Equilibrio Solidarietà/filantropia/Charity

Insonni ed egoisti: la mancanza di sonno ci rende meno generosi

Adv

Lo studio che utilizza la fMRI e le valutazioni della privazione del sonno mostrano una diminuzione del desiderio di aiutare gli altri

Gli esseri umani si aiutano a vicenda: è uno dei fondamenti della società civile. Ma un nuovo studio condotto da scienziati dell’Università della California, a Berkeley, rivela che la mancanza di sonno smussa questo attributo umano fondamentale, con conseguenze nel mondo reale.

È noto che la mancanza di sonno è associata a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari, depressione, diabete, ipertensione e mortalità generale. Tuttavia, queste nuove scoperte mostrano che la mancanza di sonno danneggia anche la nostra coscienza sociale di base, facendoci ritirare il nostro desiderio e la nostra volontà di aiutare le altre persone.

In una parte del nuovo studio, gli scienziati hanno mostrato che le donazioni di beneficenza nella settimana successiva all’inizio dell’ora legale, quando i residenti della maggior parte degli stati “balzano in avanti” e perdono un’ora della loro giornata, sono diminuite del 10% – una diminuzione non visto negli stati che non cambiano i loro orologi o quando gli stati tornano all’ora solare in autunno.

Lo studio, guidato dallo scienziato ricercatore dell’UC Berkeley Eti Ben Simon e da Matthew Walker, un professore di psicologia dell’UC Berkeley, si aggiunge a un numero crescente di prove che dimostrano che un sonno inadeguato non solo danneggia il benessere mentale e fisico di un individuo, ma anche compromette i legami tra gli individui e persino il sentimento altruistico di un’intera nazione.

“Negli ultimi 20 anni abbiamo scoperto un legame molto intimo tra la nostra salute del sonno e la nostra salute mentale. In effetti, non siamo stati in grado di scoprire una singola condizione psichiatrica importante in cui il sonno è normale”, ha detto Walker. “Ma questo nuovo lavoro dimostra che la mancanza di sonno non solo danneggia la salute di un individuo, ma degrada le interazioni sociali tra gli individui e, inoltre, degrada il tessuto stesso della società umana. Il modo in cui operiamo come specie sociale – e siamo una specie sociale – sembra profondamente dipendente da quanto dormiamo».

“Stiamo iniziando a vedere sempre più studi, incluso questo, in cui gli effetti della perdita di sonno non si limitano all’individuo, ma si propagano a coloro che ci circondano”, ha affermato Ben Simon. “Se non dormi abbastanza, non solo danneggia il tuo benessere, ma danneggia il benessere dell’intera cerchia sociale, compresi gli estranei”.

Ben Simon, Walker e i colleghi Raphael Vallat e Aubrey Rossi pubblicheranno i loro risultati il ??23 agosto sulla rivista ad accesso aperto PLOS Biology . Walker è il direttore del Center for Human Sleep Science . Lui e Ben Simon sono membri dell’Helen Wills Neuroscience Institute della UC Berkeley.

L’insonnia smorza la teoria della rete mentale

Il nuovo rapporto descrive tre studi separati che hanno valutato l’impatto della perdita di sonno sulla volontà delle persone di aiutare gli altri. Nel primo studio, gli scienziati hanno inserito 24 volontari sani in un imager a risonanza magnetica funzionale (fMRI) per scansionare il loro cervello dopo otto ore di sonno e dopo una notte senza dormire. Hanno scoperto che le aree del cervello che formano la teoria della rete mentale, che è coinvolta quando le persone entrano in empatia con gli altri o cercano di capire i desideri e i bisogni degli altri, erano meno attive dopo una notte insonne.

“Quando pensiamo alle altre persone, questa rete si impegna e ci permette di comprendere quali sono i bisogni degli altri: a cosa stanno pensando? Stanno soffrendo? Hanno bisogno di aiuto?” disse Ben Simone. “Tuttavia, questa rete è stata notevolmente compromessa quando le persone sono state private del sonno. È come se queste parti del cervello non rispondessero quando cerchiamo di interagire con altre persone dopo non aver dormito a sufficienza».

In un secondo studio, hanno monitorato più di 100 persone online per tre o quattro notti. Durante questo periodo, i ricercatori hanno misurato la qualità del loro sonno – quanto tempo hanno dormito, quante volte si sono svegliati – e poi hanno valutato il loro desiderio di aiutare gli altri, come tenere aperta la porta di un ascensore per qualcun altro, fare volontariato o aiutare un ferito straniero per strada.

“Qui, abbiamo scoperto che una diminuzione della qualità del sonno di qualcuno da una notte all’altra prediceva una diminuzione significativa del desiderio di aiutare altre persone da un giorno all’altro”, ha detto Ben Simon. “Quelli che avevano dormito poco la notte prima erano quelli che hanno riferito di essere meno disposti e desiderosi di aiutare gli altri il giorno successivo”.

La terza parte dello studio ha riguardato l’estrazione di un database di 3 milioni di donazioni di beneficenza negli Stati Uniti tra il 2001 e il 2016. Il numero di donazioni è cambiato dopo il passaggio all’ora legale e la potenziale perdita di un’ora di sonno? Hanno riscontrato un calo del 10% delle donazioni. Questa stessa intaccatura nel fare regali compassionevoli non è stata vista nelle regioni del paese che non hanno cambiato i loro orologi.

“Anche una ‘dose’ molto modesta di privazione del sonno – qui, solo la perdita di una sola ora di opportunità di sonno legata all’ora legale – ha un impatto molto misurabile e molto reale sulla generosità delle persone e, quindi, sul modo in cui funzioniamo come società connessa”, ha detto Walker. “Quando le persone perdono un’ora di sonno, c’è un chiaro colpo sulla nostra innata gentilezza umana e sulla nostra motivazione ad aiutare altre persone bisognose”.

Uno studio precedente di Walker e Ben Simon ha mostrato che la privazione del sonno costringeva le persone a ritirarsi socialmente e a diventare socialmente più isolate. La mancanza di sonno aumentava anche i loro sentimenti di solitudine. Peggio ancora, quando quegli individui privati ??del sonno hanno interagito con altre persone, hanno diffuso la loro solitudine a quegli altri individui, quasi come un virus, ha detto Walker.

“Guardando al quadro generale, stiamo iniziando a vedere che la mancanza di sonno si traduce in un individuo abbastanza asociale e, da una prospettiva di aiuto, antisociale, che ha molteplici conseguenze sul modo in cui viviamo insieme come specie sociale”, Egli ha detto. “La mancanza di sonno rende le persone meno empatiche, meno generose, più socialmente ritirate, ed è contagioso: la solitudine è contagiosa”.

“La consapevolezza che la quantità e la qualità del sonno influiscono su un’intera società, causata da una compromissione del comportamento prosociale, può fornire informazioni sul nostro stato di cose sociale al giorno d’oggi”, ha aggiunto Walker.

Questa scoperta offre anche un nuovo approccio per migliorare questi aspetti specifici della nostra società.

“Promuovere il sonno, piuttosto che svergognare le persone per aver dormito abbastanza, potrebbe aiutare in modo molto palpabile a plasmare i legami sociali che tutti noi sperimentiamo ogni giorno”, ha detto Ben Simon.

“Il sonno, a quanto pare, è un lubrificante incredibile per il comportamento umano prosociale, connesso, empatico, gentile e generoso. In questi tempi di divisione, se c’era mai stato bisogno di un lubrificante forte e prosociale per consentire la versione migliore di noi stessi all’interno della società, ora sembra essere così”, ha affermato Walker, autore del bestseller internazionale Why We Sleep . “Il sonno può essere un ingrediente meraviglioso che consente l’alacrità di aiutare tra gli esseri umani”.

“Il sonno è essenziale per tutti gli aspetti della nostra vita fisica, mentale ed emotiva”, ha detto Ben Simon. “Quando il sonno è sottovalutato nella società, non solo abbiamo medici, infermieri e studenti privati ??del sonno, ma soffriamo anche quotidianamente di interazioni scortesi e meno empatiche”.

Nei paesi sviluppati, più della metà di tutte le persone riferisce di dormire a sufficienza durante la settimana lavorativa.

“È tempo come società di abbandonare l’idea che il sonno non sia necessario o uno spreco e, senza sentirsi in imbarazzo, iniziare a dormire di cui abbiamo bisogno”, ha aggiunto. “È la migliore forma di gentilezza che possiamo offrire a noi stessi, così come alle persone che ci circondano”.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: