Benessere

Salute: un dato inquietante ed allarmante

Adv

Le droghe illecite sono utilizzate da un paziente su dieci in unità di terapia cardiaca intensiva

Barcellona, ??Spagna – 26 agosto 2022: secondo una ricerca presentata al Congresso ESC 2022 , l’uso illecito di droghe è associato a un rischio quasi nove volte maggiore di morte o di emergenze potenzialmente letali nei pazienti delle unità di terapia intensiva cardiaca (ICCU) .

L’autore dello studio, il dott. Theo Pezel dell’Hospital Lariboisiere, Parigi, Francia, ha affermato: “Il nostro studio mostra che i pazienti con condizioni cardiovascolari acute che assumono droghe illegali hanno maggiori probabilità di morire o di subire un arresto cardiaco o uno shock cardiogeno mentre sono in ospedale rispetto ai non utilizzatori. Più consumatori di droghe avevano un rischio di 11 volte di una prognosi infausta in ospedale rispetto a quelli che assumevano un farmaco”.

Il consumo illecito di droghe è aumentato del 22% negli ultimi dieci anni a circa 275 milioni di persone in tutto il mondo. 2 Nell’UE, circa 83,4 milioni (29%) di persone tra i 15 ei 64 anni hanno fatto uso di droghe illecite. 3 Cannabis, cocaina, ecstasy (3,4-metilendiossimetanfetamina; MDMA), anfetamine ed eroina o altri oppioidi sono le sostanze più comunemente utilizzate. Le droghe illecite sono state collegate ad eventi cardiovascolari acuti inclusi attacchi di cuore e dissezione aortica 4,5 ma la prevalenza del consumo di droghe nei pazienti in terapia intensiva e le conseguenze a breve termine rimangono sconosciute.

Lo studio Addiction in Intensive Cardiac Care Units (ADDICT-ICCU) ha valutato la prevalenza del consumo illecito di droghe e l’associazione con eventi avversi maggiori in ospedale in pazienti consecutivi ricoverati per eventi cardiovascolari acuti. Dal 7 al 22 aprile 2021, tutti i pazienti consecutivi ricoverati in ICCU in 39 centri in tutta la Francia hanno fornito un campione di urina che è stato testato per la ricerca di droghe illegali. L’esito principale era la prevalenza dell’uso illegale di droghe. L’outcome secondario erano gli eventi avversi maggiori in ospedale, definiti come morte, arresto cardiaco rianimato o shock cardiogeno.

Sono stati sottoposti a screening un totale di 1.499 pazienti, di cui il 70% erano uomini. L’età media era di 63 anni. I motivi per l’ammissione includevano infarto del miocardio, insufficienza cardiaca acuta, aritmie, miocardite ed embolia polmonare. Circa 161 pazienti (10,7%) hanno avuto un test positivo per almeno una droga illecita. Per quanto riguarda i tipi di droghe, il 9,1% è risultato positivo alla cannabis, il 2,1% agli oppioidi, l’1,7% alla cocaina, lo 0,7% alle anfetamine e lo 0,6% all’MDMA.

I pazienti che facevano uso di droghe illecite tendevano ad essere giovani: un terzo (33%) dei pazienti di età inferiore ai 40 anni erano consumatori rispetto a solo il 6% di quelli di età pari o superiore a 60 anni. Circa il 12% degli uomini erano utenti rispetto all’8% delle donne. Tutti i pazienti hanno completato un questionario in cui è stato chiesto loro se facevano attualmente uso di droghe illecite. Di quelli con un test antidroga positivo sulle urine, solo il 56,5% ha riferito l’uso corrente mentre il 43,5% ha affermato di non fare uso di droghe.

Durante una degenza mediana di cinque giorni, 61 pazienti (4,1%) hanno avuto un evento avverso maggiore. L’uso illecito di droghe è stato associato a una probabilità di quasi nove volte di eventi avversi maggiori dopo l’aggiustamento per le comorbidità (odds ratio [OR] 8,84; intervallo di confidenza al 95% [CI] 4,68–16,7; p<0,001). Dopo l’aggiustamento per età e sesso, l’uso di cannabis era associato a una probabilità tripla di eventi avversi maggiori (OR=3,53; IC 95% 1,25–9,95; p<0,001) mentre la cocaina era associata a una probabilità cinque volte superiore (OR= 5,12; IC 95% 1,48–17,2; p=0,004).

Di coloro che fanno uso di droghe, il 28% ha assunto più di un tipo di droga. L’uso di più droghe è stato associato a una maggiore incidenza di eventi avversi maggiori rispetto all’uso di una singola droga, con un odds ratio di 11,4 (IC 95% 4,31–32,7; p<0,001).

Il dottor Pezel ha affermato: “L’uso illecito di droghe era comune nei pazienti in terapia intensiva, ma sottostimato. Gli utenti ricoverati per infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI) e insufficienza cardiaca acuta avevano rischi particolarmente elevati di morte, arresto cardiaco o shock cardiogeno con odds ratio rispettivamente di 28,8 e 12,8. I nostri risultati suggeriscono che i pazienti ricoverati in ICCU dovrebbero essere testati per i farmaci per identificare quelli con una maggiore probabilità di esiti dannosi”.

Riferimenti e note

1 L’abstract “Prevalenza dell’uso di droghe illecite e associazione con eventi avversi maggiori in ospedale nei pazienti ospedalizzati per eventi cardiaci acuti: lo studio ADDICT-ICCU” sarà presentato durante la sessione Cure cardiache acute e COVID lunedì 29 agosto alle ore 15: Dalle 15 alle 16:00 CEST alla Stazione 5.

2 Rapporto mondiale sulla droga 2021. Nazioni Unite: Ufficio contro la droga e il crimine. //www.unodc.org/unodc/en/data-and-analysis/wdr2021.html

3 Rapporto europeo sulla droga 2022: tendenze e sviluppi. Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze. https://op.europa.eu/en/publication-detail/-/publication/2d48883c-ed1f-11ec-a534-01aa75ed71a1/language-en/format-PDF/source-search

4 Havakuk O, Rezkalla SH, Kloner RA. Gli effetti cardiovascolari della cocaina. J Am Coll Cardiol . 2017;70:101–113.

5 Jouanjus E, Lapeyre-Mestre M, Micallef J, Uso di cannabis: segnale di aumento del rischio di gravi disturbi cardiovascolari. J Am Heart Assoc . 2014;3:e000638.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: