testimonianze

Mavani con il diabete tipo 1 diagnosticato a 59 anni non sta seduta sui divani

Adv

Un nuovo inizio dopo i 60 anni: il diabete mi ha lasciato depresso e spaventato all’idea di uscire di casa. Ho ancora scalato il Kilimangiaro

La mattina in cui Devanshi Mavani ha raggiunto la vetta del Kilimangiaro, le condizioni erano amare. Era partita, come la maggior parte degli escursionisti, la notte prima per programmare il suo arrivo in vetta con l’alba. Immediatamente iniziò a cadere una forte nevicata. “Normalmente le persone vedono il Kenya dall’altra parte. Quando siamo arrivati ??in vetta, non abbiamo visto nulla”, dice. “Era come una pista da sci. Ma stavo piangendo di gioia”.

Solo 17 mesi prima, questo viaggio sembrava impossibile. Nel maggio 2017, Mavani è tornata a casa a Leicester dopo aver visitato la sorella minore a Oxford e ha iniziato a sentirsi male. Ogni giorno era peggio di quello prima. “Ma tu non prendi l’influenza”, ha detto sua sorella, e ha detto a Mavani di andare da una farmacia locale per gli esami. La farmacia ha mandato la Mavani direttamente dal suo medico di famiglia, che ha chiamato un’ambulanza.

Mavani ha trascorso i successivi sette giorni in terapia intensiva con chetoacidosi diabetica, uno stato potenzialmente pericoloso per la vita che si verifica nelle persone con diabete quando il corpo inizia a esaurire l’insulina. “Se non fosse stato per mia sorella, non sarei viva”, dice. A 59 anni, a Mavani è stato diagnosticato il diabete di tipo 1.

La fuga per un pelo è sembrata fortunata, ma ha innescato una crisi diversa. “Ho lottato. Mi sono davvero depressa”, dice. “Mi sentivo così giù, pensando: cosa farò ora nella vita, bloccato con questo?”

La notizia ha messo a repentaglio tutte le speranze di viaggio della Mavani, dopo il suo ritiro dall’attività di dottore commercialista l’anno prima. “Avevo lavorato tutta la vita. Ho pensato: ‘Ottimo, posso finalmente fare quello che voglio’”. Suo figlio, 25 anni, si era qualificato in optometria. “Mi sono sentito libero. Era la mia occasione. Tutto funzionava per me. Ho pensato: ‘Evviva, posso godermi la vita’”.

Ma la sua diagnosi le fece paura di uscire di casa. Sua sorella maggiore è venuta ad aiutare, ma Mavani “non poteva andare al parco locale” senza sentirsi male.

Molto lentamente, nei mesi successivi, Mavani è passato dalle passeggiate intorno all’isolato a lezioni di ginnastica dolce. Fu lì che incontrò un’amica, Hazel, che la portò a una diversa comprensione di se stessa. “Ha detto: ‘Sto andando a parlare di scalare il Kilimangiaro. Vuoi venire? Qualcosa per farti uscire di casa?’”

Quando Mavani tornò a casa quella sera, disse a suo marito, Ketan, che era qualcosa che voleva davvero fare. “L’escursione è stata l’anno successivo, quando stavo compiendo 60 anni. Ha detto: ‘Hai tempo.’ È stata la cosa migliore che ho fatto. Ha distolto la mia concentrazione dal preoccuparmi del tipo 1 e dall’essere malaticcio, a qualcosa di completamente diverso. Come farò a rimettermi in forma? Come farò a far fronte a questa enorme escursione così lontano dalla mia zona di comfort?”

Con Hazel, Mavani iniziò a pianificare escursioni pratiche e raccogliere sponsorizzazioni per il vicino ospizio di Loros , che organizzò il trekking. Un’altra amica cuciva delle “adorabili borse termiche” in cui poteva mantenere le medicine alla giusta temperatura. Mavani ha sempre voluto festeggiare i suoi 60 anni “facendo qualcosa per la mia comunità locale” e, dopo tanta preparazione, lo ha fatto.

Durante il viaggio di sette giorni, Mavani ha dovuto iniettarsi da cinque a otto volte al giorno, iniettando più frequentemente e in quantità minori poiché l’altitudine la rendeva insulino-resistente.

“Un’ora prima della tappa in vetta, i miei zuccheri erano 19. Le letture normali dovrebbero essere comprese tra quattro e sette”, dice. Senza un’attenta gestione, Mavani correva il grave rischio di ricadere nella chetoacidosi diabetica. “Furono -16C fuori; Avevo strati e strati, comprese tre paia di guanti. Ho dovuto spogliare tutto per potermi iniettare nello stomaco, sdraiato su una roccia innevata.

“Ho superato tutto questo e mi ha dato fiducia. Ho pensato: ‘Non temo il diabete. Se posso fare questo, posso fare qualsiasi cosa.’”

L’escursionismo è ormai uno stile di vita. Mavani ha recentemente completato la West Highland Way e la Cotswolds Way e ha prenotato un viaggio a Machu Picchu in Perù. Forse un giorno farà un’escursione in Kenya. Dall’alto del Kilimangiaro, avrebbe dovuto vedere il paese in cui è cresciuta, dove sua madre morì quando Mavani aveva 10 anni, prima che lei, le sue sorelle e suo padre si trasferissero in Inghilterra, scambiando i picnic sulla spiaggia di Mombasa con le escursioni nel Lake District. “Un giorno, spero”, dice.

Tutto sembra possibile ora per lei. “Non lascerò che il diabete mi definisca”, dice. “Sarò ancora quello che sono.”


Articolo originale pubblicato sul quotidiano The Guardian. Leggi l’articolo originaleArticolo originale pubblicato sul quotidiano The Guardian. Leggi l’articolo originale

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: