Batticuore

W l’aria sporca

Adv

L’inquinamento atmosferico è associato ad attacchi di cuore nei non fumatori

Barcellona, ??Spagna – 23 agosto 2022: la ricerca presentata al Congresso ESC 2022 supporta una relazione causale tra inquinamento atmosferico e attacchi di cuore poiché i fumatori, che già inalano il fumo, non sono stati influenzati dall’aria sporca. 1

L’autrice dello studio, la dott.ssa Insa de Buhr-Stockburger del registro degli infarti miocardici di Berlino Brandeburgo (B 2 HIR), Germania, ha affermato: “La correlazione tra inquinamento atmosferico e attacchi di cuore nel nostro studio era assente nei fumatori. Ciò potrebbe indicare che l’aria cattiva può effettivamente causare attacchi di cuore poiché i fumatori, che si autointossicano continuamente con gli inquinanti atmosferici, sembrano meno colpiti da ulteriori inquinanti esterni”.

Questo studio ha studiato le associazioni di ossido nitrico, particolato con un diametro inferiore a 10 µm (PM10) e condizioni meteorologiche con l’incidenza di infarto del miocardio a Berlino. L’ossido nitrico si origina dalla combustione ad alte temperature, in particolare dai veicoli diesel. La combustione è anche una fonte di PM10, insieme all’abrasione di freni e pneumatici e alla polvere.

Lo studio ha incluso 17.873 pazienti con un infarto del miocardio tra il 2008 e il 2014 arruolati nel B 2 HIR. 2 I numeri giornalieri di infarto miocardico acuto sono stati estratti dal database B 2 HIR insieme alle caratteristiche di base del paziente tra cui sesso, età, stato di fumatore e diabete. Le concentrazioni giornaliere di PM10 e ossido nitrico in tutta la città sono state ottenute dal Senato di Berlino. Le informazioni sulla durata del sole, la temperatura minima e massima e le precipitazioni sono state recuperate dalla stazione meteorologica di Berlino Tempelhof e unite ai dati sull’incidenza dell’infarto del miocardio e sull’inquinamento atmosferico.

I ricercatori hanno analizzato le associazioni tra l’incidenza del miocardio acuto e le concentrazioni medie di inquinanti nello stesso giorno, il giorno precedente e una media dei tre giorni precedenti tra tutti i pazienti e in base alle caratteristiche di base. Sono state anche analizzate le associazioni tra l’incidenza dei parametri miocardici acuti e meteorologici.

Per quanto riguarda l’inquinamento, l’infarto miocardico era significativamente più comune nei giorni con elevate concentrazioni di ossido nitrico, con un’incidenza maggiore dell’1% per ogni aumento di 10 µg/m 3 . L’infarto miocardico era anche più comune quando c’era un’elevata concentrazione media di PM10 nei tre giorni precedenti, con un’incidenza maggiore del 4% per ogni aumento di 10 µg/m 3 . L’incidenza di infarto miocardico nei fumatori non è stata influenzata dalle concentrazioni di ossido nitrico e PM10.

Per quanto riguarda il tempo, l’incidenza dell’infarto miocardico era significativamente correlata alla temperatura massima, con un’incidenza inferiore del 6% ogni 10°C di aumento della temperatura. Non sono state rilevate associazioni con la durata del sole o le precipitazioni.

Il Dr. de Buhr-Stockburger ha dichiarato: “Lo studio indica che l’aria sporca è un fattore di rischio per l’infarto miocardico acuto e sono necessari maggiori sforzi per ridurre l’inquinamento dovuto al traffico e alla combustione. La causalità non può essere stabilita da uno studio osservazionale. È plausibile che l’inquinamento atmosferico sia una concausa dell’infarto miocardico, dato che l’ossido nitrico e il PM10 promuovono l’infiammazione, l’aterosclerosi è in parte causata da processi infiammatori e non sono state trovate associazioni nei fumatori”.


Riferimenti e note

1 L’abstract “Associazione di inquinanti atmosferici, variabili meteorologiche e incidenza di infarto miocardico a Berlino. Uno studio del registro degli infarti miocardici di Berlino Brandeburgo (B 2 HIR) basato su 17873 casi” sarà presentato durante la sessione Malattia coronarica – Epidemiologia, prognosi, esito 2 sabato 27 agosto dalle 10:15 alle 11:00 CEST alla stazione 8.

2 Il registro ha iniziato a raccogliere dati dal Brandeburgo nel 2015. Lo studio attuale includeva quindi solo dati da Berlino.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: