Batticuore

Effetto obesità sui giovani

Adv

La rigidità arteriosa aumenta la pressione sanguigna negli adolescenti attraverso la resistenza all’insulina

Nella popolazione giovane, la rigidità arteriosa, un fattore di rischio emergente per l’ipertensione, aumenta indirettamente la pressione sanguigna attraverso un aumento della resistenza all’insulina ma non attraverso un aumento del grasso corporeo, conclude un articolo pubblicato su Frontiers in Cardiovascular Medicine .

C’è uno sforzo globale volto allo screening, all’identificazione e alla diagnosi precoce dell’ipertensione al fine di prevenire questa “malattia killer silenziosa” e le sue sequele fin dalla prima infanzia. Permangono lacune mancanti nelle conoscenze sui percorsi attraverso i quali la pressione sanguigna viene aumentata anche nelle popolazioni normopeso che sono fisicamente attive e hanno scelte di vita sane.

È noto che l’obesità aumenta il rischio di ipertensione. I ricercatori hanno recentemente dimostrato che la rigidità arteriosa, che è stata stabilita come fattore di rischio causale per l’ipertensione negli adulti, è implicata anche nella popolazione giovane. La rigidità arteriosa può anche causare un aumento della resistenza all’insulina negli adolescenti e nei giovani adulti. Sfortunatamente, gli studi clinici per ridurre la rigidità arteriosa negli adulti non sono stati promettenti e sono in corso studi clinici nella popolazione giovane.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato se la rigidità arteriosa aumenta la pressione sanguigna a causa dell’aumento del grasso corporeo o della resistenza all’insulina in una popolazione di adolescenti in gran parte di peso normale. Questo perché gli studi clinici sulla popolazione giovane hanno dimostrato che l’intervento sullo stile di vita potrebbe ridurre il grasso corporeo e la resistenza all’insulina. Pertanto, se la rigidità arteriosa aumenta indirettamente la pressione sanguigna attraverso uno qualsiasi di questi percorsi, potrebbe essere clinicamente rilevante intercettare tale percorso.

“Abbiamo scoperto che la rigidità arteriosa aumentava indirettamente la pressione sanguigna nell’adolescenza attraverso la via della resistenza all’insulina. È comunque sorprendente che l’aumento del grasso corporeo non sia stato un percorso attraverso il quale la rigidità arteriosa ha aumentato la pressione sanguigna in questa popolazione generale di adolescenti. Fino a quando non saranno disponibili i risultati degli studi clinici sulla riduzione della rigidità arteriosa negli adolescenti, potrebbe essere importante che i pediatri e gli esperti di salute pubblica si concentrino sull’incoraggiamento di scelte di vita sane che riducano la resistenza all’insulina, riducendo potenzialmente la pressione sanguigna. Aumentare l’attività fisica, ridurre il tempo trascorso davanti allo schermo, smettere di fumare o svapare, ridurre l’assunzione di sale e zucchero, aumentare la porzione di verdure e fibre nella dieta e avere un sonno quotidiano ottimale sono scelte di vita sane”, afferma Andrew Agbaje, medico ed epidemiologo clinico presso l’Università della Finlandia orientale.

Il gruppo di ricerca del dottor Agbaje (urFIT-CHILD) è sostenuto da borse di ricerca della Fondazione Jenny e Antti Wihuri, del Fondo centrale della Fondazione culturale finlandese, del Fondo regionale della Fondazione culturale finlandese del Nord Savo, della Fondazione di ricerca Orion sr, della Fondazione Aarne Koskelo, dell’Antti e la Fondazione Tyyne Soininen, la Fondazione Paulo, la Fondazione Yrjö Jahnsson, la Fondazione Paavo Nurmi, la Fondazione finlandese per la ricerca cardiovascolare e la Fondazione per la ricerca pediatrica.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: