Vista e dintorni

Edema maculare diabetico: ora esiste una opzione di cura in più

Adv

Un nuovo studio clinico che ricerca il trattamento per i pazienti con perdita della vista a causa del diabete ha dimostrato che un tipo di trattamento laser è sia conveniente che non invasivo, offrendo l’opzione migliore per i pazienti e gli operatori sanitari.

Attualmente ci sono diverse opzioni di trattamento offerte alle persone con edema maculare diabetico (DMO), inclusi due tipi di trattamento laser e iniezioni oculari. La DMO è la complicanza più comune del diabete, pericolosa per la vista, che colpisce oltre 27 milioni di adulti. Questa nuova ricerca fornisce prove tanto necessarie per consentire ai pazienti e agli operatori sanitari di essere meglio informati sulle opzioni di trattamento .

La DMO si verifica quando i vasi sanguigni nella retina nella parte posteriore dell’occhio perdono, causando l’accumulo di liquidi nella macula, che fornisce la visione centrale. La perdita si verifica quando livelli elevati di zucchero nel sangue danneggiano i vasi sanguigni.

La gravità del DMO è spesso determinata misurando lo spessore della macula, che a sua volta determinerà il trattamento offerto. I pazienti con DMO più grave (con uno spessore di 400 micron o più) vengono trattati con iniezioni nell’occhio di farmaci, noti come anti-VEGF. I pazienti con DMO lieve (con spessore inferiore a 400 micron) possono essere trattati con lase maculare, che può essere un laser a soglia standard o un laser a micropulsi sottosoglia. Il primo produce un’ustione o una cicatrice sulla retina. Quest’ultima, che è una tecnologia più recente, funziona senza lasciare ustioni o cicatrici o alcun tipo di cambiamento o segno visibile sulla retina.

La ricerca, pubblicata su Ophthalmology , ha scoperto che il laser a micropulsi sottosoglia, che non crea ustioni sulla retina, era efficace nel mantenere la vista del paziente. Ciò richiede anche visite molto meno frequenti alla clinica ed è molto più conveniente del trattamento tramite iniezioni oculari, con iniezioni oculari che costano quasi dieci volte di più dei trattamenti laser.

La professoressa Noemi Lois, professoressa clinica di oftalmologia presso la Queens University e consulente onorario di chirurgo vitreoretinico presso il Belfast Health and Social Care Trust e autrice principale dello studio, spiega: “L’assenza di una cicatrice o di un’ustione a seguito di un laser a micropulsi sottosoglia ha portato ad alcune cure sanitarie professionisti a dubitare della sua efficacia rispetto al laser a soglia standard.”

“Tuttavia, la nostra ricerca ha affrontato questo problema dimostrando che il laser a micropulsi sottosoglia è buono come il laser a soglia standard per aiutare la vista delle persone, ridurre lo spessore della macula, consentire alle persone di soddisfare gli standard di guida e mantenere la loro qualità di vita, sia in termini generali che per la vista in particolare.”

Il team di ricerca ha deciso di confrontare entrambi i tipi di trattamento laser disponibili attraverso un ampio studio clinico randomizzato, noto come DIAMONDS (DIAbetic Macular Edema and Diode Subthreshold micropulse laser SML). Hanno reclutato 266 pazienti in 16 ospedali del SSN in tutto il Regno Unito, di cui metà riceveva un laser a soglia standard e l’altra metà riceveva un laser micropulse sottosoglia. Unico per questo studio, i pazienti sono stati coinvolti nella selezione dei risultati, compreso il modo in cui gli standard di guida sarebbero stati rispettati dopo il trattamento. Alla fine dei due anni di prova, DIAMONDS ha riscontrato che entrambi i trattamenti laser offrono vantaggi equivalenti.

Il costo totale delle cure dei pazienti arruolati nello studio (compreso il trattamento laser e qualsiasi altro trattamento richiesto, nonché i costi delle visite di follow-up) in due anni è stato simile per entrambi i gruppi di pazienti. Nel periodo di due anni, il costo per paziente è stato di poco inferiore a £ 900 (£ 897,83) per i pazienti nel braccio laser micropulse sottosoglia dello studio rispetto a £ 1125,66 per quelli nel braccio laser standard.

Il professor Lois afferma: “Alcuni oftalmologi consigliano ai pazienti con forme più lievi di DMO di sottoporsi a iniezioni di anti-VEGF, piuttosto che laser, nonostante il laser sia meno invasivo e richieda meno visite alla clinica. Il trattamento laser costa significativamente meno delle iniezioni oculari di anti -VEGF.Con una media di teniniezioni richieste nell’arco di due anni, il costo totale delle iniezioni oculari per paziente ammonta a circa £ 8.500 per il solo farmaco.Questo è quasi dieci volte il costo del laser micopulse sottosoglia senza tenere conto di costi aggiuntivi come tempo del personale.

“Fino a quando non abbiamo pubblicato questi risultati, non c’erano prove solide che confrontassero questi tipi di trattamenti laser. La mancanza di informazioni ha portato alcuni operatori sanitari a preferire il laser standard rispetto al laser a micropulsi sottosoglia. Ora abbiamo prove solide per dimostrare che entrambi i trattamenti laser non lo sono efficace solo nell’eliminare il fluido dalla retina e nel mantenere la vista per almeno due anni, ma entrambi sono anche convenienti”.

“Forti di questa conoscenza, è probabile che i pazienti opteranno per il laser sottosoglia micropulse, che non brucia la retina ed è paragonabile al laser standard. Anche se non abbiamo confrontato direttamente i trattamenti laser con il trattamento tramite iniezioni oculari di anti-VEGF, speriamo di aver dimostrato che il laser è un trattamento efficace , pur rimanendo molto meno invasivo per il paziente e molto meno costoso per il SSN”.


Ulteriori informazioni: Noemi Lois et al, DIAbetic Macular Edema e Diode Subthreshold micropulse laser (DIAMONDS): uno studio clinico randomizzato di non inferiorità a doppia maschera, Ophthalmology (2022). DOI: 10.1016/j.ophtha.2022.08.012

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: