Notizie false ciarlatani e truffatori

La dipendenza dalle notizie è legata non solo allo scarso benessere mentale, ma anche alla salute fisica, secondo un nuovo studio

Adv

Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Health Communication , le persone con un bisogno ossessivo di controllare costantemente le notizie hanno maggiori probabilità di soffrire di stress, ansia e problemi di salute fisica .

Negli ultimi due anni abbiamo vissuto una serie di preoccupanti eventi globali, dalla pandemia di COVID all’invasione della Russia in Ucraina, proteste su larga scala, sparatorie di massa e incendi devastanti. Per molte persone, leggere cattive notizie può farci sentire temporaneamente impotenti e angosciati.

Per altri, essere esposti a un ciclo di notizie di 24 ore di eventi in continua evoluzione può avere gravi impatti sul benessere mentale e fisico – come mostrano queste nuove scoperte, oggi disponibili, con coloro che hanno un alto livello di dipendenza dalle notizie che riportano “in modo significativo maggiore malessere fisico”.

“Vedere che questi eventi si svolgono nelle notizie può portare a un costante stato di allerta in alcune persone, spingendo i loro motivi di sorveglianza all’eccesso e facendo sembrare il mondo un luogo oscuro e pericoloso”, afferma Bryan McLaughlin, professore associato di pubblicità presso il College of Media and Communication presso la Texas Tech University.

“Per questi individui, può svilupparsi un circolo vizioso in cui, invece di estraniarsi, vengono attirati ulteriormente, ossessionati dalle notizie e controllando gli aggiornamenti 24 ore su 24 per alleviare il loro disagio emotivo. Ma non aiuta, e più controllano le notizie, più iniziano a interferire con altri aspetti della loro vita”.

Per studiare questo fenomeno, noto colloquialmente come dipendenza dalle notizie, McLaughlin e i suoi colleghi, la dott.ssa Melissa Gotlieb e la dott.ssa Devin Mills, hanno analizzato i dati di un sondaggio online su 1.100 adulti statunitensi.

Nel sondaggio, alle persone è stato chiesto fino a che punto fossero d’accordo con affermazioni come “Sono così assorbito dalle notizie che dimentico il mondo che mi circonda”, “La mia mente è spesso occupata da pensieri sulle notizie”, “Trovo è difficile smettere di leggere o guardare i telegiornali” e “Spesso non faccio attenzione a scuola o al lavoro perché leggo o guardo i telegiornali”.

Agli intervistati è stato anche chiesto con quale frequenza hanno sperimentato sentimenti di stress e ansia, nonché disturbi fisici come affaticamento, dolore fisico, scarsa concentrazione e problemi gastrointestinali.

I risultati hanno rivelato che il 16,5% delle persone intervistate ha mostrato segni di consumo di notizie “gravemente problematico”. Tali individui spesso diventavano così immersi e personalmente coinvolti nelle notizie che le storie dominavano i pensieri di veglia dell’individuo, interrompevano il tempo con la famiglia e gli amici, rendevano difficile concentrarsi sulla scuola o sul lavoro e contribuivano all’irrequietezza e all’incapacità di dormire.

Forse non sorprende che le persone con livelli più elevati di consumo problematico di notizie avessero una probabilità significativamente maggiore di sperimentare malessere mentale e fisico rispetto a quelle con livelli più bassi, anche quando si controllavano dati demografici, tratti della personalità e uso generale delle notizie.

Alla domanda sulla frequenza con cui i partecipanti al sondaggio hanno sperimentato sintomi di salute mentale o malattia fisica nell’ultimo mese, i risultati mostrano:

  • Il 73,6% di coloro a cui è stato riconosciuto di avere livelli severi di consumo problematico di notizie ha riferito di aver sperimentato un malessere mentale “abbastanza” o “molto” – mentre i sintomi frequenti sono stati segnalati solo dall’8% di tutti gli altri partecipanti allo studio.
  • Il 61% di quelli con livelli severi di notizie problematiche ha riferito di aver sperimentato un malessere fisico “abbastanza” o “molto” rispetto a solo il 6,1% per tutti gli altri partecipanti allo studio.

Secondo McLaughlin, i risultati mostrano che sono necessarie campagne mirate di alfabetizzazione mediatica per aiutare le persone a sviluppare un rapporto più sano con le notizie.

“Anche se vogliamo che le persone rimangano coinvolte nelle notizie, è importante che abbiano un rapporto più sano con le notizie”, afferma.

“Nella maggior parte dei casi, il trattamento per le dipendenze e i comportamenti compulsivi è incentrato sulla completa cessazione del comportamento problematico, poiché può essere difficile eseguire il comportamento con moderazione.

“Nel caso di consumo problematico di notizie, la ricerca ha dimostrato che gli individui possono decidere di interrompere, o almeno ridurre drasticamente, il consumo di notizie se percepiscono che stanno avendo effetti negativi sulla loro salute mentale. 

“Ad esempio, ricerche precedenti hanno dimostrato che le persone che sono diventate consapevoli e preoccupate per gli effetti negativi che la loro costante attenzione alla copertura sensazionalistica del COVID-19 stava avendo sulla loro salute mentale hanno riferito di aver preso la decisione consapevole di smetterla.

“Tuttavia, l’esclusione non solo va a scapito dell’accesso di un individuo a informazioni importanti per la propria salute e sicurezza, ma mina anche l’esistenza di una cittadinanza informata, il che ha implicazioni per il mantenimento di una sana democrazia. Ecco perché un sano rapporto con il consumo di notizie è una situazione ideale”.

Inoltre, lo studio richiama anche la necessità di una discussione più ampia su come l’industria delle notizie potrebbe alimentare il problema.

“Le pressioni economiche che devono affrontare i media, insieme ai progressi tecnologici e al ciclo di notizie di 24 ore, hanno incoraggiato i giornalisti a concentrarsi sulla selezione di storie “di attualità” che attireranno l’attenzione dei consumatori di notizie”, afferma McLaughlin.

“Tuttavia, per alcuni tipi di persone, il conflitto e il dramma che caratterizzano le storie degne di nota non solo catturano la loro attenzione e la attirano, ma possono anche portare a un rapporto disadattivo con la notizia. Pertanto, i risultati del nostro studio sottolineano che le pressioni commerciali che i media devono affrontare non sono solo dannose per l’obiettivo di mantenere una sana democrazia, ma possono anche essere dannose per la salute delle persone”.

I limiti di questo studio includono l’affidamento a dati raccolti in un determinato momento, in cui gli autori non sono stati in grado di stabilire l’esatta relazione tra consumo problematico di notizie e malessere mentale e fisico.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: