Batticuore

Lancet: le malattie autoimmuni aumentano il rischio di malattie cardiovascolari

Adv
  • In un ampio studio epidemiologico, i ricercatori della KU Leuven mostrano che i pazienti con una malattia autoimmune hanno un rischio sostanzialmente più elevato di sviluppare malattie cardiovascolari rispetto agli individui senza malattie autoimmuni.
  • La ricerca mostra per la prima volta che i rischi cardiovascolari influenzano i disturbi autoimmuni come un gruppo di malattie con implicazioni su un’ampia gamma di esiti cardiovascolari.
  • L’eccesso di rischio è particolarmente elevato tra i pazienti più giovani e suggerisce che i disturbi autoimmuni sono particolarmente importanti nel causare malattie cardiovascolari premature, con il potenziale di provocare una perdita sproporzionata di anni di vita e disabilità.

A circa il dieci percento della popolazione nelle regioni ad alto reddito come l’Europa e gli Stati Uniti è stata diagnosticata una o più malattie autoimmuni. Esempi sono l’artrite reumatoide, la psoriasi, la sclerosi sistemica, il lupus eritematoso e il diabete di tipo I. Sebbene ricerche precedenti abbiano suggerito associazioni tra alcuni di questi disturbi e un rischio più elevato di malattie cardiovascolari, questi studi erano spesso troppo piccoli e limitati a condizioni autoimmuni o cardiovascolari selezionate per trarre prove conclusive sulla necessità della prevenzione delle malattie cardiovascolari tra i pazienti con malattie autoimmuni .

Fino ad ora. Al congresso annuale della Società Europea di Cardiologia, tenutosi questo fine settimana a Barcellona, ??un gruppo di ricerca internazionale guidato da KU Leuven ha presentato i risultati di un’indagine epidemiologica approfondita sui possibili collegamenti tra diciannove delle malattie autoimmuni più comuni e le malattie cardiovascolari. I risultati dello studio mostrano che i pazienti con malattia autoimmune hanno un rischio sostanzialmente più elevato (tra 1,4 e 3,6 volte a seconda di quale condizione autoimmune) di sviluppare malattie cardiovascolari rispetto alle persone senza una malattia autoimmune. Questo eccesso di rischio è paragonabile a quello del diabete di tipo 2, un noto fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. La ricerca mostra per la prima volta che i rischi cardiovascolari influenzano le malattie autoimmuni come un gruppo di malattie, piuttosto che malattie selezionate individualmente.

L’intero spettro delle malattie cardiovascolari

Nel documento di ricerca (che sarà pubblicato su The Lancet), gli autori mostrano che il gruppo di diciannove malattie autoimmuni che hanno studiato rappresenta circa il 6% degli eventi cardiovascolari. È importante sottolineare che l’eccesso di rischio cardiovascolare era visibile nell’intero spettro delle malattie cardiovascolari, al di là della classica malattia coronarica, compresi i disturbi cardiaci correlati alle infezioni, l’infiammazione cardiaca, nonché i disturbi cardiaci tromboembolici e degenerativi, suggerendo che è probabile che le implicazioni dell’autoimmunità sulla salute cardiovascolare essere molto più ampio di quanto inizialmente pensato. Inoltre, l’eccesso di rischio non è stato spiegato dai tradizionali fattori di rischio cardiovascolare come età, sesso, stato socioeconomico, pressione sanguigna, BMI, fumo, colesterolo e diabete di tipo 2. Un’altra scoperta degna di nota:

Lo studio si basava su cartelle cliniche elettroniche del Clinical Practice Research Datalink (CPRD) del Regno Unito, un database molto ampio di dati anonimi dei pazienti provenienti da circa un quinto dell’attuale popolazione del Regno Unito. Tra 22 milioni di cartelle cliniche, i ricercatori hanno assemblato una coorte di pazienti a cui è stata recentemente diagnosticata una delle diciannove malattie autoimmuni. Hanno quindi esaminato l’incidenza di dodici esiti cardiovascolari – una granularità senza precedenti resa possibile dalle dimensioni molto grandi del set di dati – negli anni successivi e l’hanno confrontata con un gruppo di controllo abbinato. Il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari per i pazienti con una o più malattie autoimmuni era in media 1,56 volte superiore rispetto a quelli senza malattia autoimmune. Hanno anche scoperto che il rischio in eccesso aumentava con il numero di diverse malattie autoimmuni nei singoli pazienti. Tra i disturbi con il più alto rischio in eccesso c’erano la sclerosi sistemica, il morbo di Addison, il lupus e il diabete di tipo I.

Necessità di misure di prevenzione mirate

I risultati mostrano che è necessaria un’azione, afferma Nathalie Conrad, autrice principale dello studio. “Vediamo che il rischio in eccesso è paragonabile a quello del diabete di tipo 2. Ma sebbene disponiamo di misure specifiche mirate ai pazienti diabetici per ridurre il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari (in termini di prevenzione e follow-up), non abbiamo misure simili per i pazienti con malattie autoimmuni.’ Conrad cita le linee guida della Società Europea di Cardiologia sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari, che non menzionano ancora l’autoimmunità come fattore di rischio cardiovascolare (le linee guida menzionano solo alcuni disturbi specifici, come il lupus) né elencano misure di prevenzione specifiche per i pazienti con malattia autoimmune.

Conrad spera che lo studio aumenterà la consapevolezza tra i pazienti con malattie autoimmuni e i medici coinvolti nella cura di questi pazienti, che includeranno molte specialità diverse come cardiologi, reumatologi o medici generici. ‘Dobbiamo sviluppare misure di prevenzione mirate per questi pazienti. E abbiamo bisogno di fare ulteriori ricerche che ci aiutino a capire perché i pazienti con una malattia autoimmune sviluppano più malattie cardiovascolari di altri e come possiamo impedire che ciò accada.’

Parlando di fisiopatologia, i meccanismi sottostanti sono ancora poco conosciuti. Conrad: ‘L’ipotesi generale è che l’infiammazione cronica e sistemica, che è un denominatore comune nelle malattie autoimmuni, possa innescare tutti i tipi di malattie cardiovascolari. È probabile che anche gli effetti della malattia autoimmune sui tessuti connettivi, sui piccoli vasi e sui cardiomiociti e forse alcuni dei trattamenti comunemente usati per trattare l’autoimmunità contribuiscano al rischio cardiovascolare dei pazienti. Questo ha davvero bisogno di essere studiato a fondo.’

Conrad, che possiede una laurea in ingegneria e un dottorato di ricerca in scienze mediche (epidemiologia), ha condotto lo studio durante una borsa di studio post-dottorato Marie Curie di due anni presso il KU Leuven. Ha lavorato a stretto contatto con il professor Geert Verbeke (KU Leuven), il professor Geert Molenberghs (KU Leuven e Hasselt University) e il professor Jan Verbakel (KU Leuven), che hanno assistito nella parte bio-statistica e clinica dello studio. Faceva parte del team anche John McMurray (Università di Glasgow, Regno Unito), cardiologo di fama mondiale. Egli elogia l’ampia portata della ricerca. “Questo studio basato sulla popolazione suggerisce che una gamma molto più ampia di malattie autoimmuni rispetto a quanto precedentemente riconosciuto è associata a una varietà di diversi problemi cardiovascolari”. Il cardiologo accenna inoltre a una possibile soluzione a breve termine.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: