Sport e movimento

L’attività fisica può avere un ruolo più forte dei geni nella longevità

Adv

Precedenti ricerche hanno dimostrato che una bassa attività fisica e un maggiore tempo trascorso seduti sono associati a un rischio maggiore di morte. Il rischio cambia se una persona è geneticamente predisposta a vivere una lunga vita?

Questa è la domanda che i ricercatori della Herbert Wertheim School of Public Health and Human Longevity Science dell’Università della California di San Diego hanno deciso di rispondere in uno studio pubblicato nell’edizione online del 24 agosto 2022 del Journal of Aging and Physical Activity .

“L’obiettivo di questa ricerca era capire se le associazioni tra attività fisica e tempo sedentario con la morte variavano in base a diversi livelli di predisposizione genetica alla longevità”, ha affermato l’autore principale Alexander Posis, MPH, uno studente di dottorato del quarto anno nello Stato di San Diego . Programma di dottorato congiunto Università/UC San Diego in sanità pubblica .

Nel 2012, nell’ambito dello studio OPACH (Obiettiva attività fisica e salute cardiovascolare) della Women’s Health Initiative, i ricercatori hanno iniziato a misurare l’attività fisica di 5.446 donne negli Stati Uniti di età pari o superiore a 63 anni, seguendole fino al 2020 per determinare la mortalità. I partecipanti hanno indossato un accelerometro da ricerca per un massimo di sette giorni per misurare quanto tempo hanno trascorso in movimento, l’intensità dell’attività fisica e il tempo sedentario.

Lo studio prospettico ha rilevato che livelli più elevati di attività fisica leggera e di attività fisica da moderata a vigorosa erano associati a un minor rischio di morte. Un tempo sedentario più elevato è stato associato a un rischio maggiore di mortalità. Queste associazioni erano coerenti tra le donne che avevano diversi livelli di predisposizione genetica alla longevità.

“Il nostro studio ha dimostrato che, anche se non è probabile che vivrai a lungo in base ai tuoi geni, puoi comunque prolungare la durata della tua vita impegnandoti in comportamenti di stile di vita positivi come l’esercizio fisico regolare e stare meno seduti”, ha affermato l’autore senior Aladdin H. Shadyab, Ph.D., assistente professore presso la Herbert Wertheim School of Public Health and Human Longevity Science presso la UC San Diego. “Al contrario, anche se i tuoi geni ti predispongono a una lunga vita, rimanere fisicamente attivi è comunque importante per raggiungere la longevità”.

Dato l’invecchiamento della popolazione adulta negli Stati Uniti e il tempo trascorso più a lungo in attività a bassa intensità, i risultati dello studio supportano le raccomandazioni secondo cui le donne anziane dovrebbero partecipare ad attività fisica di qualsiasi intensità per ridurre il rischio di malattie e morte prematura, hanno scritto gli autori.

Lo studio OPACH è finanziato dal National Heart, Lung, and Blood Institute (RO1 HL105065). Il finanziamento è arrivato anche dall’Istituto nazionale sull’invecchiamento (P01 AG052352) e da una borsa di studio per la formazione pre-dottorato T32 (T32 AG058529). La Women’s Health Initiative è stata finanziata dal National Heart, Lung, and Blood Institute (75N92021-D00001, 75N92021D00002, 75N92021D00003, 75N92021D00004, 75N92021D00005).

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: