Batticuore Equilibrio

Chi dorme bene ha un minor rischio di malattie cardiache e ictus

Adv

Nove persone su dieci non dormono bene la notte, secondo una ricerca presentata al Congresso ESC 2022. 1 Lo studio ha rilevato che un sonno non ottimale era associato a una maggiore probabilità di malattie cardiache e ictus. Gli autori hanno stimato che sette su dieci di queste condizioni cardiovascolari potrebbero essere prevenute se tutti dormissero bene.

“La bassa prevalenza di dormienti buoni era prevista data la nostra vita impegnata, 24 ore su 24, 7 giorni su 7”, ha affermato l’autore dello studio, il dott. Aboubakari Nambiema dell’INSERM (l’Istituto nazionale francese di salute e ricerca medica), Parigi, Francia. “L’importanza della qualità e della quantità del sonno per la salute del cuore dovrebbe essere insegnata all’inizio della vita, quando si stabiliscono comportamenti sani. Ridurre al minimo il rumore notturno e lo stress sul lavoro può entrambi aiutare a migliorare il sonno”.

Precedenti studi sul sonno e sulle malattie cardiache si sono generalmente concentrati su un’abitudine del sonno, come la durata del sonno o l’apnea notturna, in cui la respirazione si interrompe e inizia durante il sonno. Inoltre, studi precedenti hanno spesso valutato il sonno solo al basale. L’attuale studio ha utilizzato un punteggio di sonno sano combinando cinque abitudini di sonno. I ricercatori hanno studiato l’associazione tra il punteggio del sonno di base e le variazioni nel tempo del punteggio del sonno e la malattia cardiovascolare incidente.

Questo studio ha incluso 7.200 partecipanti al Paris Prospective Study III (PPP3), una coorte prospettica osservativa basata sulla comunità. Uomini e donne di età compresa tra 50 e 75 anni e senza malattie cardiovascolari sono stati reclutati in un centro medico preventivo tra il 2008 e il 2011. L’età media era di 59,7 anni e il 62% erano uomini. I partecipanti sono stati sottoposti a un esame fisico e hanno compilato questionari sullo stile di vita, sull’anamnesi personale e familiare e sulle condizioni mediche.

I questionari sono stati utilizzati per raccogliere informazioni su cinque abitudini del sonno al basale e due visite di follow-up. Ad ogni fattore è stato assegnato 1 punto se ottimale e 0 in caso negativo. È stato calcolato un punteggio di sonno sano compreso tra 0 e 5, con 0 o 1 considerato scarso e 5 considerato ottimale. Quelli con un punteggio ottimale hanno riferito di dormire da 7 a 8 ore per notte, mai o raramente avendo insonnia, nessuna sonnolenza diurna frequente eccessiva, nessuna apnea notturna e un cronotipo precoce (essere una persona mattiniera). I ricercatori hanno verificato la presenza di malattie coronariche e ictus incidenti ogni due anni per un totale di 10 anni.

Al basale, il 10% dei partecipanti aveva un punteggio di sonno ottimale e l’8% uno scarso. Durante un follow-up mediano di otto anni, 274 partecipanti hanno sviluppato malattia coronarica o ictus. I ricercatori hanno analizzato l’associazione tra i punteggi del sonno e gli eventi cardiovascolari dopo aver aggiustato per età, sesso, consumo di alcol, occupazione, fumo, indice di massa corporea, attività fisica, livello di colesterolo, diabete e storia familiare di infarto, ictus o morte cardiaca improvvisa. Hanno scoperto che il rischio di malattia coronarica e ictus è diminuito del 22% per ogni aumento di 1 punto del punteggio del sonno al basale. Più specificamente, rispetto a quelli con un punteggio di 0 o 1, i partecipanti con un punteggio di 5 avevano un rischio inferiore del 75% di malattie cardiache o ictus.

I ricercatori hanno stimato la proporzione di eventi cardiovascolari che potrebbero essere prevenuti con un sonno più sano. Hanno scoperto che se tutti i partecipanti avessero un punteggio di sonno ottimale, il 72% dei nuovi casi di malattia coronarica e ictus potrebbe essere evitato ogni anno.

In due follow-up, quasi la metà dei partecipanti (48%) ha cambiato il punteggio del sonno: nel 25% è diminuito mentre nel 23% è migliorato. Quando i ricercatori hanno esaminato l’associazione tra la variazione del punteggio e gli eventi cardiovascolari, hanno scoperto che un incremento di 1 punto nel tempo era associato a una riduzione del 7% del rischio di malattia coronarica o ictus.

Il dottor Nambiema ha affermato: “Il nostro studio illustra il potenziale per dormire bene per preservare la salute del cuore e suggerisce che il miglioramento del sonno è collegato a minori rischi di malattie coronariche e ictus. Abbiamo anche scoperto che la stragrande maggioranza delle persone ha difficoltà a dormire. Dato che le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte nel mondo, è necessaria una maggiore consapevolezza sull’importanza di un buon sonno per mantenere un cuore sano”.

Riferimenti e note

1 L’abstract “Healthy sleep score and incident cardiovascolari diseases: the Paris Prospective Study III (PPS3)” sarà presentato durante la sessione Disturbi del sonno e apnee, inattività fisica sabato 27 agosto dalle 14:15 alle 15:00 CEST presso la Stazione 4 .

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: