.

La sperimentazione clinica è stata avviata nel gennaio 2021 dopo che i ricercatori della U of M Medical School hanno identificato, attraverso modelli computerizzati e studi osservazionali, che l’uso ambulatoriale di metformina sembrava ridurre la probabilità di mortalità o di essere ricoverati in ospedale per COVID-19. La loro ricerca, in collaborazione con UnitedHealth Group, è stata pubblicata sul Journal of Medical Virology e su The Lancet Healthy Longevity . Studi in provetta hanno anche scoperto che la metformina ha inibito il virus Covid-19 in laboratorio. Questi risultati, insieme ad ulteriori studi prospettici a sostegno dell’uso di fluvoxamina e ivermectina a dosi più elevate, hanno fornito le prove per includere tutti e tre i farmaci e le armi combinate.

“Gli studi osservazionali e gli esperimenti in vitro non possono essere conclusivi, ma contribuiscono a fornire prove”, ha affermato Bramante, che è anche internista e pediatra di M Health Fairview. “Per completare questo studio, abbiamo arruolato volontari a livello nazionale attraverso sei istituzioni negli Stati Uniti, inclusa Minneapolis”.

I siti di sperimentazione clinica partecipanti includevano M Health Fairview e Hennepin Healthcare a Minneapolis, Northwestern University di Chicago, Olive View – UCLA Education & Research Institute di Los Angeles, Optum in Colorado e Indiana e University of Colorado Denver. I co-investigatori dello studio includono Jared Huling, PhD; Thomas Murray, PhD; Hrishikesh Belani, MD; Michelle Biros, MD; David Boulware, MD; David Leibovitz, MD; Jacinda Nicklas, MD; David Odde, PhD; Matt Pullen, MD; Mike Puskarich, MD; John Buse, MD, PhD; Jennifer Thompson, MD; e Cristoforo Tignanelli, MD.

Il processo ha ricevuto sostegno monetario dalla Parsemus Foundation, Rainwater Charitable Foundation, Fast Grants e UnitedHealth Group.

Inoltre, questa ricerca è stata supportata dal National Institutes of Health’s National Center for Advancing Translational Sciences, sovvenzioni UL1TR002494 e KL2TR002492 e dal National Institute of Digestive, Diabetes, and Kidney diseases K23 DK124654. Il contenuto è di esclusiva responsabilità degli autori e non rappresenta necessariamente il punto di vista ufficiale del National Institutes of Health’s National Center for Advancing Translational Sciences.

 

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: