Ricerca Vista e dintorni

Una finestra sul cervello: la retina rivela i segni del morbo di Alzheimer e potrebbe aiutare con la diagnosi precoce

Adv

La retina è stata a lungo poeticizzata come finestra sull’anima, ma la ricerca ora mostra che potrebbe essere una finestra sul cervello e fungere da sistema di allerta precoce per il declino cognitivo.

Un numero crescente di ricerche suggerisce che la retina è più sottile nelle persone con malattia di Alzheimer, riflettendo la perdita di cellule che è un segno distintivo della malattia neurodegenerativa.

Abbiamo studiato un gruppo di persone di mezza età che fanno parte del Dunedin Study , un progetto longitudinale completo che va avanti da cinque decenni. Abbiamo scoperto che le persone con strati di fibre nervose retiniche più sottili (uno degli strati cellulari nella retina) avevano una velocità di elaborazione mentale più lenta . Questo è uno dei primi processi cognitivi a declinare nella malattia di Alzheimer.

Le persone nel nostro studio avevano 45 anni, che è giovane per aver indagato su malattie neurologiche legate all’età come l’Alzheimer. Ma i trattamenti e gli interventi sono più efficaci se somministrati durante le prime fasi dell’Alzheimer ed è fondamentale trovare il modo di identificare il rischio delle persone il prima possibile. Una facile identificazione del rischio aiuterà anche con le sperimentazioni cliniche per i trattamenti del morbo di Alzheimer.

Perché la retina è un buon biomarcatore per il cervello

Un grafico degli strati in una retina.

La retina (la parte posteriore dell’occhio) fa parte del sistema nervoso centrale e alcune delle sue cellule si collegano direttamente al cervello .

Molti dei processi che avvengono nel cervello si verificano anche nelle cellule gangliari della retina, un altro strato di cellule che compongono la retina. Ciò include alcuni dei processi anormali comuni nella malattia di Alzheimer, come la deposizione anormale della proteina beta amiloide e la perdita di cellule.

L’imaging della retina presenta molti vantaggi rispetto ad altre tecnologie di imaging. È veloce, con ogni scansione che richiede solo pochi secondi, non invasivo, indolore e relativamente economico.

È anche già ampiamente disponibile. Ad Aotearoa, ogni reparto oculistico ospedaliero dispone di un dispositivo di tomografia a coerenza ottica (OCT) per l’imaging della retina e questi dispositivi sono sempre più disponibili nelle cliniche di assistenza primaria e negli optometristi al dettaglio.

Una persona che ha una scansione della retina presa da un dispositivo per tomografia a coerenza ottica.

L’imaging retinico si presta anche ad essere interpretato da applicazioni di intelligenza artificiale. Ciò significa che la valutazione del rischio di Alzheimer dalla retina potrebbe essere rapida, facile e ampiamente disponibile.

Per questi motivi, i ricercatori stanno iniziando a studiare quanto presto la retina inizia a assottigliarsi nel morbo di Alzheimer. La malattia ha un esordio insidioso, con un graduale declino dei processi cognitivi come la memoria, ma la patologia sottostante tende ad essere abbastanza avanzata nel momento in cui le persone notano i sintomi e cercano cure mediche.

Se riusciamo a rilevare l’assottigliamento della retina prima che i sintomi diventino evidenti, potrebbe essere possibile identificare le persone che si trovano nelle prime fasi della malattia di Alzheimer.

Assottigliamento della retina e declino cognitivo nella mezza età

Le persone che abbiamo studiato fanno tutte parte dell’esclusivo Studio Dunedin, che ha monitorato lo sviluppo di mille bambini nati a ?tepoti Dunedin tra l’aprile 1972 e il marzo 1973.

Da allora sono stati valutati ripetutamente ogni pochi anni, su un’ampia gamma di argomenti tra cui salute mentale, comportamenti a rischio, funzione respiratoria e cardiovascolare, supporto sociale e salute dentale, tra gli altri.

Sono stati inoltre ripetutamente sottoposti a test cognitivi da quando erano bambini, ogni volta utilizzando formati simili e test standardizzati. Ciò significa che possiamo confrontare le loro prestazioni cognitive nella mezza età con i risultati dell’infanzia.

La maggior parte dei test cognitivi utilizzati negli studi sull’Alzheimer sono strumenti contundenti progettati per rilevare grandi cali cognitivi. Ma i dati cognitivi dettagliati che abbiamo ci consentono di rilevare anche piccoli cambiamenti cognitivi.

Utilizzando tecniche statistiche, abbiamo utilizzato i punteggi cognitivi di ogni persona durante l’infanzia per prevedere quello che ci aspetteremmo fosse il loro punteggio cognitivo all’età di 45 anni e abbiamo misurato quanto fossero lontani da ciò che avevamo previsto.

I punteggi di un certo numero di membri dello studio erano sostanzialmente inferiori a quanto ci si aspetterebbe, indicando che stavano sperimentando un declino cognitivo, anche nella mezza età.

Persona che ha un esame della vista

Perché questo è importante

Sebbene ci siano una serie di potenziali cause di declino cognitivo, i documenti del nostro gruppo di ricerca stanno costruendo un quadro dei fattori associati a questo risultato. Abbiamo scoperto che le persone che sperimentano un declino cognitivo di 45 anni hanno cervelli dall’aspetto più vecchio e sanguinamenti e lesioni più piccoli, noti come iperintensità, nella loro sostanza bianca (misurata utilizzando la risonanza magnetica).

La nostra ricerca ha scoperto che le persone con retine più sottili avevano cervelli dall’aspetto più vecchio e altre anomalie strutturali del cervello. Ciò suggerisce che il declino cognitivo, rilevato nelle sue prime fasi, è associato alla perdita di cellule nel cervello e nella retina.

Per approfondire ulteriormente questa domanda, ci stiamo ora concentrando sulla misurazione dei livelli dei membri dello studio di un tipo specifico di proteina (tau fosforilata pTau181 ) che è abbondante nei neuroni e depositata nelle cellule in diversi

malattie neurodegenerative

. Si pensa che questo sia uno dei primi indicatori del morbo di Alzheimer e ci aiuterà a capire se i cambiamenti che stiamo osservando sono specifici del morbo di Alzheimer e quanto precocemente possono essere rilevati.

Lo sviluppo di trattamenti per gli stadi avanzati della malattia di Alzheimer è stato finora inefficace e sembra probabile che i futuri trattamenti farmaceutici saranno più efficaci nelle prime fasi della malattia.

Inoltre, gli interventi basati sullo stile di vita possono aiutare a mitigare il declino cognitivo sintomatico . Ciò rende estremamente importante l’identificazione precoce delle persone che trarrebbero beneficio da questi interventi.


Articolo ripubblicato da The Conversation, sotto una licenza Creative Commons, per leggere l’articolo originale clicca qui.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: