Comunicazione Educazione

Utilizzare i social media per diffondere informazioni sanitarie accurate

Adv

Gli specialisti della cura e dell’educazione del diabete possono utilizzare i social media per sfruttare la loro esperienza nel campo, connettersi con altri professionisti e migliorare la vita delle persone con diabete, secondo un presentatore.

“[Diffusione delle informazioni sulla salute] non è più l’approccio dall’alto in basso in cui i tuoi medici ti dicono qualcosa o i tuoi vicini ti dicono qualcosa, e questa è l’unica informazione che ottieni”, Marina Chaparro, RD, CDE , dietista certificata con indirizzo specialistico nel diabete e specialista in educazione nonché fondatore di Nutrichicos, una pratica di nutrizione familiare a Miami, ha detto durante una presentazione all’incontro annuale dell’Association of Diabetes Care & Education Specialists. “Al contrario, riceviamo costantemente informazioni sulla salute e messaggi sulla salute. Credo che ogni specialista della cura e dell’educazione del diabete dovrebbe abbracciare i social media”.

I vantaggi dell’utilizzo dei social media in ambito sanitario

I social media sono diventati una piattaforma importante per la diffusione di informazioni sulla salute. Secondo i dati raccolti dal Pew Research Center nel 2016, l’80% delle persone utilizza i social media per trovare informazioni sulla salute, il 54% dei millennial vuole essere amico o seguire il proprio medico sui social media e il 60% afferma che le informazioni sulla salute trovate online sono interessate la loro decisione su come trattare una malattia o una condizione.

Chaparro ha riconosciuto alcune paure comuni sull’utilizzo dei social media, come l’incertezza su come iniziare e su come utilizzare il mezzo in modo appropriato. I nuovi utenti potrebbero essere fuori dalla loro zona di comfort.

Nonostante questi timori, ha affermato Chaparro, ogni specialista della cura del diabete e dell’educazione dovrebbe unirsi ai social media per estendere la portata delle proprie competenze. Quando i professionisti ignorano i social media, le persone prive di credenziali riempiono le lacune con informazioni di scarsa qualità.

“Se non sei disposto a condividere le tue conoscenze e le abilità che hai con 5, 10 anni di esperienza, qualcuno senza la stessa esperienza, senza la stessa abilità, lo farà”, ha detto Chaparro.

Gli specialisti della cura e dell’educazione del diabete possono utilizzare i social media per dissipare la disinformazione e fornire raccomandazioni basate sull’evidenza. Chaparro ha affermato che numerosi studi hanno dimostrato che informazioni accurate fornite attraverso i social media possono migliorare l’HbA1c, l’uso di farmaci, la conoscenza, l’empowerment e la qualità della vita correlata alla salute delle persone con diabete.

Come iniziare

I social media possono avvantaggiare gli specialisti della cura del diabete e dell’istruzione in diversi modi, ad esempio aumentando la visibilità, fornendo opportunità monetarie, collegandosi con pazienti e professionisti e sviluppando competenze. I professionisti possono sfruttare abilità, come scrivere, cucinare o parlare, per diventare il proprio imprenditore del diabete e creare una presenza su una o più piattaforme.

“Non è necessario essere su Instagram o TikTok o tutti questi, ma devi assicurarti che le persone possano trovarti”, ha detto Chaparro. “Devi assicurarti di avere una presenza digitale, perché non tutti questi esperti saranno su TikTok. Quando li cerchi su Google, avranno un qualche tipo di presenza. Pensa a quale sarà la tua presenza sui social media, che si tratti del web, dei blog, della scrittura, del parlato, ecc.

Mentre l’uso dei social media è in crescita del tutto, YouTube e Facebook sono le due piattaforme utilizzate da più della metà degli americani, secondo i dati del 2021 del Pew Research Center. Tuttavia, Chaparro ha osservato che uno studio condotto in Arabia Saudita ha rilevato che la piattaforma più popolare per la condivisione di informazioni sulla dieta sana era Instagram, seguita da YouTube e Snapchat.

Chaparro ha affermato che gli specialisti della cura e dell’istruzione del diabete dovrebbero gravitare sulla piattaforma che meglio si adatta alle proprie capacità e al pubblico che vogliono raggiungere. YouTube è il migliore per fornire video dimostrativi, mentre TikTok è il migliore per condividere video in formato breve e Twitter è una piattaforma solida per connettersi con gli altri ed esprimere opinioni. Anche il pubblico è un fattore per la selezione di una piattaforma di social media. Instagram è la soluzione migliore per raggiungere i giovani adulti, mentre la maggior parte degli utenti di Facebook ha più di 35 anni.

“In generale, voglio che ti concentri sul tuo percorso, sulle tue capacità e su ciò che ti spinge a fare quello che fai”, ha detto Chaparro.

Quando hanno iniziato a utilizzare i social media, gli specialisti della cura del diabete e dell’istruzione dovrebbero credere che avranno successo, trovare mentori, connettersi con altri che hanno esplorato piattaforme ed essere disposti a fallire, imparare e adattarsi.

“Credo davvero che gli specialisti della cura e dell’educazione del diabete abbiano questa opportunità davvero unica di utilizzare i social media per cambiare la vita delle persone con diabete, perché stiamo fornendo loro le informazioni che forse non ricevono e perché abbiamo l’opportunità di potenzialmente connettersi con loro a un livello più umano”, ha detto Chaparro. “Penso anche che ci dia l’opportunità di crescere e diventare un imprenditore del diabete. Possiamo elevare la professione al livello successivo”.

Riferimento:

  • Alanzi T, et al. Fronte della sanità pubblica. 2021;doi:10.3389/fpubh.2021.543913.
Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: