Benessere

Più inquinamento più malattie

Adv

L’esposizione all’inquinamento durante l’infanzia altera i microrganismi intestinali, può aumentare il rischio di malattie

Gli inquinanti inalati modellano lo sviluppo del microbioma in modi che possono promuovere allergie e obesità, influenzare il cervello

L’esposizione all’inquinamento atmosferico nei primi sei mesi di vita ha un impatto sul mondo interiore dei batteri intestinali, o microbioma, di un bambino, in modi che potrebbero aumentare il rischio di allergie, obesità e diabete e persino influenzare lo sviluppo del cervello, suggerisce una nuova ricerca CU Boulder.

Lo studio,  pubblicato questo mese  sulla rivista  Gut Microbes , è il primo a mostrare un legame tra gli inquinanti inalati, come quelli del traffico, degli incendi e dell’industria, e i cambiamenti nella salute microbica infantile durante questa finestra critica di sviluppo.

Precedenti ricerche dello stesso gruppo hanno trovato risultati simili nei  giovani adulti .

“Questo studio si aggiunge al crescente corpo di letteratura che mostra che l’esposizione all’inquinamento atmosferico, anche durante l’infanzia, può alterare il microbioma intestinale, con importanti implicazioni per la crescita e lo sviluppo”, ha affermato l’autrice senior Tanya Alderete, assistente professore di Fisiologia integrativa presso CU Boulder.

Alla nascita, un bambino ospita piccoli batteri residenti. Durante i primi due o tre anni di vita, l’esposizione al latte materno, agli alimenti solidi, agli antibiotici e ad altre influenze ambientali modellano i microrganismi. Quei microbi e i metaboliti, o sottoprodotti, che producono quando scompongono il cibo o le sostanze chimiche nell’intestino, influenzano una serie di sistemi corporei che modellano l’appetito, la sensibilità all’insulina, l’immunità, l’umore e la cognizione. Sebbene molti siano utili, alcune composizioni del microbioma sono state associate al morbo di Chrohn, all’asma, al diabete di tipo 2 e ad altre malattie croniche.

“Il microbioma gioca un ruolo in quasi tutti i processi fisiologici del corpo e l’ambiente che si sviluppa in quei primi anni di vita ti rimane”, ha detto il primo autore Maximilian Bailey, che si è laureato a maggio con un master in Fisiologia Integrativa ed è ora uno studente di medicina alla Stanford University.

Aumentare l’infiammazione

Per lo studio, i ricercatori hanno ottenuto campioni fecali da 103 bambini latini sani, principalmente allattati al seno, iscritti allo studio sul latte materno della California meridionale e hanno utilizzato il sequenziamento genetico per analizzarli.

Utilizzando i loro indirizzi stradali e i dati del sistema di qualità dell’aria dell’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti, che registra i dati orari dai sistemi di monitoraggio, hanno stimato l’esposizione a PM2,5 e PM10 (particelle fini inalabili provenienti da cose come fabbriche, incendi e cantieri) e biossido di azoto (NO2), un gas emesso in gran parte dalle automobili.

“Nel complesso, abbiamo visto che l’esposizione all’inquinamento atmosferico era associata a un profilo microbico intestinale più infiammatorio, che potrebbe contribuire a tutta una serie di futuri esiti negativi per la salute”, ha affermato Alderete.

Ad esempio, i bambini con la più alta esposizione al PM2,5 avevano il 60% in meno  di Phascolarctobacterium , un batterio benefico noto per ridurre l’infiammazione, supportare la salute gastrointestinale e favorire lo sviluppo neurologico. Quelli con la più alta esposizione al PM10 avevano l’85% in più del microrganismo  Dialister,  che è associato all’infiammazione.

In uno studio precedente, Alderete ha scoperto che  le donne latine in gravidanza  esposte a livelli più elevati di inquinamento atmosferico durante la gravidanza hanno bambini che crescono insolitamente velocemente nel primo mese dopo la nascita, mettendoli a rischio di obesità e malattie correlate più avanti nella vita.

I neonati sono particolarmente vulnerabili ai rischi per la salute dell’inquinamento atmosferico perché respirano più velocemente e il loro microbioma intestinale sta appena prendendo forma.

“Questo rende la vita in anticipo una finestra critica in cui l’esposizione all’inquinamento atmosferico può avere effetti sulla salute sproporzionatamente deleteri”, scrivono.

Minoranze razziali a maggior rischio

Le minoranze razziali e le comunità a basso reddito, che tendono a lavorare, vivere e frequentare la scuola in regioni più vicine alle strade trafficate o alle fabbriche, corrono un rischio ancora maggiore. Uno studio dell’Agenzia per la protezione ambientale del 2018 ha rilevato che le comunità di colore sono esposte a 1,5 volte più inquinanti atmosferici rispetto alle loro controparti bianche.

“I nostri risultati evidenziano l’importanza di affrontare l’impatto dell’inquinamento sulle comunità svantaggiate e indicano ulteriori passi che tutte le famiglie possono intraprendere per proteggere la propria salute”, ha affermato Alderete, che spera che la sua ricerca influenzi i responsabili politici a spostare le scuole e i progetti di alloggi a prezzi accessibili lontano dall’inquinamento fonti.

Gli autori avvertono che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se i cambiamenti nell’intestino durante l’infanzia hanno impatti duraturi e quali sono. Altri studi sono in corso.

Nel frattempo, Alderete consiglia a tutti di adottare questi passaggi per ridurre la propria esposizione agli inquinanti interni ed esterni:

  • Evitare di camminare all’aperto in zone ad alto traffico
  • Prendi in considerazione un sistema di filtraggio dell’aria a basso costo, in particolare per le stanze in cui i bambini trascorrono molto tempo
  • Se stai cucinando, apri le finestre
  • E per le neomamme, allatta il più a lungo possibile

“Il latte materno è un modo fantastico per sviluppare un microbioma sano e può aiutare a compensare alcuni degli effetti negativi delle esposizioni ambientali”, ha affermato Alderete.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: