Equilibrio Mangiare e bere

Quando lavoro con persone con disturbi alimentari, vedo molte regole sui cibi “buoni” e “cattivi”, ma mangiare non è mai così semplice

Adv

Di solito pensiamo che mangiare sia semplice, una risposta biologica a quanto ci sentiamo affamati o sazi.

Ma mangiare e divertirsi è un processo molto complesso. La nostra educazione, l’influenza di altri come la famiglia e gli amici, le nostre emozioni, i media, l’istruzione e il nostro stato di salute sono tutte influenze forti su come, cosa e quando mangiamo. Poi c’è il modo in cui il cibo viene cucinato e preparato, le nostre credenze e valori religiosi e il nostro accesso al cibo.

Quando lavoro con persone con disturbi alimentari, sento spesso i propri cari chiedere perché i malati non mangiano semplicemente come una “persona normale”. Non riescono a capire perché fanno fatica a mangiare. Cerco di spiegare che il mangiare è fortemente influenzato dal modo in cui pensiamo al cibo, al nostro corpo e a noi stessi.

Sperimentare con il gusto

La sensibilità sensoriale può avere una forte influenza sulle nostre preferenze alimentari. Questo può essere un fattore per le persone con autismo , che potrebbero essere sensibili al gusto, alla sensazione, all’aspetto o all’odore degli alimenti.

Potrebbero essere ipersensibili a sensazioni di cui gli altri non sarebbero disturbati. Ad esempio, potrebbero non apprezzare il modo in cui un cibo si sente in bocca e quindi sviluppare un’avversione per quel tipo di cibo.

Spesso questo è chiamato ” mangiare esigente ” in cui una persona non mangia determinati cibi. L’ipersensibilità diventa un problema se significa che una persona è molto limitata in ciò che mangerà al punto da poter diventare malnutrita o malsana a causa delle sue scelte alimentari. Questo può essere fastidioso e preoccupante per le famiglie e i propri cari. Dietisti e psicologi specializzati possono essere in grado di lavorare con persone con avversioni e sensibilità.

Anche le persone che non sono autistiche possono mantenere restrizioni e preferenze dietetiche. La nostra cultura e la familiarità con determinati alimenti influenzano le nostre abitudini alimentari e il godimento del cibo. Quanto siamo sperimentali con gli alimenti dipende spesso da quanto è variata la nostra dieta . Ad esempio, quando i bambini sono esposti a una varietà limitata di alimenti, sono spesso meno inclini a provare cibi non familiari da adolescenti e da adulti a causa della paura dell’ignoto.

 

Mangiare come un lavoro

Alcune persone evitano di mangiare e impiegano molto tempo a mangiare i cibi. In casi estremi, questo è associato a disturbi alimentari restrittivi e avversioni alimentari .

L’avversione al cibo è quando una persona non ama il cibo o ottiene pochissimo piacere dal mangiare. I pasti possono essere visti come un inconveniente o un lavoro di routine. Le persone possono mangiare solo cibi altamente trasformati come hamburger da asporto o drive-through. Potrebbero passare lunghi periodi senza mangiare se il cibo limitato che amano non è disponibile. È come una fobia del mangiare .

Se le persone perdono molto peso corporeo a causa della loro riluttanza a mangiare o diventano malsane in generale, il trattamento ruota attorno al mangiare a ore e all’impostazione di una routine, oltre alla desensibilizzazione al cibo, che può renderlo più un lavoro ingrato. Mangiare più socialmente con gli amici e rendere l’esperienza culinaria più piacevole può aiutare.

A volte, quando l’ora dei pasti è stata associata ad esperienze negative come litigare all’ora di cena, il piacere di mangiare con la famiglia può essere perso. Abbinare il mangiare con interazioni piacevoli è importante per un’alimentazione sana.

hamburger e patatine fritte su un piatto

Cibi buoni e cibi cattivi

Le preferenze alimentari possono anche essere apprese. Nei disturbi alimentari come l’anoressia nervosa, le persone sviluppano molte regole su quali cibi sono “buoni” o “cattivi”. Solitamente attribuiamo questi giudizi di valore a cibi ipocalorici o “sani”. Mangiare questi alimenti potrebbe far sentire una persona più a suo agio e positiva con se stessa. Se mangiano cibi “cattivi”, in genere quelli ricchi di zuccheri e carboidrati, potrebbero sentirsi in colpa e negativi nei confronti del proprio corpo e di se stessi.

Quando queste convinzioni diventano rigide e restrittive, la rieducazione può aiutare le persone a essere più flessibili con il loro mangiare, ad esempio essere in grado di mangiare cibi senza sensi di colpa. Mi piace parlare del fatto che tutti gli alimenti sono cibi “buoni” e si concentrano sulla loro funzione nel e per il corpo. Ad esempio, lo zucchero ci aiuta a darci energia, i carboidrati ci aiutano a concentrarci.

 

Il cibo come ricompensa

Mangiamo anche in risposta alle nostre emozioni . Potremmo impegnarci nel “mangiare stress” per distrarci da un problema urgente, o mangiare dolcetti per premiarci per aver fatto qualcosa che non ci piace.

Quando ai bambini vengono dati lecca lecca, gelato o qualcos’altro che gli piace davvero mangiare e forse non hanno molto spesso un buon comportamento o un risultato, il cibo diventa una potente ricompensa.

Anche l’azione inversa – essere privato del cibo, come il dessert, per comportamento scorretto – è potente.

Associazioni complesse

Quindi, il modo in cui mangiamo e ciò che mangiamo è correlato a come ci sentiamo, con chi siamo, alle nostre esperienze con il cibo, alle nostre associazioni con particolari tipi di alimenti, così come al nostro semplice bisogno biologico di carburante ed energia.

Più che una semplice risposta alla fame, il nostro rapporto con il cibo è un complesso gioco delle nostre emozioni, della nostra familiarità con il cibo, dei nostri sensi, della nostra cultura e educazione.


Ripubblicato da The Conversation, sotto una licenza Creative Commons, per leggere l’articolo originale clicca qui.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: