Complicanze varie/eventuali

Un migliore controllo della glicemia negli adolescenti può limitare il danno cerebrale correlato al diabete

Adv

Uno stretto controllo della glicemia negli adolescenti con diabete di tipo 1 può aiutare a ridurre gli effetti dannosi della malattia sul cervello, effetti che sono stati mostrati anche nei bambini più piccoli, secondo uno studio pubblicato online oggi su Nature Communications . I risultati indicano che un migliore controllo del glucosio può effettivamente migliorare la struttura e la funzione del cervello nei giovani con diabete di tipo 1, avvicinandoli ai loro coetanei senza diabete, hanno detto i ricercatori.

Questo studio pilota proof-of-concept, il più dettagliato fino ad oggi su questo argomento, è stato condotto congiuntamente da ricercatori della Nemours Children’s Health, Jacksonville e della Stanford University School of Medicine.

“Questi risultati offrono la speranza che il danno al cervello in via di sviluppo causato dal diabete di tipo 1 possa essere reversibile con un rigoroso controllo del glucosio”, ha affermato l’autore senior del documento e ricercatore co-principale, l’endocrinologa pediatrica Nelly Mauras, MD, di Nemours Children’s Health Jacksonville e professore di pediatria al Mayo Clinic College of Medicine. “L’uso di un sistema ibrido automatizzato a circuito chiuso, un sistema di somministrazione di insulina collegato a un monitor continuo del glucosio, è stato associato a migliori concentrazioni di glucosio nel sangue, che nel nostro studio si sono tradotte in differenze quantificabili nella struttura cerebrale e nella cognizione”.

Lo studio è stato condotto attraverso il Diabetes Research in Children Network (DirecNet) a cinque centri. Finanziato dal National Institutes of Health (NIH), DirecNet ha seguito longitudinalmente una coorte di bambini con e senza diabete per quasi otto anni. Gli studi DirecNet hanno aggiunto alla prova che i bambini e gli adolescenti con diabete subiscono cambiamenti dannosi nel cervello, con effetti tra cui un QI inferiore al normale, e che queste differenze sono legate a livelli di zucchero nel sangue elevati.

Il Dr. Mauras e gli investigatori di DirecNet hanno reclutato 42 adolescenti, di età compresa tra 14 e 17 anni, con diagnosi di diabete di tipo 1 prima degli otto anni che stavano ricevendo una terapia insulinica . Gli adolescenti sono stati randomizzati in uno dei due gruppi, uno che utilizzava un sistema ibrido di somministrazione di insulina a circuito chiuso e l’altro che riceveva cure standard per il diabete. I ricercatori hanno condotto valutazioni cognitive e imaging cerebrale multimodale con tutti i partecipanti prima e dopo il periodo di studio di sei mesi.

Un sistema ibrido di somministrazione di insulina a circuito chiuso, utilizzato correttamente e continuamente, può aumentare la quantità di tempo in cui la glicemia è in un intervallo sano. Aiuta in particolare a stabilizzare la glicemia durante il sonno, quando il rilevamento e il trattamento dei primi segni di ipoglicemia sono più difficili. Il sistema utilizza un monitor del glucosio chiuso (CGM) per misurare la glicemia ogni cinque minuti attraverso un sensore sotto la pelle. Il CGM si collega in modalità wireless a un microinfusore per insulina che regola la quantità di insulina in base all’ultima lettura CGM.

I partecipanti che hanno utilizzato il sistema di controllo della glicemia a circuito chiuso hanno mostrato un miglioramento significativamente maggiore rispetto al gruppo di cura standard nelle metriche chiave del cervello indicative del normale sviluppo cerebrale degli adolescenti: in altre parole, i loro risultati erano più vicini a quelli degli adolescenti senza diabete. Il gruppo a circuito chiuso ha anche mostrato risultati cognitivi (QI) più elevati e attività cerebrale funzionale, più in linea con il normale sviluppo cerebrale degli adolescenti.

“Sappiamo da tempo che un migliore controllo dei livelli di glucosio nel sangue nelle persone con diabete di tipo 1 può prevenire o ridurre i danni a una serie di sistemi biologici (ad esempio reni, occhi, nervi, vasi sanguigni). La nostra nuova ricerca si unisce a altri studi per evidenziare che un migliore controllo dei livelli di glucosio nel sangue nei bambini con diabete di tipo 1 può potenzialmente ridurre le lesioni al cervello in fase di maturazione e portare a miglioramenti misurabili anche nello sviluppo e nella funzione del cervello “, ha affermato Allan Reiss, autore principale e ricercatore co-principale. , MD, Howard C. Robbins Professore di Psichiatria e Scienze del comportamento e professore di radiologia a Stanford.

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune, in cui il sistema immunitario del corpo distrugge erroneamente le cellule che producono insulina nel pancreas. Le sue cause non sono completamente comprese e attualmente non esiste una cura. Si stima che circa 244.000 bambini e adolescenti negli Stati Uniti abbiano questa condizione, che può causare a volte gravi problemi di salute che si sviluppano rapidamente o che si manifestano più tardi nella vita. Questo studio si basa su ricerche precedenti che dimostrano che un rigoroso controllo della glicemia porta a tassi più bassi di complicanze del diabete come cecità, insufficienza renale e amputazioni.


Maggiori informazioni: Allan L. Reiss et al, Uno studio pilota randomizzato per esaminare gli effetti di un sistema ibrido di somministrazione di insulina a circuito chiuso sugli esiti cognitivi e dello sviluppo neurologico negli adolescenti con diabete di tipo 1, Nature Communications (2022). DOI: 10.1038/s41467-022-32289-x

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: