Tecno

Il biosensore in miniatura può monitorare le condizioni di ferite gravi

Adv

Il nuovo biosensore in grado di monitorare accuratamente le condizioni di una ferita cronica è stato sviluppato da un team della Nottingham Trent University e del Nottingham University Hospitals NHS Trust.

Le ferite rappresentano un problema sanitario in crescita che colpisce migliaia di pazienti in tutti i contesti sanitari e di assistenza sociale, portando a una spesa vertiginosa per un sistema sanitario già sovraccarico.

Una delle esigenze più urgenti nella gestione delle ferite è lo sviluppo di sistemi che consentano ai medici di identificare la progressione o il deterioramento precoce delle ferite .

Il team di ingegneri e accademici clinici di NTU e NUH afferma che l’obiettivo è incorporare la tecnologia nelle medicazioni in modo che non debbano essere continuamente rimosse e sostituite per valutare come sta guarendo una ferita.

Dicono che col tempo la tecnologia, un sensore di proteine ??stampate su tessuto, potrebbe aiutare a ridurre il rischio che i pazienti si ammalino gravemente, prevenire l’amputazione e risparmiare tempo e denaro.

I pazienti non possono attualmente valutare le condizioni di una ferita e gli operatori sanitari sono tenuti a rimuovere la medicazione per valutarla visivamente.

Questo può richiedere tempo poiché i pazienti richiedono un appuntamento e la rimozione della medicazione troppo presto rischia di allungare il processo di guarigione , peggiorare le cicatrici o introdurre un’infezione. Anche la medicazione deve essere sostituita ogni volta che viene controllata la ferita, il che richiede più tempo.

Le ferite croniche includono ferite dovute a lesioni gravi o traumi, ulcere, piaghe da decubito o malattie come il diabete.

Il nuovo sensore, stampato sul tessuto, sarebbe integrato nella medicazione, utilizza elettrodi per analizzare la concentrazione di proteine ??specifiche in una ferita costantemente e in tempo reale.

Utilizzando la tecnologia basata su app, il paziente sarebbe in grado di effettuare una lettura e ricevere alcune semplici informazioni tenendo uno smartphone vicino alla medicazione. Potrebbero quindi prenotare un appuntamento, se necessario, in modo che possa essere controllato da un medico.

Il sensore in miniatura, leggero e flessibile, sarebbe in grado di determinare se la medicazione da cambiare, può staccarsi completamente o se la ferita ha un’infezione.

Si ritiene che il costo del trattamento delle ferite rappresenti almeno il tre percento della spesa sanitaria totale nella maggior parte dei paesi sviluppati e dal 2018 si stima che il Regno Unito stia gestendo circa 3,8 milioni di pazienti con una ferita in ambito clinico ogni anno.

È stato inoltre stimato che i servizi sanitari nel 2012 hanno speso più di 5 miliardi di sterline (circa 6 miliardi di dollari USA) per i costi associati alla gestione della cura delle ferite.

I ricercatori affermano che ora la tecnologia è consolidata, il prossimo passo sarà lavorare con medici consulenti e fornitori di tecnologia digitale per cercare di spostarla in prodotti commerciali.

Il progetto coinvolge anche il partner industriale Kymira.

“Attualmente non c’è modo di monitorare le condizioni di una ferita senza prenotare un appuntamento, rimuovere la medicazione e dare un’occhiata”, ha affermato il ricercatore Dr. Yang Wei, esperto di tessuti elettronici e ingegneria elettronica presso la School of Science della Nottingham Trent University e Tecnologia.

Dice che “il sensore analizza i biomarcatori chimici per dare un’indicazione se una ferita sta guarendo o meno e potrebbe aiutare a rimuovere una serie di rischi associati alla rimozione e alla sostituzione continua e laboriosa delle medicazioni. Oltre a migliorare la qualità della vita dei pazienti, potrebbe accelerare il processo di guarigione, aiutare a evitare infezioni ed evitare il peggioramento delle cicatrici rimuovendo le medicazioni mentre si stanno ancora formando”.

“Le ferite possono richiedere mesi per guarire e questo potrebbe potenzialmente essere di grande beneficio per molte persone. Consente ai pazienti di monitorare la ferita da soli e ridurre le preoccupazioni per le loro condizioni oltre a risparmiare tempo e denaro nel processo”.

“Sarebbe anche coerente e quantificabile e aiuterebbe a rimuovere la natura soggettiva della valutazione di una ferita”.

Il professor John Hunt della Medical Technologies Innovation Facility della NTU, che è stato anche coinvolto nello studio, ha affermato: “Questa ricerca risponde a una chiara necessità di trattamenti migliori. L’approccio non solo consentirà una migliore guarigione delle ferite, ma ridurrà le preoccupazioni dei pazienti, riducendo le visite a casa o con l’operatore sanitario e consentire alle persone di gestire la propria salute e mantenere una maggiore indipendenza”.

“Siamo lieti di facilitare questa ricerca in MTIF poiché le soluzioni di salute digitale sono una parte fondamentale del mondo che soddisfa le future esigenze sanitarie”.

La professoressa Christine Moffatt CBE, professoressa di integrità della pelle alla NUH, ha descritto questi sviluppi come aventi un enorme potenziale per cambiare la vita di migliaia di persone che soffrono di ferite e migliorare l’erogazione di cure efficaci.

Il lavoro del team della Nottingham Trent University è pubblicato su Scientific Reports .


Ulteriori informazioni: Yomna ElSaboni et al, Sviluppo di un sensore proteico a base tessile per il monitoraggio del progresso di guarigione di una ferita, Scientific Reports (2022). DOI: 10.1038/s41598-022-11982-3

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: