Vista e dintorni

Nuove opzioni di chirurgia della cataratta possono ripristinare la tua vista

Adv

La cataratta, ti dirà qualsiasi oftalmologo, è un effetto collaterale estremamente comune dell’invecchiamento. Vivrà abbastanza a lungo e la maggior parte delle persone svilupperà questa condizione, un annebbiamento del cristallino normalmente trasparente, in uno o entrambi gli occhi.

“Finché ci sono stati gli esseri umani, ci sono state le cataratte “, afferma Vicente Diaz, MD, MBA, un oculista di Yale Medicine. “Per migliaia di anni, l’obiettivo era quello di far uscire la cataratta senza accecare la persona. Letteralmente, quello era l’obiettivo”.

Fortunatamente, la chirurgia della cataratta ha fatto molta strada. È molto sicuro e, grazie ai progressi nel campo, i pazienti ora hanno molte opzioni, inclusa la chirurgia laser assistita e una gamma crescente di lenti sostitutive sintetiche che risolvono anche altri problemi di vista .

“La cosa fantastica della chirurgia della cataratta ora è che non solo rimuoviamo la cataratta, ma possiamo ripristinare la vista dei pazienti”, afferma Yvonne Wang, MD, oculista di Yale Medicine. “Potrebbero aver indossato lenti a contatto o occhiali per molti anni. Ora possiamo inserire una prescrizione all’interno delle loro nuove lenti e offrire loro una visione migliore di quanto non avessero mai avuto prima”.

Con così tante scelte disponibili, decidere quale tipo di intervento chirurgico o lente funziona per te potrebbe sembrare intimidatorio. Ci siamo incontrati con i chirurghi della cataratta di Yale Medicine per rispondere alle domande più comuni.

Definizione di cataratta 

In primo luogo, capiamo cos’è una cataratta e cosa la causa.

Inizieremo con la lente, una struttura all’interno dell’occhio che focalizza la luce sulla retina per fornire un’immagine chiara. Quando la lente inizia a diventare torbida, impedisce alla luce di passare. “È allora che la chiamiamo cataratta. Quando se ne sta formando, le proteine ????nelle lenti iniziano a degradarsi. Cambiano consistenza e non sei più in grado di mantenere la chiarezza”, afferma il dottor Wang.

La vista offuscata e la necessità di cambiare frequentemente la prescrizione di occhiali o lenti a contatto sono in genere i primi segni, aggiunge. Altri sintomi possono includere vedere aloni, abbagliamento e sensibilità intorno alle luci, specialmente durante la guida notturna. Oppure potresti avere problemi a leggere un menu in un ristorante poco illuminato, aggiunge il dottor Wang.

L’età è la causa più comune di cataratta. “Può accadere a diverse età. Alcuni pazienti lo sperimenteranno a 50 anni. Ma l’età più comune per la chirurgia della cataratta sarebbe per qualcuno di 70 anni”, dice.

“Oltre all’età, l’esposizione alla luce e ai raggi UV può rendere l’obiettivo torbido”, afferma il dottor Wang. “Altri fattori di rischio per la cataratta possono essere traumi, alcuni farmaci, inclusi gli steroidi, alcune malattie come il diabete e anche, in rare condizioni, puoi nascere con una cataratta”.

Come viene diagnosticata la cataratta?

Gli oftalmologi diagnosticano la cataratta durante un esame della vista.

“Dilatano gli occhi del paziente e li esamino al microscopio. La cataratta apparirà un po’ gialla, lattiginosa o torbida”, dice il dottor Wang.

Quando una cataratta sta appena iniziando a svilupparsi e non è molto grande, la maggior parte dei pazienti può migliorare la vista aggiornando la prescrizione di occhiali o lenti a contatto.

“Tuttavia, poiché la cataratta peggiora nel tempo, i pazienti potrebbero scoprire che la loro prescrizione deve cambiare ogni anno o anche più rapidamente di così, oppure la prescrizione non la corregge sufficientemente”, afferma il dottor Wang. “A quel punto, l’unico trattamento è la chirurgia della cataratta”.

Quali sono le mie opzioni per la chirurgia della cataratta?

Una volta che decidi di sottoporti a un intervento di cataratta, parla con il tuo oftalmologo di quali tecnologie chirurgiche sono disponibili e che tipo di lente intraoculare (IOL), una lente sinestetica, vorresti utilizzare per sostituire la cataratta.

I due tipi di chirurgia sono:

Chirurgia di base della cataratta: questo è uno dei tipi di chirurgia più comuni al mondo. Implica fare una piccola incisione nell’occhio, rompere la cataratta con gli ultrasuoni e rimuovere quei pezzi. Il chirurgo inserisce quindi una IOL nella capsula del cristallino. (Ulteriori informazioni su cosa aspettarsi durante l’intervento chirurgico di seguito.)
Chirurgia laser: a Yale, i chirurghi offrono anche la chirurgia della cataratta con un laser a femtosecondi , che utilizza fasci di luce focalizzati ad alta energia con impulsi così veloci da essere misurati in “femtosecondi” o trilionesimi di secondo. Il laser può fare incisioni e ammorbidire la cataratta in modo che sia più facile da rimuovere. L’uso di un laser consente incisioni precise in meno tempo e può fornire una correzione della vista più precisa rispetto alla chirurgia tradizionale.
La chirurgia laser può essere raccomandata per le persone che scelgono un tipo specifico di IOL, come lenti multifocali o con profondità di messa a fuoco estesa (spiegato di seguito). Durante l’intervento chirurgico, il laser può anche correggere l’astigmatismo (una condizione in cui la superficie anteriore della lente è curvata in modo diverso, causando una visione offuscata).

Quali sono scelte per le mie lenti?

Tutte le IOL forniranno una visione chiara. Una volta rimossa la cataratta, puoi mantenere la stessa vista che avevi prima dell’intervento chirurgico (il che significa che se eri miope prima dell’intervento chirurgico, puoi scegliere una lente che ti manterrà miope dopo l’intervento chirurgico), oppure puoi scegliere di far correggere la vista da la scelta di una IOL che migliora il modo in cui vedi da vicino, da lontano o nel mezzo. In altre parole, la IOL viene fornita con una prescrizione, proprio come le lenti a contatto o un paio di occhiali.

Ecco alcuni dettagli:

Lenti monofocali: queste sono le lenti più comuni utilizzate con la chirurgia della cataratta. Puoi scegliere una distanza di “messa a fuoco”: visione ravvicinata, a medio raggio o a distanza. La maggior parte delle persone sceglie di farli prescrivere per la distanza e continua a usare gli occhiali da lettura per affinare la visione da vicino.

Puoi anche scegliere qualcosa chiamato “monovisione”, in cui la lente di un occhio è impostata per vedere “lontano” e l’altro è impostata per vedere “vicino”. Con la monovisione, tuttavia, poiché stai usando un occhio per la distanza e uno per gli oggetti vicini, la tua visione binoculare potrebbe non essere così buona. È anche possibile che tu perda una certa percezione della profondità (la capacità di giudicare quanto è lontano un oggetto). Per le attività “a distanza”, come guidare, guardare la TV o andare a uno spettacolo o un evento sportivo, alcune persone dovranno indossare gli occhiali se vogliono che entrambi gli occhi vedano l’evento “a distanza”.

La monovisione non è per tutti, afferma Brian DeBroff, MD, un oculista di Yale Medicine. “Di solito lo offriamo alle persone che l’hanno già provato con i contatti perché sanno com’è”, dice.

Lenti multifocali: in realtà hanno zone correttive integrate nelle lenti, simili agli occhiali bifocali o trifocali. Le lenti multifocali consentono di vedere oggetti vicini e lontani e alcune correggono anche la visione intermedia. Sebbene le lenti multifocali possano consentire di abbandonare completamente occhiali o contatti per qualsiasi attività, sono associate a segnalazioni di disturbi visivi, inclusi aloni e abbagliamento.

Profondità di messa a fuoco estesa (EDOF): questi obiettivi hanno solo una zona correttiva, ma è allungata su un unico punto focale allungato. Ciò consente una visione a distanza e intermedia. Le lenti EDOF sono associate a meno disturbi visivi rispetto alle lenti multifocali, ma potresti comunque aver bisogno di occhiali per la visione “vicina”.

IOL toriche: queste lenti hanno una correzione incorporata per l’astigmatismo e sono disponibili in una gamma di punti di forza, a seconda delle esigenze. Possono essere utilizzati su piattaforme monofocali, multifocali ed EDOF. La capacità di correggere l’astigmatismo durante l’intervento di cataratta è eccitante, afferma il dottor Diaz. “Possiamo utilizzare il laser o una lente intraoculare, o una combinazione di entrambi, per ottenere risultati ottimizzati”, afferma. Il dottor DeBroff è d’accordo. “Questo è importante perché gli obiettivi multifocali non funzioneranno bene se è presente un astigmatismo”, afferma.

È importante notare che alcune opzioni, comprese le lenti multifocali, EDOF e toriche, nonché la chirurgia laser , potrebbero non essere coperte dal piano assicurativo.

Cos’è il sistema ORA?

Uno dei più recenti progressi nella chirurgia della cataratta include una tecnologia chiamata ORA (Optiwave Refractive Analysis), che è una sorta di aberrometria intraoperatoria, uno strumento che i chirurghi possono utilizzare per eseguire misurazioni della rifrazione in sala operatoria, con l’obiettivo di fornire una potenza ottimale della lente e posizionamento.

“Questa macchina effettua una misurazione extra dell’occhio durante l’intervento di cataratta, il che consente una misurazione più accurata della lente che viene posizionata al suo interno”, afferma il dott. Wang. “Avere una misurazione accurata è davvero importante per ottenere il miglior risultato visivo. I design delle lenti più recenti consentono una buona visione a distanza, oltre alla lettura. Ma per ottenere questi buoni risultati, è necessario disporre di misurazioni molto accurate”.

Tradizionalmente, quando qualcuno si prepara a sottoporsi a un intervento di cataratta, i chirurghi misurano le dimensioni e la forma del loro occhio in modo da poter prevedere di quale lente hanno bisogno, spiega il dottor Diaz. “Ma la cataratta può annullare questa misurazione. ORA ci consente di misurare di nuovo l’occhio una volta rimossa la cataratta, e questo tende ad essere più accurato, portando a un posizionamento più accurato delle lenti e, quindi, a una visione migliore”, afferma.

Com’è l’intervento di cataratta?

La chirurgia della cataratta è una procedura comune e sicura, afferma il dottor Wang. Viene eseguito in regime ambulatoriale con i pazienti che tornano a casa lo stesso giorno. I pazienti hanno un intervento chirurgico in un occhio e in genere ritornano per il secondo occhio dopo alcune settimane.

“L’intera esperienza della chirurgia della cataratta richiede solo poche ore, ma l’intervento stesso richiede solo dai 15 ai 20 minuti in un caso medio”, afferma il dottor Wang.

In primo luogo, l’occhio è insensibile a causa di un anestetico locale (collirio o iniezione). Rimani sveglio durante la procedura, ma ti viene somministrata una leggera sedazione attraverso una flebo per renderti rilassato e a tuo agio, spiega il dottor Wang.

“L’intervento chirurgico è nel complesso abbastanza indolore”, dice. “La maggior parte dei pazienti si lamenta di un piccolo prurito o irritazione durante la notte durante la prima notte. E la loro vista in genere migliora il giorno successivo”.

I pazienti andranno a casa con uno scudo sull’occhio per il primo giorno e poi lo indosseranno solo di notte per una settimana.

“Raccomandiamo ai pazienti di prendersela comoda e di svolgere solo attività leggere, senza sollevare carichi pesanti o piegarsi”, afferma il dottor Wang. “A parte questo, di solito puoi tornare al lavoro entro un giorno o due.”

Inoltre, i pazienti dovrebbero aspettarsi di assumere diversi colliri per circa un mese dopo l’intervento chirurgico per aiutare l’occhio a guarire e prevenire l’infezione.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: