Mangiare e bere

L’etichetta “Nutri-Score” può contrastare le affermazioni ingannevoli sullo zucchero sui generi alimentari

Una nuova analisi suggerisce che il Nutri-Score, un’etichetta che indica la qualità nutrizionale complessiva di un prodotto alimentare, può contrastare gli effetti fuorvianti delle affermazioni sullo zucchero. Kristin Jürkenbeck e colleghi dell’Università di Göttingent, in Germania, presentano questi risultati nella rivista ad accesso aperto PLOS ONE il 17 agosto 2022.

L’alto consumo di zucchero è stato collegato a un aumentato rischio di sovrappeso e altri problemi di salute . Alcune aziende quindi etichettano i prodotti con affermazioni sul contenuto di zucchero, ad esempio “senza zucchero aggiunto” o “meno dolce”. Tuttavia, i consumatori possono interpretare tali affermazioni nel senso che un prodotto alimentare è più sano di quanto non sia in realtà.

Un altro tipo di etichetta , il Nutri-Score, viene sempre più utilizzato nei paesi europei per informare i consumatori sulla qualità nutrizionale complessiva dei prodotti alimentari. Ricerche precedenti mostrano che il Nutri-Score può davvero guidare i consumatori a fare acquisti di cibo più sani.

Ora, Jürkenbeck e colleghi hanno esaminato come il Nutri-Score potrebbe interagire con le etichette contenenti zucchero. Nell’ottobre 2020 hanno condotto un sondaggio online su 1.103 partecipanti tedeschi. Il sondaggio ha chiesto ai partecipanti le loro percezioni dopo che sono state presentate le immagini della confezione di tre ipotetici prodotti – cappuccino istantaneo, muesli al cioccolato e una bevanda all’avena – con diverse combinazioni di dichiarazioni di zucchero ed etichette Nutri-Score.

L’analisi statistica dei risultati dell’indagine suggerisce che, quando non era presente un punteggio Nutri, le affermazioni sulla riduzione dello zucchero hanno effettivamente indotto i partecipanti a credere che i prodotti ipotetici fossero più sani di quanto non fossero in realtà. Tuttavia, la presenza di un Nutri-Score ha contrastato questi effetti, riducendo le idee sbagliate sulla salubrità degli alimenti meno nutritivi.

Sulla base di questi risultati, i ricercatori chiedono un uso limitato delle indicazioni sul contenuto di zucchero e di etichette simili e l’uso obbligatorio del punteggio nutritivo da parte delle aziende che fanno tali affermazioni. Chiedono inoltre ricerche future per valutare gli effetti del punteggio Nutri per ulteriori categorie di alimenti e nel contesto di altre affermazioni pubblicitarie che potrebbero fuorviare i consumatori sulla salubrità degli alimenti.

Gli autori aggiungono che “le indicazioni nutrizionali o sul gusto sullo zucchero sulla parte anteriore delle confezioni possono migliorare la percezione della salute degli alimenti con immagini di cattiva salute”.


Ulteriori informazioni: L’influenza del Nutri-Score sulla salubrità percepita degli alimenti etichettati con un’indicazione nutrizionale di zucchero, PLoS ONE (2022). DOI: 10.1371/journal.pone.0272220

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: