Benessere

USA: Aumento significativo dei tassi di diabete di tipo 2 tra i bambini durante la pandemia di COVID-19

Adv

L’aumento dei casi mette a dura prova gli operatori sanitari, i pazienti e le famiglie del diabete pediatrico

“Era raro sentire parlare di un bambino con diabete di tipo 2, ma la sua prevalenza negli adolescenti è quasi raddoppiata negli ultimi 20 anni”, ha affermato il dottor Kesley. “Il diabete di tipo 2 è associato a una malattia rapidamente progressiva e all’insorgenza precoce di complicanze e, sfortunatamente, era in aumento anche prima della pandemia di COVID-19”.

I dati suggeriscono che le diagnosi di diabete di tipo 2 nei bambini stanno aumentando del 4-5% all’anno. Il diabete di tipo 2 si verifica quando le cellule del corpo non rispondono all’insulina, il che aumenta il fabbisogno di insulina del corpo. Quando il corpo non riesce a tenere il passo con questi bisogni, il glucosio si accumula nel flusso sanguigno. Questi livelli aumentati di zucchero nel corpo possono causare condizioni aggiuntive future, come malattie cardiache, insufficienza renale e cecità. È più probabile che il diabete di tipo 2 colpisca bambini di sesso femminile, in sovrappeso, con una storia familiare di diabete, neri, indigeni e persone di colore (BIPOC) o con insulino-resistenza. La principale causa di diabete di tipo 2 nei bambini è l’obesità. Negli Stati Uniti, quasi un bambino su tre è in sovrappeso.

La pandemia di COVID-19 ha introdotto molteplici sfide e una maggiore attenzione ai bambini con disturbi preesistenti come il diabete. “Nella primavera del 2020 siamo stati inondati di nuovi casi di diabete di tipo 2 ad esordio giovanile”, ha affermato il dottor Kelsey. “Eravamo abituati a vedere 50-60 nuovi casi all’anno e questo è aumentato a oltre 100 nuovi casi in un anno. I colleghi di altre istituzioni vedevano la stessa cosa, quindi abbiamo riunito un team di ricercatori per valutare la frequenza e la gravità dei nuovi casi durante il primo anno della pandemia rispetto alla media dei due anni precedenti. È stato impegnativo perché non esiste un registro nazionale finanziato per il diabete di tipo 2 ad esordio giovanile, quindi questo lavoro è stato svolto con uno sforzo enorme e volontario di ricercatori di tutto il paese che si dedicano al trattamento del diabete giovanile.

“Per quanto ne sappiamo, questo è il primo studio multicentrico a riportare l’impatto della pandemia di COVID-19 sui tassi di diabete di tipo 2 ad esordio giovanile di nuova diagnosi”, ha affermato il dott. Kesley. “Abbiamo scoperto che la pandemia era associata a un aumento dei nuovi casi di diabete di tipo 2 rispetto ai due anni precedenti, nonché a un aumento della proporzione di giovani che presentavano uno scompenso metabolico”.

I fattori che potrebbero contribuire a questo aumento dei casi di diabete di tipo 2 ad esordio giovanile potrebbero essere correlati agli immensi cambiamenti comportamentali e ambientali dall’inizio della pandemia. In tutto il mondo, i bambini sono stati iscritti a scuola virtualmente, le attività extrascolastiche sono state limitate e le routine quotidiane sono state adattate per ridurre la potenziale esposizione al COVID-19. Le conseguenze di ciò includevano un aumento del tempo davanti allo schermo, abitudini alimentari malsane, diminuzione dell’attività fisica e cattive abitudini del sonno, che hanno tutte associazioni con un aumento dell’indice di massa corporea (BMI).

Non è chiaro se l’aumento sia stato causato dall’infezione da COVID-19 o semplicemente associato a cambiamenti ambientali e fattori di stress durante la pandemia. “Sono necessari ulteriori studi per determinare se questo aumento è limitato agli Stati Uniti e se persisterà nel tempo”, ha affermato il dottor Kesley. “C’è ancora molto lavoro da fare”.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: