Equilibrio

La consapevolezza e la meditazione aiutano a migliorare la salute generale dei diabetici

Adv

La pratica della meditazione e della consapevolezza può ridurre il disagio del diabete e migliorare la dieta, l’HbA1c, il sonno e la qualità generale della vita delle persone con diabete, secondo due relatori.

Durante una presentazione all’incontro annuale dell’Association of Diabetes Care & Education Specialists, Peter Friedfeld e Brooke Cassoff, CHWC , co-fondatori e facilitatori di Diabetes Sangha, un gruppo online dedicato alle pratiche di meditazione e consapevolezza per le persone con diabete, hanno descritto come le pratiche possono essere incorporati nell’autogestione del diabete e come gli specialisti della cura e dell’educazione del diabete possono insegnare i principi alle persone con diabete.

” La consapevolezza implica semplicemente osservare le nostre esperienze momento per momento, qualunque esse siano, e osservare quelle esperienze con un senso di cura e non giudizio ed essere attenti ad esse mentre cambiano e scorrono nel tempo”, ha detto Cassoff. “La consapevolezza può anche assumere molte forme diverse. La consapevolezza non riguarda semplicemente lo stare fermi. La consapevolezza può essere fatta attraverso il movimento, attraverso la camminata, ci sono molti stili diversi di consapevolezza che possono essere provati.

Benefici della consapevolezza
Esistono diversi modi in cui la pratica della consapevolezza può aiutare le persone con diabete a superare le sfide. È importante sottolineare che la pratica consente alle persone con diabete di accettare lo stato attuale delle loro vite.

“Gran parte della nostra vita riguarda il modo in cui non possiamo mangiare questo o non possiamo farlo al momento perché abbiamo un basso livello di zucchero nel sangue”, ha detto Friedfeld. “La pratica della consapevolezza funziona permettendoci di accettare il momento presente così com’è.”

La consapevolezza può anche aiutare le persone con diabete a comprendere meglio la radice di stress, ansia e depressione; osservare la propria esperienza senza giudizio; lasciar andare le aspettative impossibili; coltivare la non reattività di fronte alla volatilità emotiva con l’autogestione del diabete; e connettersi con gli altri quando si sperimenta lo stigma sociale o l’isolamento.

bridge, tibetan, suspended

“La consapevolezza ci aiuta davvero a essere connessi con il nostro senso di umanità comune; sapendo che, proprio come me, ogni essere umano vive difficoltà, stress, alti e bassi”, ha detto Cassoff. “E proprio come me, ogni essere umano desidera essere felice, sano e al sicuro.”

Diversi studi dimostrano che la meditazione è associata a una riduzione dell’angoscia, dell’ansia e della depressione del diabete ; modelli alimentari migliorati; una sensazione più forte di essere “in contatto con le proprie sensazioni”; migliori connessioni sociali; HbA1c inferiore; dormire meglio; migliore qualità della vita; e miglioramento del benessere psicologico nelle persone con diabete. Cassoff ha notato due modi che colpiscono particolarmente le persone con diabete in cui la meditazione influisce positivamente sul cervello.

“Sappiamo sulla base della ricerca che la meditazione coerente porta a cambiamenti strutturali nel cervello, in particolare porta a una maggiore neuroplasticità”, ha detto Cassoff. “Per molti anni si è creduto che il cervello umano smettesse di cambiare o svilupparsi a una certa età. Quello che sappiamo oggi è che, in realtà, i nostri cervelli imparano e si ricablano costantemente per creare nuove connessioni e percorsi neurologici basati sulle esperienze che abbiamo”.

Cassoff ha affermato che la meditazione può aiutare a orientare il cervello in modi che consentono a una persona con diabete di accettare il presente ed essere più autosufficienti. Inoltre, ha detto Cassoff, la meditazione è stata associata a una diminuzione delle dimensioni e dell’attività dell’amigdala, che può migliorare la regolazione delle risposte emotive.

Adottando la meditazione, ha detto Friedfeld, le persone con diabete possono stabilire un senso di sicurezza, imparare ad accettare, mantenere la calma durante le situazioni stressanti, sviluppare resilienza fisica ed emotiva, lavorare nei momenti difficili, affrontare il dolore in modo sano e trattare se stessi e gli altri con compassione e gentilezza.

Incorporare la consapevolezza nella pratica
Ci sono diversi modi in cui le persone con diabete possono praticare la consapevolezza, incluso eseguire il respiro e praticare compassione, gentilezza e gratitudine durante il giorno. La consapevolezza può anche essere incorporata in attività come mangiare, camminare, yoga e altre pratiche di movimento.

Friedfeld ha affermato che gli specialisti della cura del diabete e dell’istruzione possono adottare diversi passaggi per incorporare la meditazione nella propria pratica.

“Considera di spiegare questi concetti a coloro con cui stai lavorando, ai tuoi pazienti e a coloro per i quali puoi”, ha detto Friedfeld. “Spiega come questo è a loro disposizione. Collegati anche alle risorse online. Siamo così fortunati ad avere una vasta gamma di risorse che possiamo utilizzare per comprendere queste pratiche e impegnarci con esse. Condividi queste pratiche specifiche con le persone con diabete”.

Friedfeld ha affermato che gli specialisti della cura del diabete e dell’istruzione possono anche unirsi a un gruppo di meditazione basato sulla comunità e conseguire una certificazione per l’agevolazione della meditazione.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: