Benessere Equilibrio

Come l’invecchiamento influisce sulla concentrazione

Adv

Proprio come potresti non correre veloce o saltare in alto come facevi da adolescente, il potere cognitivo del tuo cervello, ovvero la tua capacità di imparare, ricordare e risolvere i problemi, rallenta con l’età. Potresti trovare più difficile evocare fatti una volta familiari o dividere la tua attenzione tra due o più attività o fonti di informazioni. Questi cambiamenti influiscono sulla tua capacità di concentrazione, quindi potresti ritrovarti a distrarti più facilmente di quando eri più giovane.

La perdita dell’udito che spesso accompagna l’invecchiamento rende più difficile distinguere il parlato in un ambiente rumoroso. Poiché l’udito richiede quindi più concentrazione del solito, anche una lieve perdita della capacità di messa a fuoco può influire sulla comprensione del parlato.

La maggior parte delle persone inizia a notare i cambiamenti quando entrano nei loro anni ’50 e ’60. Sebbene questi cambiamenti possano causare costernazione, la maggior parte dei problemi di memoria e di pensiero legati all’età non derivano da una malattia cerebrale sottostante come il morbo di Alzheimer. Invece, quello che sembra essere un problema di memoria potrebbe semplicemente riflettere una velocità di elaborazione più lenta e una scarsa codifica e recupero di nuovi ricordi a causa della diminuzione dell’attenzione. Tuttavia, anche se il tuo cervello può essere più lento nell’apprendere e nel ricordare nuove informazioni, la tua capacità di dare un senso a ciò che sai e di formulare argomentazioni e giudizi ragionevoli rimane intatta.

Molte di queste limitazioni sono reversibili e correlate a uno scarso sonno, ma anche i cambiamenti strutturali che si verificano nel cervello con l’età possono spiegare alcuni di questi sviluppi. Le regioni cerebrali coinvolte nell’elaborazione della memoria, come l’ippocampo e in particolare i lobi frontali, subiscono nel tempo cambiamenti anatomici e neurochimici.

Il risultato è che con l’età, ci vuole più tempo per assorbire, elaborare e ricordare nuove informazioni. La naturale perdita di recettori e neuroni che si verifica con l’invecchiamento può anche rendere più difficile la concentrazione. Pertanto, non solo impari le informazioni più lentamente, ma potresti anche avere più difficoltà a ricordarle perché in primo luogo non le hai apprese completamente. Con un’elaborazione più lenta, i fatti contenuti nella memoria di lavoro possono dissiparsi prima che tu abbia avuto la possibilità di risolvere un problema.

Inoltre, la capacità di svolgere compiti che coinvolgono la funzione esecutiva diminuisce con l’età. Molte persone imparano a compensare questi cambiamenti affidandosi all’abitudine per la maggior parte del tempo e dedicando uno sforzo extra per concentrarsi sulle nuove informazioni che stanno cercando di apprendere.

Anche i dolori e i dolori dell’invecchiamento possono influenzare la concentrazione. Il dolore stesso è fonte di distrazione e alcuni dei farmaci usati per trattarlo possono anche influenzare la concentrazione.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: